Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Startup: l'Italia finalmente nel mirino degli investitori esteri?

Startup: l'Italia finalmente nel mirino degli investitori esteri?

Start Up
06-01-2017

Tante operazioni in pochi mesi, un segnale che fa ben sperare per il futuro.

Non è solo un'impressione. Da qualche tempo pare davvero che all'estero si siano accorti che, anche in Italia, esistono startup in cui vale la pena investire, o addirittura da comprare. L'ultima, in ordine di tempo, è stata l' acquisizioneda parte di Intel dell'azienda pisana Yogitech. Poco prima, Amazon aveva compratol'astigiana Nice.

In entrambi i casi, peraltro, non è del tutto appropriato parlare di startup: sia Yogitech che Nice sono imprese ormai di lungo corso, la prima fondata nel 2000, la seconda nel 1996. Il che non rende però scontato o meno degno di nota l'interesse di due colossi americani. Se guardiamo ai singoli finanziamenti (quindi non alle exit), la lista si fa ancor più interessante. Per anni, i grandi fondi internazionali avevano guardato al nostro paese solo in casi sporadici.

C'era stato Balderton a investire in Yoox nel 2003, poi Decysion aveva raccolto fondi negli Stati Uniti, e pochi altri. Ora il vento sembra essere cambiato.  "Di recente - spiega Lorenzo Franchini, manager e creatore di ScaleIt, il principale evento in Italia dove startup italiane già mature incontrano gli investitori stranieri - abbiamo visto ben 4 investimenti di fondi esteri in pochi mesi: lo scorso settembre Highland Capital Partners ha messo dieci milioni in Dove Conviene, poi Index Ventures ha scelto di puntare su FaceIT e Money Farm. Nei giorni scorsi infine, Opus Capital ha investito in Cloud4Wi".

Operazioni in cui sono girati parecchi soldi, rispetto a quanto ci aveva abituato di solito il mercato italiano: 8 milioni per Cloud4Wi, 16 milioni per Money Farm, 15 milioni per FaceIT. È vero che si tratta di startup che in alcuni casi hanno spostato il quartier generale all'estero, ma è anche vero che sono nate da italiani, per lo più in Italia, e che mantengono una base importante nel nostro paese.

Altre buone notizie potrebbero arrivare dalle aziende partecipanti alla prima edizione di ScaleIT, che si è svolta lo scorso autunno (la seconda, di cui è appena stato annunciato il bando di partecipazione, si terrà nell'ottobre di quest'anno).  "Ci arrivano segnali molto positivi - dice Franchini - Ci sono almeno tre aziende fra quelle che erano state selezionate nel 2015, che in negoziazione con importanti investitori esteri e che potrebbero chiudere degli accordi a breve".

Dunque, qualcosa si muove, e si potrebbero aggiungere a questa breve rassegna anche i 5 milioni di euro immessi a marzo da Cisco nel fondo Invitalia Ventures. È sufficiente, tutto ciò, per adottare toni trionfalistici? Di certo, no.  Uno dei problemi - fra gli altri - dell'ecosistema dell'innovazione italiano, è la discrepanza fra l'immagine di sé stessi che viene comunicata e la reale importanza dell'Italia nell'agone internazionale in questo campo.

La situazione in cui ci troviamo ora, è per molti versi a quella in cui versavano altri Paesi mediterranei alcuni anni orsono. Nazioni che però, nel frattempo, hanno fatto parecchi passi in avanti.  "La speranza - racconta il manager, che è anche co-fondatore dell'associazione Italian Angels for Growth - è che si possa seguire il percorso fatto dalla Spagna cinque anni fa, anche se improbabile che si ormai possa colmare il gap.

Bisogna costruire una traiettoria seria per la crescita e fra cinque anni si potrebbe arrivare al mezzo miliardo di investimenti". La strada è ancora lunga, ma il percorso pare davvero iniziato. 

FEDERICO GUERRINI

Fonte: http://bit.ly/1TL8aF9

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Start Up
Startup in Italia dati 2017 da Unioncamere: sono stati aggiornati al secondo trimestre 2017 i dati sule startup italiane e mostrano una continua crescita.  Startup in italia dati 2017 Al 30 giugno 2017 il numero di startup in italia iscritte alla ....
ven 27 ott, 2017
STARTUP
La trasformazione digitale delle nostre spiagge e delle nostre vacanze parte dall’automazione e dall’app economy. Selezionate per il SUN 2017 di Rimini le 10 startup che hanno presentato le soluzioni più innovative. Si va dalla macchina ....
gio 03 ago, 2017

Eventi correlati

START UP
Dal 06-02-2017
al 10-02-2017
Luogo: #SEW17 Gli eventi italiani della Startup Europe Week 2017
In oltre 40 paesi, dal 6 al 10 febbraio 2017, sono organizzati eventi e iniziative per informare i potenziali imprenditori sulle attività, gli strumenti e le opportunità di finanziamento per la creazione di impresa. Anche in Italia sono molt

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589