Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Ecommerce, prezzi più alti nel week-end. Come difendersi

Ecommerce, prezzi più alti nel week-end. Come difendersi

Shopping
14-10-2016

Dimmi che giorno è, ti dirò quanto costa quel prodotto che ti piace. Sul web i prezzi non sono statici ma dinamici: si alzano e si abbassano costantemente in base a complessi algoritmi che calcolano le abitudini degli utenti internet, le “tracce” lasciate sui social network, la concorrenza e il rapporto tra domanda e offerta. Secondo un’indagine realizzata dal portale di confronto prezzi Idealo i prezzi oscillano fino al 18%. Qual è, dunque, il giorno giusto per fare acquisti online? Non esiste una risposta definitiva, visto che il dynamic pricing è uno strumento ancora in evoluzione e visto - soprattutto - che le dinamiche dei prezzi variano anche in base alle tipologie di prodotti. 

Le spese pazze del weekend 
Il maggior tempo libero delle persone nel fine settimana le spinge a utilizzare più volte la carta di credito. Avendo assimilato questo dato gli algoritmi che regolano i prezzi online fanno lievitare fino al 18% in più il costo dei prodotti nel fine settimana. L’indagine di Idealo include dodici categorie tra cui videogame e console di gioco, valigie e borse, sediolini per auto e tende da campeggio, occhiali da sole e fitness tracker, tosaerba e barbecue. In undici casi su dodici i prodotti risultano più economici il lunedì rispetto alla domenica.

Il ruolo dei cookies
I prezzi gonfiati del fine settimana sono frutto anche del comportamento del consumatore digitale: le ricerche sullo shopping online dimostrano infatti che in genere gli utenti cercano prodotti online durante la settimana, ma poi finalizzano l’acquisto nel weekend. Questo comportamento rende tracciabili i desideri delle persone: attraverso i cookies i portali possono quindi monitorare i prodotti più cercati e quelli cercati con maggiore frequenza, e alzarne i prezzi di conseguenza.

Il confronto Italia-Regno Unito
L’indagine mostra differenze sostanziali tra il mercato italiano e quello inglese: le oscillazioni maggiori si registrano sui siti inglesi, mentre in Italia la fluttuazione raggiunge il picco del +2% solo il giovedì e il sabato. L’assenza di una peculiare volatilità dei prezzi tipica dei mercati digitali più sviluppati come quello britannico o tedesco indica un ritardo nell’adozione di una tecnica diffusa tra i siti e-commerce dei Paesi europei. L’Italia, quindi, è in ritardo sul dynamic pricing. «Quando questi algoritmi approderanno anche sul mercato nostrano - spiega Paolo Primi, web marketing manager di Idealo - , anche le informazioni rilasciate dagli utenti sui canali social e la conseguente profilazione dei loro comportamenti tramite cookies e tecnologie di web analytics contribuiranno a far alzare o abbassare i prezzi, come accade negli altri mercati europei. Nel resto d’Europa, infatti, ritoccare i propri listini è consuetudine, basti pensare che Amazon in Germania apporta oltre 3,4 milioni di modifiche e aggiustamenti di prezzo ai suoi prodotti in un solo mese».

Gli altri fattori
Il costo dei prodotti online varia anche nel corso di una singola giornata: di parte da prezzi più bassi al mattino e si arriva a prezzi più elevati alla sera. L’orario e il giorno della settimana non sono gli unici fattori determinante quando si tratta dei prezzi online: anche le previsioni meteo influiscono in maniera significativa sulle dinamiche della domanda e dell’offerta. Anche i prezzi praticati dalla concorrenza e la stagionalità sono parametri che vengono considerati dall’algoritmo.

Come difendersi dal dynamic pricing
In un mercato che sale e scende come si fa a cogliere il momento giusto per cliccare sul tasto “acquista”? Da Idealo consigliano di cancellare la cronologia di navigazione del browser, non fornire il proprio consenso all’utilizzo di cookies e utilizzare software per la navigazione anonima per evitare che i propri desideri vengano registrati e utilizzati per far aumentare il prezzo. Ma oltre alla profilazione degli utenti in base alla navigazione esistono anche tecniche “sleali” in grado di discriminare gli utenti in base a coordinate geografiche, demografiche o semplicemente ai terminali utilizzati per collegarsi al sito. Da questi fattori, ad esempio, gli operatori e-commerce che adottano questo approccio sono in grado di trarre informazioni sul potere d’acquisto dei diversi utenti. «Chi usa un dispositivo Apple, ad esempio, - spiegano da Idealo - rientra in una fascia di utenti con alto potere d’acquisto e quindi tendenzialmente disponibile a pagare di più».

Francesca Milano 

Fonte: http://bit.ly/2don8pN

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (5 ist,0 cat)
Mauro Nicastri Presidente Aidr, Sen. Maria Rizzotti
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A
Giuseppe De Lucia, relazioni istituzionali Ericsson e Rosangela Cesareo, blogger.
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia.

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
In rete la solidarietà corre senz’altro più veloce. Ne sa qualcosa l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) che ha donato alcuni tablet ai piccoli pazienti dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria ....
mer 03 gen, 2018
AIDR
Al Galà di Natale organizzato da Aidr è stata premiata la fondazione pontificia Scholas Occurrentes, della rete mondiale di istituti educativi creata da Papa Francesco. Il Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri ha sottolineato: “Dobbiamo ....
mar 26 dic, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589