Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » PAdigitale. Roma Capitale 'laboratorio' del software libero

PAdigitale. Roma Capitale 'laboratorio' del software libero

 b
23-10-2016

Approvata la delibera di Giunta per l’adozione del software libero: entro sei mesi nuovo regolamento e ricognizione su tutte le licenze in uso.

Sempre più amministrazioni, dalla provincia autonoma di Trento al Ministero della difesa, scelgono oggi di seguire anche nel nostro paese la via del software libero, che garantisce agli utilizzatori l’accesso diretto al codice sorgente.
In questo modo anche le pubbliche amministrazioni possono finalmente divenire indipendenti dal fornitore e studiare, sviluppare e ampliare autonomamente, in base alle proprie specifiche esigenze, i software in utilizzo. Per questa ragione il ricorso al software libero può rappresentare non solo un notevole risparmio in termini economici ma anche l’opportunità concreta di innovare in termini finalmente competitivi e migliorare progressivamente la qualità dei servizi offerti ai cittadini, in termini di efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa.

Per queste ragioni il codice dell’amministrazione digitale, ai sensi dell’articolo 68 del D.Lgs. n. 82/2005 e s.m.i. invita tutte le Pubbliche Amministrazioni ad utilizzarlo prioritariamente, consentendo l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l’impossibilità di accedere a soluzioni di software libero o già sviluppate da altre amministrazioni disponibili ad un costo inferiore. Analisi comparativa per la quale l’Agenzia Italiana per il digitale ha emesso specifiche Linee Guida, attraverso la circolare n. 63/2013.

In prospettiva, con i suoi oltre 24.000 dipendenti Roma Capitale, potrebbe diventare un laboratorio di straordinaria rilevanza per la realizzazione e l’implementazione di software per le pubbliche amministrazioni. In questo quadro normativo e politico si inserisce la Deliberazione n. 55 approvata dalla Giunta di Roma Capitale in data 14 Ottobre 2016 avente per oggetto “Impegno all’uso di software libero o a codice sorgente aperto nell’Amministrazione Capitolina”.

Con la delibera Roma Capitale, assume ogni “impegno utile per favorire il pluralismo informatico e la diffusione del software libero nell’Amministrazione Capitolina quale strumento per una maggiore efficienza, trasparenza e indipendenza nell’esercizio delle proprie funzioni”– La Delibera della Giunta riprende un chiaro indirizzo politico, già espresso durante la precedente amministrazione quando l’Assemblea Capitolina ha già approvato all’unanimità una mozione per promuovere il ricorso al software libero (Mozione n. 41 del 6 marzo 2014). In particolare la Delibera approvata dalla Giunta Capitolina impegna l’amministrazione di Roma Capitale a:

ricorrere ai sensi della normativa vigente all’uso di software libero o a codice sorgente aperto promuovendo e sostenendo l’adozione di formati e protocolli aperti in ogni ambito;
coinvolgere, a titolo gratuito, le realtà esperte di software libero per agevolare la migrazione verso tale tipologia di software e svolgere iniziative mirate alla formazione del personale dipendente;
promuovere, anche in via sperimentale, software liberi e/o aperti, con caratteristiche compatibili con le esigenze dell’Amministrazione Capitolina;
incaricare il Dipartimento Innovazione Tecnologica della stesura, entro sei mesi dalla data di esecutività della Delibera, di “una nuova proposta regolamentare, concernente la definizione degli standard architetturali e tecnologici del sistema informativo capitolino e della rete di telecomunicazione, che vada a sostituire la disciplina in materia, recata dalla deliberazione n. 3895, adottata dalla Giunta Comunale in data 26 settembre 1997”;
incaricare, infine, “il Dipartimento Innovazione Tecnologica di procedere, entro sei mesi dalla data di esecutività della presente deliberazione, e con la collaborazione delle altre strutture capitoline, ad una ricognizione ed analisi delle spese sostenute dall’Amministrazione Capitolina nell’ultimo quinquennio per l’acquisizione e/o il rinnovo periodico delle licenze di software di tipo proprietario, al fine di valutare anche l’entità delle economie realizzabili attraverso l’adozione del software libero, senza sacrificare le funzionalità attualmente in uso, definendo, altresì, la roadmap degli interventi ed i collegati costi/benefici”.

La Delibera ribadisce quindi un indirizzo politico netto, che gode di un sostegno trasversale, mirando a consolidare e ampliare le prime esperienze avviate anche a Roma, come la migrazione del sistema di posta elettronica verso la suite denominata Zimbra e l’attivazione in corso, su circa 1000 pc portatili, del software LibreOffice.

Al termine della ricognizione di sei mesi che sarà effettuata dal Dipartimento dell’Innovazione Tecnologica, sapremo quali risparmi effettivi questa scelta potrà consentire alle casse comunali.
In un’ottica più ampia l’auspicio è che il nuovo regolamento per la “definizione degli standard architetturali e tecnologici del sistema informativo capitolino e della rete di telecomunicazione” previsto dalla Delibera n. 55/2016 possa offrire finalmente l’occasione di realizzare in concreto non solo quanto previsto dall’art. 68 del D.lgs. n. 82/2005 e s.m.i. ma per procedere ad un effettivo ripensamento dell’intero sistema nello spirito di quanto da sempre previsto dai principi cardini del Codice dell’amministrazione digitale.
 

Andrea Casu, autore del recente volume “Fare meglio con meno. Nudge per l’amministrazione digitale”, (Franco Angeli, 2015)

Fonte: http://bit.ly/2e0yJcy

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

La platea dei partecipanti
I relatori e i partecipanti al convegno
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Vincenzo Panella,
Platea
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (5 ist,0 cat)
On. Fabrizio Di Stefano
Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR, Promotrice MAMME IN PARLAMENTO

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri
AIDR (associazione italian digital revolution), rappresentata dal presidente Mauro Nicastri, partecipa alla presentazione del Premio Racconti nella rete (www.raccontinellarete.it), giovedì 12 aprile, alla Biblioteca Europea di Roma, in via Savoia ....
ven 06 apr, 2018
Vittorio Zenardi Donazione Siena Scotte
L’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) ha consegnato alcuni tablet ai piccoli pazienti dell’UOC Pediatria dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Proseguono, così, le iniziative non-profit di ....
mer 28 mar, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589