Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Jacoby (Cisco): "Digital transformation, l'Italia ce la farà"

Jacoby (Cisco): "Digital transformation, l'Italia ce la farà"

cisco
12-12-2016

Intervista alla Senior Vp Operations della multinazionale: "Il piano italiano per il digitale è convincente, siamo sicuri che ci saranno dei risultati. Beme lo sprint su Industria 4.0 e banda ultralarga, ma occhio alle competenze".

La Senior Vice President Operations di Cisco Rebecca Jacoby non nasconde la sua soddisfazione per essere anche la sponsor del programma di investimenti Digitaliani. E non solo perché così può visitare spesso il nostro "bellissimo paese" ma perché crede fermamente nel cammino verso il digitale intrapreso dall'Italia e nella sua "enorme ricchezza di talenti".

Cisco ha messo in campo 100 milioni di euro in tre anni per accelerare la realizzazione dell’Agenda digitale italiana: perché questo importante investimento?
Abbiamo selezionato un gruppo di paesi che secondo noi hanno intrapreso una politica credibile e attiva sulla trasformazione digitale della loro economia e della società; a questi paesi Cisco si affianca come un partner. Con Digitaliani, Cisco si impegna in una collaborazione a lungo termine con i leader politici, il mondo industriale, accademico e dell’innovazione in Italia. La trasformazione digitale è inevitabile e i governi devono dare una risposta perché l'impatto si riverbera su ogni cittadino e aspetto della vita; la chiave è tradurre il cambiamento in opportunità di crescita.

Quali sono secondo lei i concetti alla base della digital transformation?
La digital transformation è un modo 'distribuito' di fare IT: i dati arrivano da fonti molteplici e sparse ovunque nel mondo e così anche i device che li conservano, elaborano, analizzano o utilizzano sono ovunque - pensiamo a mobile, IoT cloud. Altro aspetto che non va dimenticato, per esempio quando si parla di Industria 4.0, è che lo scopo della trasformazione digitale è semplificare, spezzare i silos, automatizzare, aggiungere intelligenza e sicurezza ai dati, ai processi e alle infrastrutture. Questo rende le economie e le società più efficienti e capaci di adattarsi in modo continuativo. Terzo aspetto chiave: non siamo soli nel mondo digitale! Il digitale è un ecosistema: industria, pubblica amministrazione, cose, persone, tutto è interconnesso. Infine, c'è un cambio di mentalità da mettere in conto: bisogna essere pronti all'apprendimento continuo, all'adattamento costante a ambienti, persone e competenze diversi e in evoluzione.

Nella digitalizzazione Cisco è un partner, ha detto. All'Italia non dice che cosa deve fare, però si aspetta risultati concreti.
Il piano italiano per il digitale è convincente, siamo sicuri che ci saranno dei risultati. Cisco ha visto un focus determinato sui pilastri della digitalizzazione: infrastrutture, digitalizzazione delle imprese e della produzione, formazione delle competenze, consapevolezza degli obiettivi e degli strumenti per raggiungerli. In Italia molto è già stato fatto: l’accordo con Invitalia Ventures e Cisco Investments, che ha messo a disposizione 5 milioni di euro nel fondo Invitalia Ventures; accordi di collaborazione con alcune delle più importanti realtà nell’ecosistema dell’innovazione italiana, come dPixel, H-Farm e Talent Garden; i protocolli di intesa con la Regione Friuli Venezia Giulia e con il Comune di Palermo per accelerare il processo di innovazione. Digitaliani va nei territori, è un programma che tiene conto e sfrutta la specificità dell'ecosistema italiano. L'Italia ha tantissimo talento e passione, ma finora ha sofferto di carenza di venture capital, non ci sono stati sufficienti investimenti in start-up, hub dell'innovazione, formazione.

La formazione è uno dei vostri temi più cari. Quanto conta nella digital economy?
Oggi più che in passato possedere una base di conoscenza tecnico-scientifica è essenziale. Non si può lavorare nell'economia digitale senza competenze su IoT, dati, cyber-sicurezza, ecc. Sono venuta a novembre in Italia nello specifico per un protocollo di intesa che Cisco ha siglato col ministero della Giustizia per portare la formazione Ict anche nelle carceri: ai detenuti sarà offerto un corso IT essentials, parte del Programma Cisco Networking Academy che Cisco propone dal 1997 in scuole, università, realtà del non profit ed enti pubblici di tutto il mondo. Ma ovviamente non tutti devono diventare scienziati e ingegneri. E ci sono altre competenze che sono importanti oggi, come la capacità di lavorare in squadra e collaborare, e la flessibilità: anche skills e leadership sono un processo di adattamento.  

Patrizia Licata  

Fonte: http://bit.ly/2hlqFYR
 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Massimo La Camera, CEO Tecnoter e Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia,
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto
Federica Meta, giornalista Corriere delle Comunicazioni
La platea dei partecipanti

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
In rete la solidarietà corre senz’altro più veloce. Ne sa qualcosa l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) che ha donato alcuni tablet ai piccoli pazienti dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria ....
mer 03 gen, 2018
AIDR
Al Galà di Natale organizzato da Aidr è stata premiata la fondazione pontificia Scholas Occurrentes, della rete mondiale di istituti educativi creata da Papa Francesco. Il Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri ha sottolineato: “Dobbiamo ....
mar 26 dic, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589