Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Zuckerberg pensa alla politica, ma senza lasciare Facebook

Zuckerberg pensa alla politica, ma senza lasciare Facebook

Facebook Zuckerberg
10-12-2016

È l'inedito scenario che emerge dalle carte giudiziarie di un processo che ha visto il fondatore del social network contrapposto a un gruppo di azionisti di minoranza.


Mark Zuckerberg, il fondatore e Ceo di Facebook, ha pensato di entrare in politica ma senza cedere il controllo dell'azienda: è questo l'inedito scenario che emerge dalle carte giudiziarie di un processo che lo ha visto contrapposto a un gruppo di azionisti di minoranza. La class-action è stata depositata a fine aprile, dopo che Zuckerberg aveva proposto e ottenuto una riorganizzazione per diluire il potere di voto degli azionisti, blindando a detta dei ricorrenti "il controllo eterno" della società.

In base alla sua riorganizzazione, così come emerge dalle carte, Zuckerberg potrà prendersi due anni sabbatici per "una posizione nel governo o un incarico" politico, senza perdere il controllo di Facebook. I documenti sono stati desecretati solo nei giorni scorsi ma si riferiscono ai piani messi a punto dal numero uno di Paolo Alto a inizio anno.

Studiando le carte processuali, il Guardian ha ricostruito gli scambi via sms tra Zuckerberg e due componenti del board, che parlano di un eventuale incarico governativo di Zuckerberg e di come presentare la proposta agli azionisti senza che questi percepiscano un minore impegno del Ceo. "La questione più grande", gli scriveva a marzo uno dei principali azionisti di Facebook, il venture capitalist, Marc Andreessen, è "come definire questo servizio al governo senza terrorizzare gli azionisti (sul fatto) che tu ti stia defilando".

Sesta persona più ricca al mondo e molto interessato alla filantropia, Zuckerberg finora ha sempre cercato di evitare la politica. Ma si è via via incontrato con esponenti repubblicani, democratici e anche dell'Amministrazione
Obama. Uno dei membri del board di Facebook, Peter Thiel, ha sostenuto Donald Trump, e Facebook di recente è stato accusato di essere una delle piattaforme di disinformazione e circolazione di notizie false che avrebbero contribuito al successo del candidato repubblicano. 

La Repubblica.it

Fonte: http://bit.ly/2gLU6jf

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

google
Subito dopo Facebook, è il turno di Google. A stretto giro dall’annuncio della guida per gli utenti sulle “fake news” messa a punto da Facebook, non si è fatta attendere l’iniziativa di Mountain View. Da ottobre era ....
lun 10 apr, 2017
TWITTER
La privacy degli utenti prima di tutto. Per i colossi della Silicon Valley le priorità, almeno apparentemente, sono chiare. Mai mollare di un centimetro: lo si è visto nel caso Apple-Fbi sull'iPhone del terrorista di San Bernardino, ma anche ....
dom 09 apr, 2017

Eventi correlati

Codemotion Rome 2017
Dal 22-03-2017
al 25-03-2017
Luogo: Dipartimento di Ingegneria dell'Università Roma TRE, via Vito Volterra, 60, Roma.
Il Codemotion Rome si svolgerà da 22 Marzo al 25 Marzo 2017, per una quattro giorni dedicata a tutti i programmatori, più o meno esperti.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
SIELTE
Service Tech
Pro Q
WhereApp
Echopress
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Gi Group
Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589