Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Come funziona (veramente) Twitter

Come funziona (veramente) Twitter

1
07-11-2016

Esatto, come funziona Twitter? Sembra una domanda banale per chi, come te, già lavora da tempo nel mondo del social media marketing. Sul serio hai bisogno di un articolo che spieghi come usare Twitter? Io credo di sì, soprattutto se hai deciso di usarlo come strumento professionale. 

Perché è proprio questo il punto: fare marketing con Twitter è una forzatura. Lo so, ti sembra un’affermazione assurda. Hai letto decine di articoli dedicati a questo argomento e i professionisti del web conoscono l’efficacia di questo social network in determinate nicchie. Può fare miracoli.

Bene, questo articolo racchiude la mia idea sulla vera natura di questa realtà. Una realtà che può essere decisiva solo se si rispetta la sua natura. Come si fa a twittare? Piuttosto semplice, scrivi un messaggio e premi invio. Come si scrive un tweet a qualcuno? Basta usare le menzioni. La chiocciola. Ma come funziona Twitter? Cioè, voglio dire… Come funziona veramente?

Come funziona Twitter
Iniziamo dalla base, dal punto di partenza. Come funziona Twitter? Si tratta di un luogo virtuale nel quale puoi prendere una decisione chiara: gridare nel vuoto o iniziare a chiacchierare con le persone che ti circondano.
Di fronte a te hai un form, un campo vuoto nel quale puoi inserire 140 caratteri. Solo 140. La sintesi è un dono essenziale per usare Twitter, non puoi perdere tempo con dettagli inutili. Devi scrivere solo ciò che serve. Solo il necessario. E qui puoi inserire immagini, link, hashtag e menzioni. Le famose @mention.

Esatto, in ogni tweet puoi aggiungere contenuti visual e collegamenti ipertestuali utili alle persone che hanno deciso di seguirti. Questo è il processo più interessante di questo social network: ci sono persone che decidono di seguirti e tu puoi decidere se restituire il favore o meno. Quindi, per riassumere: tu scrivi qualcosa e il pubblico decide se seguirti o meno. I numeri sono indispensabili?

Non proprio. Molti continuano a vedere la somma dei follower come il metro per misurare il successo della propria attività. Vuoi sapere come funziona Twitter? Ti lascio il primo passaggio utile: il numero dei follower non è la chiave della tua strategia. La community è il valore aggiunto e di conseguenza il coinvolgimento. La capacità di alimentare e appassionare il pubblico può fare la differenza.

Come twittare su Twitter
Per capire a cosa serve Twitter devi affrontare questo passaggio. Twittare è un’arte, non basta lanciare 140 battute nel mare di cinguettii che compongono il social web. O almeno non basta per ottenere buoni risultati, per creare una community compatta intorno al tuo account personale.

Perché questo è il tuo problema. Hai aperto Twitter, sei andato sulla pagina di iscrizione e hai creato un profilo. Hai letto diversi articoli che ti hanno spinto a usare questo social network per ottenere risultati concreti e hai iniziato a pubblicare link. Con la classica attitudine del paesanotto che va in città e pretende tutto e subito perché ha sentito dire che qui tutti possono avere fortuna.

Per ottenere risultati concreti devi imparare a twittare. Devi sfruttare le caratteristiche di questa piattaforma e inserire link, menzioni, hashtag, immagini, video. Ma soprattutto devi rispettare la regola 80/20, un’applicazione concreta del principio di Pareto che suggerisce un principio semplice: l’80% dei tuoi tweet deve soddisfare la community, il 20% deve essere promozionale.

Questo significa che la tua attività deve seguire un piano editoriale basato sulla pubblicazione ponderata e legata all’intrattenimento. Non alla promozione. Devi puntare sui contenuti di qualità e, per fare questo, devi abbandonare la prospettiva autoreferenziale. Condividi ciò che ritieni utile per le persone e considera sempre i motivi che spingono il pubblico a seguire un brand.

A cosa serve Twitter
Serve a creare connessioni. Mi chiedi come funziona Twitter? Ha le stesse funzioni di un ponte. Twitter può essere utile per aumentare le visite del blog, raccontare un evento alle persone che non hanno avuto modo di partecipare, rilanciare una notizia importante e lavorare sul content marketing.

Tutto vero. Ma il vero ruolo di Twitter nella tua strategia digitale è la sua capacità di creare connessioni. È un social nato per chiacchierare, per instaurare discussioni con persone che non conosci ma che condividono i tuoi valori. E i tuoi interessi. Lo vuoi usare per spingere contenuti? Lo puoi fare.

Hai la possibilità di sfruttare Twitter per pubblicare la tua opinione. Ricorda come funziona Twitter: attraverso il botta e risposta. Questa è la sua natura, solo così puoi ottenere il massimo da questo social. Puoi creare una community, puoi raccogliere le persone intorno a te e condividere il tuo punto di vista. La tua visione. Le persone non hanno bisogno solo di link. Cercano un’idea da seguire.

Tu come usi questo social network?
Ti aspettavi una guida completa per imparare a usare Twitter? Non ne hai bisogno, questo social è semplice e intuitivo, per capire il meccanismo ti basta seguire le persone che conosci e pubblicare qualche tweet. Il problema è un altro e non riguarda la semplice pubblicazione dei contenuti.

Ci sono mille modi per sfruttare questa realtà. Come funziona Twitter? Alla base ci sono le relazioni. Lo puoi usare per condividere i tuoi link e per aumentare le visite del blog, puoi sfruttare la sua forza sul real time per condividere notizie e per raccontare eventi. Sempre con l’aiuto degli hashtag, ovvio. Ma per ottenere il massimo da questo social devi creare buone discussioni.

Non ci sono altre soluzioni. Usare questo social solo per lanciare link e trasformare questo social in un surrogato del Feed Rss è una follia. Per imparare a usare Twitter devi fare la cosa più semplice possibile: cercare persone che hanno i tuoi interessi e iniziare a chiacchierare. Senza doppi fini, senza puntare per forza a continue strategie di marketing. Sei d’accordo? Tu come usi Twitter?  

Riccardo Esposito

Fonte: http://bit.ly/2fxaeEp

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

what\'sup
Nel mese di marzo 2017 oltre 30 milioni di italiani si sono collegati giornalmente a Internet: mediamente la navigazione su WhatsApp e Facebook ha supera le 27 ore mensili per utente, mentre su Google ha raggiunto quasi le 7 ore mensili. Lo ....
sab 22 lug, 2017
COVINO
Le linee di rete fissa a banda larga con velocità pari o superiore ai 10 Mbit/s hanno sfiorato nel primo trimestre 2017 le 16 milioni di unità, con una crescita su base annua pari a 770mila unità. I dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni ....
ven 21 lug, 2017

Eventi correlati

Codemotion Rome 2017
Dal 22-03-2017
al 25-03-2017
Luogo: Dipartimento di Ingegneria dell'Università Roma TRE, via Vito Volterra, 60, Roma.
Il Codemotion Rome si svolgerà da 22 Marzo al 25 Marzo 2017, per una quattro giorni dedicata a tutti i programmatori, più o meno esperti.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
SIELTE
Service Tech
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589