Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Standard comuni sulle smart city: accordo tra ITU, ISO, IEEE ed ETSI

Standard comuni sulle smart city: accordo tra ITU, ISO, IEEE ed ETSI

n
06-09-2016

Sviluppare i futuri standard necessari alla realizzazione di città intelligenti avanzate e realmente innovative da un punto di vista di efficienza, qualità, sicurezza. 

In occasione del forum mondiale sulle smart cities che si è tenuto a luglio a Singapore, le principali organizzazioni che si occupano di delineare gli standard tecnologici a livello internazionali hanno raggiunto un importante accordo sul tema smart cities e smart communities.

Secondo quanto annunciato la scorsa settimana sul sito dell’International electrotechnical commission (IEC), poi riportato da Osborne Clarke, ITU (International Telecommunication Union), la stessa IEC, ISO (International organisation for standardisation), IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers), CEN (Comité Européen de Normalisation), Cenelec (Comité européen de normalisation en électronique et en électrotechnique) ed Etsi (European Telecommunications Standards Institute), hanno sottoscritto un piano di collaborazione per sviluppare e fissare degli standard comuni relativi alle tecnologie e i servizi dedicati a città e comunità intelligenti.

L’incontro, a cui hanno partecipato 300 invitati tra urbanisti, sindaci, architetti, utilities, aziende di trasporto, specialisti data security e rappresentanti del settore industriale, è stato organizzato da IEC, in partnership con ISO e ITU per lavorare a procedure più efficaci, efficienti e moderne.

Se parliamo di smart cities nessuna organizzazione da sola è in grado di far fronte alla complessità della materia – ha dichiarato Frans Vreeswijk, segretario generale e Ceo di IEC – le città del futuro sono un tema multidimensionale, sono sistemi di sistemi che si devono far funzionare in maniera sincronizzata, è necessario un lavoro di squadra”.

Tutte le sigle coinvolte dal programma di collaborazione daranno vita nei prossimi mesi ad un framework più completo di attività e incontri, che poi sarà approvato durante il 2017, aperto anche ad esperti di diverse discipline relative lo sviluppo urbano, agli amministratori pubblici, agli innovatori, agli urbanisti, alle smart communities e le aziende del settore, col fine di sviluppare un’idea di smart city più avanzata ed efficiente possibile.

Flavio Fabbri 

Fontehttps://www.key4biz.it/standard-comuni-sulle-smart-city-accordo-tra-itu-iso-ieee-ed-etsi/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai, Isabella Mori, Membro della Direzione Nazionale di Cittadinanzattiva per le politiche nazionali su trasparenza e corruzione
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (1 ist,0 cat)
La platea dei partecipanti
Alcuni soci AIDR
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
MAMME IN PARLAMENTO - CAMERA DEI DEPUTATI
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, On. Dieni Federica M5S, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR, Promotrice MAMME IN PARLAMENTO

Notizie e Comunicati correlati

smart working
Anche in Italia avanza progressivamente lo smart working. Il “lavoro intelligente” - da non confondere col telelavoro - , è la possibilità di operare flessibilmente, slegati da un luogo fisico ma gestendo in piena autonomia il ....
mar 24 apr, 2018
Rai
Il passaggio al digitale diverrà prima o poi per tutti un passo obbligato. La Rai ha scelto di giocare un po’ in anticipo, decidendo di investire sul digitale e di implementare una rete nazionale entro brevi periodi Prima è toccato ....
mer 18 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589