Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Digitale, Piacentini e il passaporto elettronico fatto con bolli, foto e file

Digitale, Piacentini e il passaporto elettronico fatto con bolli, foto e file

DIEGO PIACENTINI
22-12-2016

L'ex top manager di Apple ed Amazon, ora commissario del governo per l'innovazione, nota sul web che in Italia questo documento non è poi così digitale, e lo racconta con la testimonianza di un lettore. "Bicchiere mezzo pieno, ma molti silos del processo non sono integrati".

Diego Piacentini accende un faro sul passaporto elettronico che l'Italia permetterebbe di fare. L'ex top manager di Apple ed Amazon, ora commissario del governo per l'attuazione dell'Agenda Digitale, posta sul suo blog Team Digitale - che ha costituito a Palazzo Chigi per portare a termine la sua missione - l'intervento di un lettore, Nicola Mastrippolito. Questi è corso a provare questa procedura che gli sembrava innovativa, rivoluzionaria ma ha dovuto fare i conti con la realtà, forse inevitabile nel nostro Paese imperfetto e arretrato: di "elettronico" la procedura ha ben poco.

Piacentini lo cita: "Scopro che abbiamo il passaporto elettronico! Piano piano però il mio entusiasmo diminuisce nello scoprire che dal sito posso soltanto prendere appuntamento per presentare la domanda e posso scaricare il modulo della domanda stessa parzialmente compilato (naturalmente mancano le solite informazioni che la Pubblica Amministrazione già conosce)".

"Scopro inoltre che per presentare la domanda in Questura occorre precedentemente acquistare in tabaccheria il bollo per le spese amministrative ed andare in Posta a pagare l'apposito bollettino (con la solita sovrattassa di 1,50 euro per le Poste). Possibile che non sia possibile effettuare il pagamento online o direttamente in Questura (bancomat o carta di credito) alla presentazione della domanda?".

"Occorre inoltre presentare le solite due fotografie in formato tessera. Naturalmente le foto che ho portato vengono allegate alla domanda ed una viene scannerizzata (insieme alla mia firma) per essere poi stampata sul passaporto!!! Ma come, mi vengono chieste delle foto tessera che poi vengono scannerizzate? Non era più semplice una piccola webcam per fotografarmi alla presentazione della domanda ed avere quindi un'immagine con una migliore qualità (cosa che viene regolarmente fatta in altri Paesi europei e non solo!)?".

Segue il commento di Piacentini, che resta comunque ottimista: "Il bicchiere è mezzo pieno, non mezzo vuoto", scrive. "Le fasi di rilascio del passaporto sono migliorate negli ultimi anni e i tempi di prenotazione (che ora sono frequentemente online) e la consegna del passaporto (che si può anche ricevere comodamente a casa via posta) sono in linea con gli standard di molti altri Paesi. Tuttavia, ci sono ancora molti silos nel processo, come quelli descritti nell'esempio, che non sono integrati tra di loro".

ALDO FONTANAROSA

Fonte: http://bit.ly/2hqxmFT

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Roberto Morello, Dirigente Medico Ospedaliero, Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
La sala gremita del Convegno
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia.
a
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc
La platea dei partecipanti
Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr, a destra Valentina Nucera, medico e socio Aidr

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
Più di 3,5 milioni di genitori si sono imbattuti in indicazioni mediche sbagliate, ma 15 milioni di italiani cercano prevalentemente su internet soluzioni ai propri malanni e senza le necessarie competenze. Intanto parte il Gruppo europeo per la ....
ven 19 gen, 2018
m
Segnando una decisa discontinuità rispetto al passato, il Comune di Milano ha deciso di mettere a disposizione del territorio metropolitano una parte consistente dei finanziamenti di cui è beneficiario grazie al progetto PON Metro. Ecco ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589