Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » PMI verso il digitale: scenari 2017

PMI verso il digitale: scenari 2017

Federico Leproux, amministratore delegato di Grupp
15-12-2016

Federico Leproux, amministratore delegato di Gruppo TeamSystem, fa il punto su uno dei cardini per la crescita delle PMI italiane: la trasformazione digitale.

Il 2017 sarà un anno chiave nel percorso di trasformazione digitale del nostro sistema di impresa. Dopo aver introdotto l’obbligo di fatturazione elettronica verso la PA nel 2016, il quadro normativo ha infatti confermato – proprio nelle scorse settimane – l’introduzione di incentivi per le imprese che utilizzeranno il sistema di fatturazione elettronica negli scambi B2B.

Lo scambio di fatture elettroniche tra aziende ha un grande potenziale di sviluppo: secondo alcuni dati del Politecnico di Milano, infatti, nel 2015 sono state scambiate tra aziende e aziende circa 80 milioni di fatture, che corrispondono appena al 6% del totale delle fatture scambiate ogni anno in Italia.

La scarsa diffusione non dipende dalla mancanza di vantaggi tangibili: scambiare le fatture in modalità digitale, permette significativi risparmi e migliora considerevolmente i processi interni. Perché la diffusione sia estesa è, però, necessario innescare un processo virtuoso che coinvolga tutti i partecipanti. Il ruolo delle Istituzioni, da questo punto di vista, è stato e sarà anche in futuro fondamentale.

D’altronde, introdurre e sostenere l’adozione di processi digitali tra le imprese è il modo migliore per incrementare la produttività che serve per competere sui mercati globali e per tornare a crescere in modo solido.

La fatturazione elettronica, in questo scenario, è un primo importante tassello e può innescare un processo virtuoso, aiutando le imprese a sperimentare concretamente il valore e i benefici del digitale. Perché va chiarito: il digitale non è solo fatturazione elettronica e non è solo riduzione dei costi. Innovare il processo passando al digitale porta con sé un salto di qualità importante, che rende l’azienda più agile e snella attraverso la tecnologia.

Con il digitale possiamo rendere i processi più semplici e controllati, ridurre errori, raccogliere molte più informazioni, lavorare in modo integrato, collaborando in modo più sinergico con tutta la filiera, dai clienti ai fornitori, passando per i partner.

Sarà dunque il 2017 l’anno del digitale? Il quadro normativo è positivo e incentiverà sempre più questo percorso, le tecnologie sono disponibili, semplici e affidabili. Investire in trasformazione digitale, però, non significa solo introdurre una nuova tecnologia: in azienda entra una nuova cultura, cambia il modo di lavorare delle persone, cambia il modo di organizzare i processi e gestire le informazioni. Inoltre, deve cambiare il ruolo delle tecnologie e dei sistemi, che non sono più una “spesa necessaria”, ma un investimento strategico.

I nostri imprenditori conoscono il valore dell’innovazione, lo dimostrano ogni giorno con il loro successo nel mondo, e una volta dimostrato che il digitale crea valore, certamente lo sfrutteranno al meglio.


 Federico Leproux, amministratore delegato di Gruppo TeamSystem Fonte: http://bit.ly/2hR5lXE

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Arturo Siniscalchi,  vice presidente AIDR dirigente di Formez, Mauro Nicastri, Presidente AIDR dirigente dell'Agenzia per l'Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri,  Cataldo Calabretta, Avvocato
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
Da sinistra verso destra: Raffaella Regoli, Caporedattore Mediaset; Rosangela Cesareo, Blogger e socio AIDR; Francesca Montemagno, Presidente di Pari o Dispare;
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (1 ist,0 cat)
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Alcuni soci AIDR
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc

Notizie e Comunicati correlati

vitto
Vincenzo Scotti, Link Campus University: "In autunno sarà indispensabile un progetto per lo sviluppo della nostra economia" E’ stata una settimana politica indicativa per quello che è destinato ad essere “l’autunno della ....
lun 23 lug, 2018
m
L'utilizzo delle nuove tecnologie, dei digital media e la diffusione della cultura attraverso il web è alla base dell’accordo di collaborazione sottoscritto dall’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e dalla testata ....
mer 04 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589