Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Strapotere degli algoritmi e sfruttamento dei lavoratori: cambia il vento nella Ue contro la Silicon Valley?

Strapotere degli algoritmi e sfruttamento dei lavoratori: cambia il vento nella Ue contro la Silicon Valley?

Merkel
03-11-2016

I politici stanno prendendo coscienza delle implicazioni delle nuove tecnologie sulla libera circolazione delle idee – proprio quella che internet doveva contribuire a salvaguardare – e i diritti dei lavoratori?

Il vento in Europa sta davvero cambiando per i giganti dell’hi-tech americano? Non ci riferiamo, stavolta, all’offensiva del vecchio continente nei confronti delle pratiche fiscali dei vari Apple e Amazon, quanto a due episodi – apparentemente senza alcuna connessione – che mettono in evidenza la crescente insofferenza di politici e regolatori verso queste società dal modus operandi spesso poco trasparente o troppo spregiudicato.
Il primo episodio si riferisce alle pesanti accuse mosse dalla cancelliera tedesca Angela Merkel nei giorni scorsi agli ‘algoritmi’ utilizzati dai giganti del web, rei di distorcere la percezione e restringere le informazioni a nostra disposizione.

Le formule ‘segrete’ utilizzate da questi algoritmi non fanno altro che appiattire le opinioni e creare casse di risonanza per le idee radicali e i pregiudizi, eliminando di fatto l’esposizione a idee e interpretazioni diverse. Un regalo ai populismi, secondo la Merkel, e un pericolo per la democrazia.
“Gli algoritmi, quando non sono trasparenti, possono portare ad una distorsione della percezione, possono ridurre l’ampiezza della nostra informazione” ed è per questo che “devono diventare più trasparenti, cosicché una persona possa informarsi meglio su domande come ‘cosa influenza il mio comportamento e quello degli altri su internet?’”, ha tuonato la Merkel.

Certo, non è una novità che Google facesse poco di più che aiutarci a trovare quello che sappiamo già di volere, ma non a trovare quello che non sappiamo di volere e che internet non fosse più quel posto libero e di esercizio pratico di democrazia come si presentava ai suoi albori: l’allarme su come gli algoritmi che regolano le nostre esperienze quotidiane di navigazione ci costringano a un cammino in cui ci autoconvinciamo di non aver bisogno di niente che non ci venga già dato lo aveva già nel 2012 Eli Parisier nel suo libro ‘The Filter Bubble’.

“La bolla dei filtri ci taglia tutto ciò che non sappiamo di volere. Ed è invece su ciò che non sappiamo di volere che si basa la creatività e l’innovazione”, spiegava Parisier.
La differenza è che, mentre fino a poco fa questi discorsi erano relegati nelle sale conferenze zeppe di esperti del settore, ora l’argomento diventa di attualità politica, tanto da spingere Angela Merkel ad abbandonare i temi dell’austerity, della Brexit, dei migranti, per dedicare qualche ora agli algoritmi e al loro strapotere.

Facebook, dal canto suo, ha sempre negato di essere un organo di stampa, ribadendo di essere solo un servizio social che usa un algoritmo per mostrare ai suoi utenti ‘quello che vogliono vedere’ sulla base della loro navigazione o degli “argomenti e gli hashtag che di recente sono stati più popolari su Facebook”: di recente, però, si viene a sapere che lo stesso Mark Zuckerberg ha impedito la rimozione di alcuni post pubblicati su Facebook da Donald Trump ritenuti una forma d’istigazione all’odio. Come dire: noi non censuriamo ma potremmo farlo.

Senza contare che nei mesi scorsi la questione dell’influenza che Facebook esercita sulle notizie ha richiesto l’intervento della Commissione Commercio del Senato americano che ha inviato una lettera a Zuckerberg per chiedere delucidazioni sulla vicenda delle presunte manipolazioni.

Ma, dicevamo, c’è anche un altro episodio che evidenzia come lo strapotere delle web company americane sia messo in questi giorni in discussione: un giudice di un tribunale di Londra ha dato ragione ai conducenti Uber che lamentavano il fatto che i loro contratti negavano loro i diritti fondamentali del lavoro, come il salario minimo e ferie pagate. Uber, ha detto il giudice, non può far finta che queste persone siano imprenditori del tutto indipendenti dalla società cui effettivamente prestano servizio.

Ma non è solo la sentenza in sé a essere così sorprendente: altrettanto singolare è il linguaggio energico usato dal giudice Anthony Snelson che definito “vagamente ridicole” le argomentazioni secondo cui Uber a Londra rappresenta un mosaico di circa 30.000 piccole imprese. La società californiana, secondo il giudice, ha volutamente fatto ricorso a un linguaggio fittizio e contorto e ha anche inventato “una nuova terminologia” nel tentativo di abbindolare la corte.

Uber, naturalmente, farà appello contro la decisione ma sono in molti a credere che la sentenza del giudice potrebbe effettivamente migliorare le condizioni di lavoro di migliaia di persone impiegate nella nuova web economy.

Ma le ‘cattive’, in questo ultimo caso, non sono certo solo le aziende americane. Come non pensare anche ai lavoratori italiani di Foodora, azienda tedesca che si occupa di consegne a domicilio di pasti caldi cucinati in trattorie e ristoranti, che nelle scorse settimane hanno scioperato contro le condizioni degradanti alle quali sarebbero sottoposti e contro la paga a cottimo? O ancora ai lavoratori italiani della logistica, spremuti spesso senza troppi diritti, per garantire che i prodotti che compriamo durante il nostro shopping online siano consegnati nella maniera più rapida ed economica possibile?

Ecco perché, come sottolinea Philip Stephens sul Financial Times, partendo dalla contrapposizione Ue-Usa – spesso relegata a una mera questione di protezionismo contro l’eccessivo potere di mercato delle compagnie americane – non si può non pensare che forse finalmente i politici stiano finalmente prendendo coscienza delle implicazioni non più trascurabili delle nuove tecnologie sulla libera circolazione delle idee – proprio quella che internet doveva contribuire a salvaguardare – e i diritti dei lavoratori.  

Alessandra Talarico  

Fonte: http://bit.ly/2eXBSND

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

La platea dei partecipanti
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci
Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai, Isabella Mori, Membro della Direzione Nazionale di Cittadinanzattiva per le politiche nazionali su trasparenza e corruzione
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
La platea dei partecipanti
Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
Alcuni soci AIDR
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, On. Dieni Federica M5S, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
Più di 3,5 milioni di genitori si sono imbattuti in indicazioni mediche sbagliate, ma 15 milioni di italiani cercano prevalentemente su internet soluzioni ai propri malanni e senza le necessarie competenze. Intanto parte il Gruppo europeo per la ....
ven 19 gen, 2018
m
Segnando una decisa discontinuità rispetto al passato, il Comune di Milano ha deciso di mettere a disposizione del territorio metropolitano una parte consistente dei finanziamenti di cui è beneficiario grazie al progetto PON Metro. Ecco ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589