Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Standard comuni sulle smart city: accordo tra ITU, ISO, IEEE ed ETSI

Standard comuni sulle smart city: accordo tra ITU, ISO, IEEE ed ETSI

n
06-09-2016

Sviluppare i futuri standard necessari alla realizzazione di città intelligenti avanzate e realmente innovative da un punto di vista di efficienza, qualità, sicurezza. 

In occasione del forum mondiale sulle smart cities che si è tenuto a luglio a Singapore, le principali organizzazioni che si occupano di delineare gli standard tecnologici a livello internazionali hanno raggiunto un importante accordo sul tema smart cities e smart communities.

Secondo quanto annunciato la scorsa settimana sul sito dell’International electrotechnical commission (IEC), poi riportato da Osborne Clarke, ITU (International Telecommunication Union), la stessa IEC, ISO (International organisation for standardisation), IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers), CEN (Comité Européen de Normalisation), Cenelec (Comité européen de normalisation en électronique et en électrotechnique) ed Etsi (European Telecommunications Standards Institute), hanno sottoscritto un piano di collaborazione per sviluppare e fissare degli standard comuni relativi alle tecnologie e i servizi dedicati a città e comunità intelligenti.

L’incontro, a cui hanno partecipato 300 invitati tra urbanisti, sindaci, architetti, utilities, aziende di trasporto, specialisti data security e rappresentanti del settore industriale, è stato organizzato da IEC, in partnership con ISO e ITU per lavorare a procedure più efficaci, efficienti e moderne.

Se parliamo di smart cities nessuna organizzazione da sola è in grado di far fronte alla complessità della materia – ha dichiarato Frans Vreeswijk, segretario generale e Ceo di IEC – le città del futuro sono un tema multidimensionale, sono sistemi di sistemi che si devono far funzionare in maniera sincronizzata, è necessario un lavoro di squadra”.

Tutte le sigle coinvolte dal programma di collaborazione daranno vita nei prossimi mesi ad un framework più completo di attività e incontri, che poi sarà approvato durante il 2017, aperto anche ad esperti di diverse discipline relative lo sviluppo urbano, agli amministratori pubblici, agli innovatori, agli urbanisti, alle smart communities e le aziende del settore, col fine di sviluppare un’idea di smart city più avanzata ed efficiente possibile.

Flavio Fabbri 

Fontehttps://www.key4biz.it/standard-comuni-sulle-smart-city-accordo-tra-itu-iso-ieee-ed-etsi/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (2 ist,0 cat)
Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr, a destra Valentina Nucera, medico e socio Aidr
a
Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
AIDR e Fattore Mamma
Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
Più di 3,5 milioni di genitori si sono imbattuti in indicazioni mediche sbagliate, ma 15 milioni di italiani cercano prevalentemente su internet soluzioni ai propri malanni e senza le necessarie competenze. Intanto parte il Gruppo europeo per la ....
ven 19 gen, 2018
m
Segnando una decisa discontinuità rispetto al passato, il Comune di Milano ha deciso di mettere a disposizione del territorio metropolitano una parte consistente dei finanziamenti di cui è beneficiario grazie al progetto PON Metro. Ecco ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589