Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Banda ultralarga, Fastweb e Metroweb abbandonano la gara

Banda ultralarga, Fastweb e Metroweb abbandonano la gara

Banda Larga
19-10-2016

Enel, Telecom, Retelit-Eolo-Eds ed Estra i quattro "finalisti" per il primo bando sulle aree bianche. Fastweb sul piede di guerra, lascia e ricorre alle vie legali. Metroweb si fa da parte in vista della fusione con Eof

Sarà corsa a quattro per la realizzazione delle rete a banda ultralarga nelle aree bianche di Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto. Lo rivela il Sole 24 Ore all'indomani della scadenza del termine di presentazione delle offerte per il primo bando di gara pubblicato il 3 giugno scorso: le società in lizza  sono Enel, Telecom, Retelit-Eolo-Eds ed Estra. Non ci sarà Fastweb che si è mossa per vie legali con ricorso al Tar per stoppare le gare e nemmeno Metroweb che si era prequalificata nella prima fase ma che ora ha fatto un passo indietro in vita della fusione con Enel Open Fiber. 

Sia Fastweb che Metroweb avevano partecipato alla fase di prequalifica, conclusa il 25 luglio, nella quale gli operatori economici interessati dovevano fornire informazioni sui requisiti di partecipazione e sulle infrastrutture esistenti che avrebbero riutilizzato nel progetto.

Oggi il cda di Infratel, con i nuovi vertici - Maurizio Dècina presidente e Domenico Tudini Ad - nominerà le commissioni di gara.

Oggetto del bando è la progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione in modalità wholesaledi una rete passiva ed attiva di accesso, che consenta di fornire servizi agli utenti finali a 100Mbps in download e 50Mbps in upload per almeno il 70% delle unità  immobiliari nel Cluster C  e di almeno 30Mbps in download e 15 Mbps in upload per le restanti unità immobiliari del Cluster C e per quelle del Cluster D. Sedi della PA, scuole, presidi sanitari, distretti industriali saranno raggiunti da connessioni oltre i 100Mbps indipendentemente dal Cluster di appartenenza. La rete sarà data in concessione per 20 anni e rimarrà di proprietà pubblica.

"I cittadini interessati dagli interventi previsti in questo bando sono 6,5 milioni, più di 3,5 milioni le unità immobiliari più di 500 mila le sedi di impresa  e la PA, 3 mila i comuni - spiega una nota di Invitalia - L’importo complessivo del bando è di circa 1,4 miliardi di euro, così suddivisi: 439 milioni per la Lombardia, 388 per il Veneto, 232 per l’Emilia Romagna, 222 per la Toscana e 123 milioni per Abruzzo e Molise".

La gara dunque va avanti nonostante la richiesta di sospensiva da parte di Fastweb che è stata rigettata dal Tar del Lazio e dal Consiglio di Stato.  L'udienza di merito è prevista per il 14 dicembre.

Intanto domani sempre al Tar del Lazio si terrà l'udienza di Telecom Italia che a sua volta ha presentato un ricorso che a catena impatta sui bandi Infratel. La società guidata da Flavio Cattaneo ha deciso di appellarsi al Tar, evidenziando questioni differenti da quelle di Fastweb, ma i destini potrebbero incrociarsi. Telecom contesta in particolare la delibera Agcom 120 del 2016 che regola la vendita wholesale indicando che i prezzi devono essere applicati a condizioni eque e non discriminatorie per scongiurare fenomeni anticoncorrenziali come il dumping.

Per Telecom Italia anche Infratel dovrebbe passare per i cosiddetti "test di prezzo” per fissare le tariffe, ma la norma attuale non lo prevede. Una situazione che verrebbe a minare la parità di trattamento tra gli operatori e che è stata sollevata anche alla Commissione europea. Non solo: se è vero che Telecom Italia non ha richiesto la sospensione dei tempi in realtà non è escluso che lo faccia.

F. Me

Fonte: http://bit.ly/2dpSbyh

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Alcuni soci AIDR
Alcuni soci AIDR
Da sinistra: Mauro Rosario Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Da sinistra verso destra: Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto in organizzazione giudiziaria di Agenda Digitale Giustizia
Mauro Covino e Flavia Marzano
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali

Notizie e Comunicati correlati

m
L'utilizzo delle nuove tecnologie, dei digital media e la diffusione della cultura attraverso il web è alla base dell’accordo di collaborazione sottoscritto dall’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e dalla testata ....
mer 04 lug, 2018
NICASTRI-MANFUSO
Stretta di mano tra Mauro Nicastri e Sara Manfuso, rispettivamente presidenti delle associazioni "Italian Digital Revolution" (www.aidr.it) e "iocosì", dopo la firma di un'importante protocollo d'intesa. L'accordo prevede una sinergia tra il ....
gio 28 giu, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589