Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Soro: "Il cybercrime frena l'economia digitale"

Soro: "Il cybercrime frena l'economia digitale"

Soro
13-10-2016

Il Garante per la Privacy: "Il costo globale degli attacchi è di 500 miliardi l'anno. Serve un ripensamento dei processi e delle modalità di gestione dei dati". 

“Con lo sviluppo dell’economia digitale la vulnerabilità delle imprese è una vera emergenza, tanto che il peso attuale del cybercrime sull’economia mondiale è stimato in 500 miliardi di euro l’anno e solo nel 2015 in Italia ha subito un incremento del 30%, in prevalenza riferito alle imprese”. A mettere in guardia contro l’incremento del numero e della pericolosità delle minacce informatiche e del loro impatto sul futuro dell'economia digitale è Antonello Soro, presidente del Garante della Protezione dei Dati Personali. Intervenendo durante il convegno promosso dallo studio legale Ughi e Nunziante sulle principali novità del nuovo Regolamento in tema di protezione dei dati, che riguarda molto da vicino le imprese, Soro rileva che le nuove norme direttamente applicabile dal maggio 2018 dovranno portare le imprese a “ripensare tutti i processi e le modalità di gestione dei dati personali, con la consapevolezza che il rispetto delle regole è diventato un fattore abilitante e non un onere burocratico”.

Il presidente dell’Autorità sottolinea poi come il principale cambiamento riguardi la maggiore e diretta responsabilizzazione delle imprese. È in questa prospettiva che le aziende saranno “tenute ad adottare un approccio sistematico e strategico per garantire l’effettiva sicurezza del loro patrimonio informativo e dei sistemi che conservano i dati”. Mai come oggi, aggiunge Soro, occorre “mettere in atto subito i giusti investimenti e le necessarie riorganizzazioni”.

Al centro del convegno anche l’introduzione nel regolamento europeo dei due principi della privacy by design e privacy by default che, secondo Agostino Clemente, avvocato partner dello Studio Ughi e Nunziante, comporta che il titolare del trattamento “dovrà incorporare i diritti nella tecnologia e mettere in atto misure che garantiscono il trattamento, di default, solo dei dati personali necessari per ogni specifica finalità”. Nello specifico, aggiunge Clemente, “ogni trattamento dovrà rispettare il principio di stretta necessità, di finalità, nonché garantire il pieno esercizio del diritto all’oblio”. L’auspicio è che “l’adozione di procedure corrette possa facilitare la circolazione delle informazioni con benefici convergenti per le aziende e gli interessati”.

Fra le altre tematiche calde in materia di privacy il segretario generale dell’Agcom, Riccardo Capecchi, cita il problema del roaming in un mercato unico delle telecomunicazioni, dove agiscono operatori con lingue e regole diverse e dove quindi la tutela delle informazioni personali privacy diventa essenziale. Mentre il presidente dell’Associazione giuristi d’impresa, Raimondo Rinaldi, auspica che i temi di riflessione sull’impatto delle nuove regole per le imprese “potranno essere ripresi in prossime occasioni di confronto con l’Autorità garante della protezione dei dati personali”.

Andrea Frollà  

Fonte: http://bit.ly/2ebTVgH

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

CYBER SICUREZZA
Ecco l'elenco delle 100 startup che applicano algoritmi di intelligenza artificiale in oltre 25 settori, dall'assistenza sanitaria alla sicurezza informatica, e che hanno totalizzato più di 11 miliardi di dollari di finanziamenti.  Sanità Con ....
ven 15 dic, 2017
Industria 4.0
Farmacie, ospedali e ora anche a casa. Le soluzioni integrate e i servizi del gruppo It di Trento, quotato in Borsa su Aim, sono orientati alla copertura estesa del mercato sanità e sociale. Grazie ad automazione, telemedicina e monetica (e con ....
gio 14 dic, 2017

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?
Digital Day Ue
Data: 23-03-2017
Luogo: Roma 23 marzo dalle ore 10.00 in poi
Industria 4.0, big data, connected car e digital skills i pilastri della strategia che sarà illustrata durante l'evento annunciato come fra i più rilevanti nell'ambito delle celebrazioni del 60mo anniversario della firma dei Trattati di Roma

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589