Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Come una notizia falsa su Reddit ha causato una sparatoria e un arresto veri

Come una notizia falsa su Reddit ha causato una sparatoria e un arresto veri

 notizia falsa su Reddit
08-12-2016

L’assurda storia del Pizzagate: una bufala contro Hillary Clinton scatena la reazione di un giustiziere armato. E rivela come la violenza verbale e la mancanza di controllo su una delle piattaforme di condivisione più popolare in Usa abbiano raggiunto livelli pericolosi.

In una pizzeria di Washington, chiamata Comet Ping Pong, si riunisce un gruppo di pedofili dediti alla prostituzione minorile. A dirigerlo Hillary Clinton insieme al presidente della sua campagna elettorale John D. Podesta. Senza dubbio una notizia falsa, diventata l’oggetto di numerose conversazioni di una comunità di Reddit chiamata appunto Pizzagate. La bufala è diventata talmente virale da spingere un uomo a presentarsi nel locale armato di un fucile d’assalto e a sparare alcuni colpi. E come ha spiegato Buzzfeed, è nato tutto da un tweet e da un post su 4chan (che immaginavano l’esistenza di un’indagine) per poi propagarsi sulle bacheche dello stesso Reddit. Così una notizia falsa ha causato una sparatoria vera e un arresto.

Il gruppo è stato chiuso, ma l’avvenimento ha ben presto trascinato nel caos la piattaforma, che è un incrocio tra social network e aggregatore di notizie. L’eliminazione della bacheca ha scatenato la rabbia degli utenti di un’altra comunità: quella dei sostenitori di Donald Trump. I membri di The_Donald hanno iniziato a insultare l’amministratore delegato Steve Huffman (scrivendo anche di una sua implicazione nel cosiddetto Pizzagate) e i moderatori dei commenti. Volgarità e oscenità che però sono state modificate e cancellate. Lo stesso Huffman ha ammesso di aver editato personalmente i commenti. «Ho pensato di entrare in contatto con il gruppo abbassandomi al loro livello, non è andata come avevo previsto. Dopo un’ora, ho subito ripristinato i contenuti originali». ha spiegato l’uomo in un post pubblicato con il suo profilo personale Spez. Una mossa che molti hanno definito un abuso di potere e allo stesso tempo una grave censura nei confronti della comunità. Ma per Huffman si tratta solo di un’abitudine, a causa della sua formazione da troll nella rete.

E su Reddit, di troll e hater ce ne sono tantissimi: soprattutto all’interno di The_Donald. Nata un anno fa, la comunità ospita i sostenitori del neopresidente Donald Trump. Molti dei suoi utenti sono dediti a insultare Hillary Clinton, a pubblicare notizie false e a minacciare i moderatori, incitando gli altri membri a votare contro di loro. Secondo un articolo di Gizmodo, questi comportamenti, in aperta violazione delle regole del social network, sarebbero ampiamente tollerati dagli stessi vertici di Reddit. Interpellati dal sito americano, i moderatori hanno dichiarato di aver perso la speranza nella possibilità di poter controllare la violenza verbale all’interno del gruppo.

Il problema dell’incitamento all’odio (Hate Speech) sui social network interessa anche Facebook e Twitter, da anni al centro di polemiche per profili e post offensivi nei confronti di esponenti politici e delle diversità di genere e razziali. In Germania Mark Zuckerberg e i vertici europei sono sotto inchiesta per non aver rimosso contenuti che inneggiavano al razzismo e al nazismo. Mentre su Twitter sono state introdotte nuove funzionalità «in modo che tutti i titolari di account possano controllare meglio la loro esperienza individuale sulla piattaforma, aggiornando mute e blocco e introducendo opzioni di segnalazione di contenuti più efficaci», come ha dichiarato alla Stampa Sinead McSweeney, VP of Public Policy per Europa, Asia e Medio Oriente.  

MARCO TONELLI

Fonte: http://bit.ly/2gFhrDc

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Arturo Siniscalchi Dirigente Formez PA e Vicepresidente iTalian Digital Revolution (AIDR)

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
BuzzFeed News ha dedicato un lungo e approfondito articolo su una rete di siti di notizie in Italia, che secondo le indagini dei giornalisti Alberto Nardelli e Craig Silverman è riconducibile a un unico imprenditore attivo a Roma e ha legami con ....
gio 23 nov, 2017
professioni digitali
In Italia la domanda di IT specialist salirà del 56%. Aziende a caccia di esperti IoT e security. Retribuzioni annue fino a 70mila euro. I dati dell'Ossevatorio Antal Italy. Le professioni digitali trainano il mercato del lavoro. A scattare la ....
ven 17 nov, 2017

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589