Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Da TIM e Vivendi arriva Studio+, l'app con le serie tv originali per smartphone

Da TIM e Vivendi arriva Studio+, l'app con le serie tv originali per smartphone

Brutal č una delle serie disponibili su Studio +
29-11-2016

Ogni stagione prevede 10 episodi della durata di 10 minuti ciascuno; al lancio sono disponibili 200 titoli, tra cui molti realizzati apposta per dispositivi mobili. E a febbraio debutta “Deep”, produzione franco-italiana con Ornella Muti e Caterina Murino.

Cambiano le modalità di visione sul piccolo schermo: nativi digitali e millennial prediligono tablet e smartphone. A video e serie tv su apparecchi mobili dedicano un tempo crescente ma molto frazionato. Ma produzioni di qualità cinematografico/televisiva sul modello americano pensate apposta finora non se ne erano viste, o quasi. Finora. «Il pubblico della tv è vecchio, quello giovane usa gli smartphone. Rappresentano una nuova cultura» ha detto Dominique Delport, Chairman Content di Vivendi, annunciando che il suo gruppo si appresta a colmare il gap. Vivendi produrrà infatti serie tv pensando a un proprio “canale”, Studio+: una’app attraverso cui accedere a serie originali, documentari, filmati, tutti con una durata che non superi i 10 minuti. Tim la rende disponibile da oggi.

Partito in Sudamerica da circa un mese, da pochi giorni in Francia e nel corso del 2017 nel resto d’Europa e Russia, Sudest asiatico e Usa, Studio+ offre contenuti di qualità premium originali, seriali e non, per Android e iOS, a prezzi contenuti: 4,99 euro al mese, che diventano 3,99 euro, con la prima rata gratuita per i clienti Tim, oppure 1,80 a settimana (1,49 e prima settimana omaggio sempre per gli abbonati Tim). Due mesi gratuiti di Studio+ sono inoltre compresi nell’offerta natalizia Tim SuperGiga 10 e lode.

In questa prima fase sono già disponibili 200 titoli, tra corti (un premio Oscar persino, Logorama), documentari, oltre a 15 stagioni complete di serie realizzate da Vivendi stessa. Di genere diverso, molti action e crime, qualche horror, drammi sentimentali e, nel 2017, anche cartoon e commedie. Tutti hanno una caratteristica in comune, il formato: 10 episodi da 10 minuti l’uno. E sono disponibili in lingua originale, doppiate (in 6 lingue: francese, inglese, spagnolo, portoghese, italiano, a breve russo), sottotitolate.

35 milioni l’investimento per il 2016, altrettanti nel 2017. La promessa è incrementare l’offerta con un titolo nuovo a settimana. E infatti altre 40 produzioni sono work-in-progress. Tra i titoli disponibili Kill Skills, in cui un killer professionista deve lasciare precipitosamente la Francia per la Danimarca inseguito dagli scagnozzi del vendicativo boss cui ha ucciso la figlia. In Urban Jungle in un grande zoo europeo iniziano ad avvenire strane mutazioni tra gli animali. A febbraio arriva Deep: protagonista Caterina Murino - con Ornella Muti nel cast, nel ruolo della madre – è stata girata a Montecarlo ed è ambientata nel mondo degli apneisti con la partecipazione al progetto dei maggiori campioni al mondo in questo sport pericoloso e affascinante. Imminente anche Crime Time, ispirato a una storia vera: un giornalista sovvenziona i crimini di cui scrive, finendo con il diventare lui stesso un criminale rotto a tutto.

Girati in tutto il mondo, dal Brasile al Messico, dalla Danimarca, alla Gran Bretagna, Italia, Canada, hanno (finora) son o stati concepiti in Francia, ma realizzati con troupe locali. «Il solo modo per garantire qualità internazionale e sapore locale». Ammette il rischio insito in questa avventura Delport: Studio+ non ha la potenza di fuoco di gruppi già affermati nello streaming (come Netflix, o la stessa TimVision). Ma si sente di scommettere che questo è ciò che vogliono vedere i giovanissimi sui loro smartphone.

ADRIANA MARMIROLI

Fonte: http://bit.ly/2gbyIpZ

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

TELEVISIONE
Rapporto ITMedia Consulting: segnali di ripresa grazie al maggior gettito del canone Rai e all'aumento dei ricavi pubblicitari. Ma l'ondata delle nuove piattaforme porterà a breve il mercato a un bivio: destabilizzazione per i player tradizionali ....
mar 13 dic, 2016

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
SIELTE
Service Tech
Pro Q
WhereApp
Echopress
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Gi Group
Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589