Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Maxi-cavo internet di Google e Facebook

Maxi-cavo internet di Google e Facebook

14-10-2016
Facebook/Google

Facebook e Alphabet dominano ormai da tempo l’autostrada elettronica quando si tratta di utenti e pubblicità che vi corrono sopra. Adesso puntano sempre più a regnare anche sui “nastri d’asfalto” di internet, ultimo passo della tendenza dei giganti hi-tech a unire le forze software e hardware, di servizi e infrastrutture, di cui sono diventati capaci grazie alla loro espansione. Il leader dei social network e quello dei motori di ricerca (con la controllata Google) hanno deciso di unirsi in una nuova partnership con una meno conosciuta società cinese per adagiare sul fondo dell’Oceano Pacifico un cavo che sarà in grado di performance ad altissima velocità e potenza nel trasporto di dati e informazioni nel collegare Los Angeles e Hong Kong.

La realtà dell’innovazione è riassunta forse meglio che dalle parole da una cifra: il “cable” sottomarino avrà una capacità di 120 terabit al secondo, stando a quanto rivelato dallo stesso responsabile della divisione Google Networking Infrastructure, Brian Quigley. Vale a dire il doppio dell’attuale record nella regione asiatica detenuto da un cavo a sua volta targato Google - chiamato Faster - che già da fine giugno collega gli Stati Uniti al Giappone, per la precisione, coprendo i 9.000 chilometri che separano l’Oregon dalle prefetture di Chiba e Mie. Anche se non batterà invece il cavo già annunciato e in costruzione da parte di un’alleanza tra Facebook e Microsoft sui fondali dell’Atlantico, che prevede ben 160 terabit al secondo tra America e Europa.

I due colossi dell’economia digitale Google e Facebook, assieme alla rinata Microsoft, stanno investendo centinaia di milioni di dollari nel dare vita a simili infrastrutture per la rete con l’obiettivo di rafforzare il traffico sul Web e sostenere così direttamente e con maggior affidabilità le loro crescenti ambizioni. Mosse che ormai spiazzano i tradizionali protagonisti di simili scommesse e di ingenti investimenti nei network, quali sono le grandi società di telecomunicazione, alle quali mirano di fatto sempre più a sostituirsi. Google ad oggi ha quote di proprietà in ben sei sistemi di cavi sottomarini su scala internazionale: Unity, Sjc, Faster, Monet and Tannat. Facebook, da parte sua, ha iniziato a dare vita fin da agosto con Microsoft al cavo lungo 6.598 chilometri che collegherà il Nuovo e il Vecchio continente entro l’ottobre del 2017, se saranno rispettate le scadenze previste, che è stato battezzato Marea. Questo cavo, che sarà fisicamente collocato dalla Telxius del gruppo Telefonica, unirà la Virginia alla Spagna e ha in seguito l’obiettivo di estendere le sue ramificazioni verso Africa, Medio Oriente e anche Asia.

Già al momento il 60% della capacità di traffico transatlantico, calcolano gli analisti, viaggia su simili network privati.

La nuova “tratta” in arrivo tra Los Angeles e Hong Kong avrà una lunghezza complessiva di 12.800 chilometri e il partner locale è la neonata Pacific Light Cable Network, una controllata della Pacific Light Data Communications, che darà anche il nome al progetto. Il cavo sarà in fibre ottiche e per la regione rappresenta un salto di qualità, ad esempio in grado di reggere contemporaneamente 80 milioni di chiamate in video-conferenza ad alta definizione e di garantire un sostegno senza precedenti ai servizi cloud che sono diventati la nuova frontiera digitale e sui quali Google punta.

La costruzione vera e propria dell’infrastruttura è stata affidata alla TE Subcom, una controllata del gruppo svizzero TE Connectivity che ha ottenuto il contratto. L’obiettivo è a sua volta super-rapido: il cavo dovrebbe arrivare al traguardo e essere operativo nel 2018.
Marco Valsania
Fonte: http://bit.ly/2dgZ3OA

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Giancarla Rondinelli, giornalista Mediaset, Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Da sinistra: Mauro Rosario Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Alcuni soci AIDR
Alcuni soci AIDR
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e Canon Italia spa (www.canon.it), brand giapponese leader mondiale nel settore del “digital imaging”. A sottoscrivere l’intesa, ....
gio 11 ott, 2018
Donato Limone
Senza una vera funzione di coordinamento il processo di transizione digitale non permetterà la transizione verso un’amministrazione nativamente digitale e la PA non diventerà volano di innovazione per il Paese. 1. Il responsabile ....
ven 05 ott, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589