Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » La dieta mediale degli italiani, meno Tg e più social per informarsi

La dieta mediale degli italiani, meno Tg e più social per informarsi

MEDIA E ITALIANI
03-12-2016

Guardano la Tv ma meno Tg, leggono meno giornali ma s’informano sui social, disposti ad essere controllati pur di sentirsi al sicuro. È quello che emerge dal 50^ Rapporto ‘Censis’ sulla situazione sociale del Paese. Ecco le 10 curiosità del report.

La crisi economica e la disintermediazione digitale hanno cambiato sia i comportamenti sia i consumi mediatici degli italiani. I cittadini comprano meno pane e quotidiani, ma sempre più dispositivi digitali, perché vogliono essere connessi in Rete e tra di loro.

Ben sette italiani su 10 navigano sul Web.
Questa è la fotografia scattata dal Censis con il 50^ rapporto sulla situazione sociale del Paese. Di seguito ecco le 10 novità e curiosità che emergono dal report presentato oggi.

Quasi tutti davanti alla Tv, ma meno Tg
Nel 2016 il pubblico della televisione continua ad essere sostanzialmente coincidente con la totalità della popolazione: è pari al 97,5% degli italiani.

I telegiornali in calo del 17,9%
Nel 2011 l’80,9% degli italiani dichiarava che nella settimana precedente la rilevazione aveva acquisito informazioni dai TG, ma nel 2016 il dato si è ridotto al 63%, con un calo di 17,9 punti percentuali. E la disaffezione è soprattutto tra i diplomati e i laureati, che erano i più affezionati utenti dei telegiornali: ad oggi il 27,3 di questo target non guarda più i TG.

Ci si informa su Facebook e piace sempre la radio
Tra le prime fonti utilizzate per informarsi, dopo il 63% dei telegiornali, si colloca Facebook con il 35,5% e i giornali radio con il 24,7%. I quotidiani non superano il 18,8%. Il 19,4% sceglie i motori di ricerca come Google, il 10,8% YouTube e il 2,9% Twitter. A proposito della radio, l’utenza complessiva è pari all’83,9% degli italiani.

6 italiani su 10 disposti a violazione della privacy per la sicurezza
Il 63,9% degli intervistati ha ammesso che preferisce essere controllato pur di sentirsi al sicuro. Inoltre gli utenti di internet si dicono disposti a subire limitazioni della propria privacy online se questo servisse per contrastare la pedopornografia (lo dichiara il 49,3%), prevenire attentati terroristici (45,4%), combattere la criminalità (42,7%), mettere in sicurezza la Rete dagli attacchi degli hacker (34,7%), aiutare le indagini dei magistrati (28,1%) e solo il 27,2% non è disposto in nessun caso.

I giornali continuano a perdere i lettori
I quotidiani cartacei continuano a perdere i lettori: -1,4% nell’ultimo anno, -26,5% complessivamente nel periodo 2007-2016. In totale solo 4 italiani su 10 leggono la carta stampata.

Bene i quotidiani online e siti web d’informazione
Invece continua ad aumentare l’utenza dei quotidiani online (+1,9% nell’ultimo anno) e degli altri siti web di informazione (+1,3%).

Settimanali, mensili libri e eBook
Mantengono i propri lettori i settimanali (+1,7%) e i mensili (+3,9%), ma non i libri cartacei (-4,3% nell’ultimo anno, con una quota di lettori diminuiti al 47,1% degli italiani), ancora non compensati dai lettori di eBook (che aumentano dell’1,1% nell’ultimo anno, ma si attestano ancora solo al 10% della popolazione).

7 italiani su 10 sul Web
La penetrazione di Internet aumenta di 2,8 punti percentuali nell’ultimo anno e l’utenza della Rete tocca un nuovo record, attestandosi al 73,7% degli italiani (e al 95,9%, cioè praticamente la totalità, dei giovani under 30). In sostanza sul web in 10 anni si è passati da meno della metà a circa tre quarti degli italiani.

La banca a portata di App
Il 40,6% degli internauti italiani controlla i movimenti del conto corrente bancario via internet, praticando personalmente l’home banking (il 3,8% in più rispetto allo scorso anno).

Cellulari
Diminuiscono gli utenti dei telefoni cellulari basic, in grado solo di telefonare e inviare sms (-5,1%).

Luigi Garofalo

Fonte: http://bit.ly/2h2Bkbc

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Nicola Maccanico, Vicepresidente Vicario Associazione CIVITA
M. Michelini, business manager Qibit Italia - Agenzia per il lavoro Gi Group, F. MeTA Giornalista Cor.Com, P. Prestinari, amministratore delegato di Fattore Mamma-Media, Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Ca
Antonio Palmieri (FI) Componente Intergruppo Innovazione
Mauro Nicastri, Presidente dell'Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Carloni, Consigliere della Regione Marche
Aturo Siniscalchi Vicepresidente AIDR
Sergio Alberto Codella Segretario Generale AIDR
Francesco Boccia (PD) Presidente V Commissione bilancio,tesoro e programmazione, Federica Meta, giornalista Cor.Com. e Mauro Nicastri Presidente Italian Digital Revolution (AIDR)

Notizie e Comunicati correlati

giovani lavoro
«Inadeguati». Questo il bollino più bruciante che le aziende salentine hanno messo ai curriculum di laureati e diplomati in cerca di un posto di lavoro. Tra quelli con curriculum difficile da reperire e quelli che non si dimostrano ....
mer 17 gen, 2018
lavoro
Cresce richiesta di nuove professionalità ma mancano competenze Dunque, l’innovazione cerca professionalità che non si trovano. «Le persone più qualificate - afferma Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative - saranno ....
gio 07 dic, 2017

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589