Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » CyberAcademy, a Modena l'università per hacker 'buoni'

CyberAcademy, a Modena l'università per hacker 'buoni'

Modena Università
09-10-2016

Apre il 24 ottobre a Ingegneria il corso dell'ateneo modenese che formerà esperti di cybersicurezza di tutte le età. Con un bootcamp intensivo di sei mesi, una full immersion per la sicurezza digitale.

 

SARA' po' CyberAcademy, e un po' X-factor. Si presenta così il primo corso di perfezionamento sulla sicurezza informatica sviluppato presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Modena: apre il 24 ottobre e ha il dichiarato obiettivo di formare hacker buoni, cioè esperti di cybersecurity e protezione di sistemi. ''E' il primo caso in Italia e tra i primissimi in Europa'', sostiene il professor Michele Colajanni, l'uomo che tale progetto ha ideato e sostenuto.

Progetto ''Diamante'', questo il nome, perché ''è tempo di investire sui giovani promettenti, sui nostri diamanti grezzi: a noi il compito di trovarli e levigarli, per farli brillare e inviare nel mondo''. Fuor di retorica, in realtà il corso nasce per andare incontro all'urgenza che hanno aziende, strutture governative, soggetti politici e impianti strategici di protezione da attacchi informatici sempre più frequenti e sofisticati. Giusto ieri gli Stati Uniti hanno accusato ufficialmente il Cremlino di voler condizionare il voto delle prossime elezioni presidenziali con la massiccia campagna intrusiva lanciata mesi fa da Fancy Bear, un gruppo di hacker (cattivi in questo caso) sospettati di essere alle dipendenze dei servizi segreti russi.

I posti disponibili alla CyberAcademy però sono solo 20, e per entrare non bastano curriculum, buone intenzioni e i 1.500 euro da versare per l'iscrizione: bisogna essere hacker dentro. La definizione di diamante grezzo elaborata da Colajanni, infatti, suona così: ''Persona che sa programmare, che sa l'inglese, conosce le reti, è curiosa, che vuole migliorare e migliorarsi, che vuole sperimentare''.

Tutto ciò si concretizza in una selezione tipo X-Factor per l'accesso al corso: una commissione interna ha il compito di valutare il miglior software che il candidato è riuscito a progettare e realizzare nella sua vita. Ne sarà valutata creatività e impatto innovativo. ''Non poniamo limiti, i nostri studenti possono avere 16 o 45 anni, la CyberAcademy è aperta a tutti: l'idea è realizzare una moderna bottega rinascimentale, specializzata in sicurezza informatica e valorizzazione di grandi quantità di dati, cioè la security analytics'', spiega il direttore Colajanni.

I prescelti passeranno i successivi sei mesi in un bootcamp intensivo: la mattina lezioni con docenti da tutta Europa, pomeriggi fino a tardi dedicati al laboratorio per provare e progettare software e strumenti, la sera saranno ospitati in un ostello dalla Fondazione San Filippo Neri di Modena dove ci sono anche le aule per la didattica. Vivranno praticamente insieme h24. Il bootcamp è diviso in due parti di durata trimestrale: si accede alla seconda fase solo se si supera una prova di verifica delle competenze acquisite. Costo del corso, appunto,1.500 euro, ma per alcuni sarà gratuito perché le aziende patrocinanti mettono a disposizione alcune borse di studio.

Alla fine dei sei mesi, gli studenti – nelle intenzioni degli ideatori della CyberAcademy - dovrebbero aver acquisito l'arte e la tecnica di proteggere l'informazione

 

digitale. Sarà consegnato loro un diploma di partecipazione. ''Se superi tutte le prove, le garanzie di trovare lavoro sono altissime'', promette Colajanni. ''L'hacker buono oggi è richiestissimo''. Sempre che i buoni, però, restino buoni.

 

Fabio Tonacci

 

Fonte: http://bit.ly/2dAJ2cp

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Da sinistra: Rosangela Cesareo, socia Aidr, Jolanda Restano Ricercatrice Farmaceutica, Alberto Chalon Direttore Generale Qwant.com, Federica Piccinini, influencer e blogger, On Enza Bruno Bossio, Davide D'Amico, dirigente Miur e socio Aidr
Alcuni soci AIDR
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno

Notizie e Comunicati correlati

Rai
Il passaggio al digitale diverrà prima o poi per tutti un passo obbligato. La Rai ha scelto di giocare un po’ in anticipo, decidendo di investire sul digitale e di implementare una rete nazionale entro brevi periodi Prima è toccato ....
mer 18 apr, 2018
documenti
Solo pochi commercialisti hanno optato finora per la conservazione digitale. Le cose sono destinate a cambiare con l’introduzione dell’obbligo 2019 della fatturazione elettronica B2B. Vediamo come. Ma occorre ancora approfondire l’impatto ....
mar 17 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589