Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Nicita: "Serve un nuovo framework regolatorio per accompagnare la rivoluzione digitale"

Nicita: "Serve un nuovo framework regolatorio per accompagnare la rivoluzione digitale"

p
07-10-2016

Il commissario Agcom evidenzia due lacune delle attuali regole. Rischiano di soffocare business nascenti, essendo pensate per vecchi mercati, oppure lasciano aperte lacune da cui possono nascere nuovi monopoli. E invita a costruire un nuovo modello. 

"Il problema che il regolatore deve porsi è quante regolazioni ci sono, quali sono quelle efficienti e come devono cambiare a secondo di quello che stiamo osservando: la rivoluzione digitale". Antonio Nicita, commissario di Agcom, dal palco del convegno EY di Capri affronta il problema di come aggiornare il modello regolatorio, per evitare un doppio rischio: soffocare business nascenti e far nascere da questi nuovi monopoli. 

"Le autorità sono nate sui settori tradizionali, sul concetto di liberalizzare reti che prima erano integrate nelle mani di un monopolista".

"Lo scopo quindi creare mercato che non c'era. Nella consapevolezza che i servizi erogati avevano confini molto chiari, su ciò che era offerto al consumatore, il modello di business, il livello di competizione. I concetti di mercati rilevanti e potere di mercato sono stravolti dalla rivoluzione digitale".

"Siamo in una fase nuova in cui il punto non è più liberalizzare i mercati, ma è l'apertura al nuovo".

"Quindi la domanda è quante regole ci vogliono e se quelle che abbiamo sono adatte a risolvere il problema o piuttosto creano barriere o complicazioni in altri modelli di business", dice Nicita.

"Ci sono modelli di business che hanno bisogno di pezzetti di accesso alle reti, ai dati, a un certo tipo di traffico per fare un business completamente diverso da quello tradizionale. Se applichiamo a questo le vecchie regole, pensate per i settori tradizionali, l'innovazione diventa insostenibile"

"Bisogna quindi ridurre il carico di regole per evitare che si creino barriere all'ingresso per nuovi modelli di business", ribadisce Nicita.

Un'altra sfida è ora "il proliferare di reti diverse da soggetti e contesti diversi. Divertente ora che Tim si lamenti dell'incumbent elettrico e questo si lamenti dell'incumbent telefonico quando si incontrano nei rispettivi campi. Ex monopolisti scoprono la concorrenza. Abbiamo con l'Autorità dell'energia un tavolo permanente per capire il problema e trovare soluzioni in comune. Ma abbiamo bisogno di un framework nuovo europeo, per soddisfare la tensione tra regolazione e deregolamentazione con strumenti nuovi".

A questo proposito, "la Commissione UE ha lanciato pacchetto di direttive che sposta l'approccio dalle reti alle piattaforme, che sono in grado di mettere in contatto più mercati". Tuttavia, "lascia sullo sfondo il tema dell'evoluzione degli standard e che va affrontato subito; nel machine to machine hanno tutti natura proprietaria e nessuna regolazione nazionale può risolvere. L'autorità italiana ha scelto l'approccio di favorire l'interoperabilità, eliminando vincoli di tecnologie proprietarie".

Alessandro Longo

Fonte: http://bit.ly/2dzLgFq

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr
Da sinistra: Mauro Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello
Arturo Siniscalchi, Vice Presidente AIDR
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (4 ist,0 cat)
Federica Meta, giornalista Corriere delle Comunicazioni
Da sinistra: Mauro Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia
Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri
E-government: la rivoluzione (digitale) non è un pranzo di gala. Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è anche presidente e fondatore dell’Associazione Italian Digital ....
mer 25 apr, 2018
Mauro Nicastri
AIDR (associazione italian digital revolution), rappresentata dal presidente Mauro Nicastri, partecipa alla presentazione del Premio Racconti nella rete (www.raccontinellarete.it), giovedì 12 aprile, alla Biblioteca Europea di Roma, in via Savoia ....
ven 06 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589