Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Nicita: "Serve un nuovo framework regolatorio per accompagnare la rivoluzione digitale"

Nicita: "Serve un nuovo framework regolatorio per accompagnare la rivoluzione digitale"

p
07-10-2016

Il commissario Agcom evidenzia due lacune delle attuali regole. Rischiano di soffocare business nascenti, essendo pensate per vecchi mercati, oppure lasciano aperte lacune da cui possono nascere nuovi monopoli. E invita a costruire un nuovo modello. 

"Il problema che il regolatore deve porsi è quante regolazioni ci sono, quali sono quelle efficienti e come devono cambiare a secondo di quello che stiamo osservando: la rivoluzione digitale". Antonio Nicita, commissario di Agcom, dal palco del convegno EY di Capri affronta il problema di come aggiornare il modello regolatorio, per evitare un doppio rischio: soffocare business nascenti e far nascere da questi nuovi monopoli. 

"Le autorità sono nate sui settori tradizionali, sul concetto di liberalizzare reti che prima erano integrate nelle mani di un monopolista".

"Lo scopo quindi creare mercato che non c'era. Nella consapevolezza che i servizi erogati avevano confini molto chiari, su ciò che era offerto al consumatore, il modello di business, il livello di competizione. I concetti di mercati rilevanti e potere di mercato sono stravolti dalla rivoluzione digitale".

"Siamo in una fase nuova in cui il punto non è più liberalizzare i mercati, ma è l'apertura al nuovo".

"Quindi la domanda è quante regole ci vogliono e se quelle che abbiamo sono adatte a risolvere il problema o piuttosto creano barriere o complicazioni in altri modelli di business", dice Nicita.

"Ci sono modelli di business che hanno bisogno di pezzetti di accesso alle reti, ai dati, a un certo tipo di traffico per fare un business completamente diverso da quello tradizionale. Se applichiamo a questo le vecchie regole, pensate per i settori tradizionali, l'innovazione diventa insostenibile"

"Bisogna quindi ridurre il carico di regole per evitare che si creino barriere all'ingresso per nuovi modelli di business", ribadisce Nicita.

Un'altra sfida è ora "il proliferare di reti diverse da soggetti e contesti diversi. Divertente ora che Tim si lamenti dell'incumbent elettrico e questo si lamenti dell'incumbent telefonico quando si incontrano nei rispettivi campi. Ex monopolisti scoprono la concorrenza. Abbiamo con l'Autorità dell'energia un tavolo permanente per capire il problema e trovare soluzioni in comune. Ma abbiamo bisogno di un framework nuovo europeo, per soddisfare la tensione tra regolazione e deregolamentazione con strumenti nuovi".

A questo proposito, "la Commissione UE ha lanciato pacchetto di direttive che sposta l'approccio dalle reti alle piattaforme, che sono in grado di mettere in contatto più mercati". Tuttavia, "lascia sullo sfondo il tema dell'evoluzione degli standard e che va affrontato subito; nel machine to machine hanno tutti natura proprietaria e nessuna regolazione nazionale può risolvere. L'autorità italiana ha scelto l'approccio di favorire l'interoperabilità, eliminando vincoli di tecnologie proprietarie".

Alessandro Longo

Fonte: http://bit.ly/2dzLgFq

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Sergio Codella avvocato, Segretario Generale AIDR;  il vice presidente AIDR Arturo Siniscalchi, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Cataldo Calabretta, avvocato,Valentina Nucera Membro Direttivo AIDR, Mattia Fantinati Movimento 5 stelle Antonio Palmieri FI
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Da sinistra: Roberto Morello, Dirigente Medico Ospedaliero, Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Da sinistra: Rosangela Cesareo, socia Aidr, Jolanda Restano Ricercatrice Farmaceutica, Alberto Chalon Direttore Generale Qwant.com, Federica Piccinini, influencer e blogger, On Enza Bruno Bossio, Davide D'Amico, dirigente Miur e socio Aidr
Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto

Notizie e Comunicati correlati

m
L'utilizzo delle nuove tecnologie, dei digital media e la diffusione della cultura attraverso il web è alla base dell’accordo di collaborazione sottoscritto dall’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e dalla testata ....
mer 04 lug, 2018
MINISTRO BONGIORNO
La ministra Giulia Bongiorno ha annunciato il ricorso alle tecnologie per combattere i furbetti del cartellino: ‘Rilevazioni biometriche per evitare che ci sia chi strisci il tesserino per altri’. Il sistema è a prova di privacy come ....
sab 30 giu, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589