Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Facebook-Whatsapp: anche il Garante UK blocca lo scambio dei dati

Facebook-Whatsapp: anche il Garante UK blocca lo scambio dei dati

q
08-11-2016

Il cerchio si fa sempre più stretto attorno a Mark Zuckerberg. Non si può, ormai sembra chiaro, gestire un luogo frequentato da 1,7 miliardi di persone senza altra regola che quella del proprio profitto.

Nuova battuta d’arresto per l’accordo che prevede il passaggio dei dati degli utenti WhatsApp a Facebook: nel Regno Unito la condivisione è stata interrotta in seguito all’intervento dell’Information Commissioner’s Office.
Il Commissario Elizabeth Denham ha analizzato la questione per 8 settimane, prima di giungere alla conclusione che le sue preoccupazioni circa l’inadeguata protezione dei consumatori erano fondate.


“Non credo che gli utenti abbiano abbastanza informazioni su quello che Facebook ha intenzione di fare coi loro dati e non credo che WhatsApp abbia ottenuto un valido consenso da parte degli utenti di condividere le informazioni”, ha scritto Denham. “Pensiamo – ha aggiunto – che i consumatori meritino un maggior livello di informazione e protezione, ma finora Facebook e WhatsApp non erano d’accordo. Se Facebook inizierà a utilizzare i dati senza un valido consenso, non esiteremo a prendere provvedimenti”.

Il “data sharing” a scopi pubblicitari tra Whatsapp e Facebook è stato annunciato a fine agosto ed è stato ingegnato per consentire alle aziende di inviare messaggi diretti agli utenti su Facebook, che in totale sono più di 1,7 miliardi a fronte del miliardo di quelli di Whatsapp. Un annuncio che ha fatto scattare l’avvio di una serie di istruttorie da parte del Garante privacy italiano, di quello francese, di quello tedesco, dell’Article 29 Working Group, che raccoglie i Garanti Privacy europei, e anche dell’Autorità antitrust italiana.

Un’operazione che certo non può dirsi inattesa, comunque. Era inevitabile infatti che prima o poi Facebook decidesse di monetizzare l’investimento di 19 miliardi di dollari in Whatsapp. Certo è che questo la dice lunga sul potere di Mark Zuckerberg e sulla sua facoltà di decidere – in maniera che appare del tutto nebulosa e illogica – cosa sia lecito pubblicare sul suo social network senza far scattare le maglie della censura interna.

Negli ultimi giorni, il giovane fondatore di Facebook è stato al centro di forti polemiche legate alle policy che consentono al sito di stabilire se un contenuto è lecito o meno, se possa restare e circolare sulle bacheche del suo miliardo e mezzo e passa di utenti, o debba essere rimosso. Policy che spesso fanno sì che vengano eliminati dal social network immagini di opere d’arte solo perché si scorge un capezzolo ma che non permettono di eliminare pagine inneggianti all’odio o video privati postati illecitamente da terze persone.

In Italia è infine arrivata la sentenza del Tribunale di Napoli sul caso di Tiziana Cantone, la giovane napoletana che si è suicidata dopo che in rete erano circolati suoi video hard: il giudice, rigettando il ricorso della società, ha stabilito che Facebook avrebbe dovuto rimuovere il filmato.


“Contenuti come questi vengono rimossi dalla nostra piattaforma non appena ne veniamo a conoscenza. Accogliamo questa decisione perché chiarisce che gli hosting providers non sono tenuti al monitoraggio proattivo dei contenuti”, ha spiegato un portavoce del social network, che ancora una volta, insomma, nega di avere alcuna velleità da media company, sottolinea di non effettuare scelte editoriali di alcun genere, che tutto è regolato da un algoritmo.

In Germania, intanto, Mark Zuckerberg è accusato di incitamento all’odio e negazione dell’Olocausto. La Procura di Monaco ha accolto la denuncia dell’avvocato Chan-jo Jun, che accusa Facebook di non aver rimosso, nonostante le dovute e ripetute segnalazioni, contenuti che palesemente contenevano “istigazioni all’omicidio, minacce di violenza, negazioni dell’olocausto e altri crimini”. Oltre a Zuckerberg, sotto indagine sono anche la direttrice operativa Sheryl Sandberg e il director of policy per l’Europa, Richard Allan.

Pare, insomma, che qualcuno voglia inchiodare Zuckerberg alle sue responsabilità: non si può – ormai sembra chiaro – gestire un luogo frequentato da 1,7 miliardi di persone senza altra regola che quella del proprio profitto. Perché non dimentichiamo che il social network solo nell’ultimo trimestre ha guadagnato oltre 2,3 miliardi dollari e indovinate un po’ vendendo cosa? Per chi ancora non lo sapesse: i nostri dati, le informazioni di tutti quanti noi che riempiamo le nostre bacheche di foto, status, commenti, like – tutti asset che, ceduti alle aziende che fanno pubblicità, si trasformano in denaro sonante.

Alessandra Talarico  

Fonte: http://bit.ly/2ezlxL3

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

FACEBOOK
L’ex vicepresidente di Facebook, Chamath Palihapitiya, ha dichiarato: ‘Il social network sta distruggendo la società’. E il Governo francese ha presentato un disegno di legge che impone l’approvazione dei genitori per l’iscrizione ....
ven 15 dic, 2017
Facebook
In risposta alle pressioni europee il social network annuncia una nuova struttura di vendita: i ricavi pubblicitari non verranno più contabilizzati dalla sede internazionale di Dublino, ma dagli uffici nei Paesi in cui vengono realizzati. Il Chief ....
mar 12 dic, 2017

Eventi correlati

Codemotion Rome 2017
Dal 22-03-2017
al 25-03-2017
Luogo: Dipartimento di Ingegneria dell'Università Roma TRE, via Vito Volterra, 60, Roma.
Il Codemotion Rome si svolgerà da 22 Marzo al 25 Marzo 2017, per una quattro giorni dedicata a tutti i programmatori, più o meno esperti.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589