Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » La digital transformation sarà la "mission" strategica delle aziende italiane

La digital transformation sarà la "mission" strategica delle aziende italiane

A
07-10-2016

All’evento annuale di Capri le "ricette" dei manager del comparto. È sulle nuove competenze che bisognerà intervenire per favorire la svolta. Big data e mobile le leve per i servizi.

Contribuire all’evoluzione della cultura dell’innovazione e di stimolare la crescita del Paese. Questa la “mission” dell’evento “Accelerare x competere x crescere. Creatività, innovazione, digitale”, organizzato da EY a Capri e giunto quest’anno alla nona edizione. A seguire alcune delle “ricette” dei manager presenti alla convention. Qui gli interventi del 7 ottobre. 

Marco Icardi, ceo Sas Italy

Gli investimenti nella trasformazione digitale saranno 2.100 miliardi nel prossimo anno e rappresenteranno metà degli investimenti che il mondo industriale e pubblico effettueranno nell’IT. L’investimento si concentrerà sulla trasformazione. Ma senza le competenze necessarie non possiamo mettere in produzione modelli di trasformazione delle aziende. In Italia si ha una conoscenza scarsa sui big data analytics. Ad oggi sono 200 i data officer in Italia ma ce ne vorranno 2.000. Serviranno 10mila nuove figure professionali con profili complessi.

Barbara Poggiali, Head of Strategic Marketing Poste Italiane

Il digitale rappresenta la nuova normalità per l’accesso ai servizi. Il challenge è coniugare il digitale con la fisicità. La sfida si protrarrà per diversi anni ma il nostro obiettivo è accompagnare il cambiamento di azienda e clienti con risultati concreti nel tempo. Abbiamo deciso di dare priorità al mondo consumer puntando sul mobile più che sul web. Ci vuole forte attenzione alla user experience.

Maurizio Santacroce, direttore Payments and Services Sisal

In Italia, la digital transformation segue un percorso evolutivo, più che rivoluzionario. Non si impone con cambiamenti radicali e distruttivi ma attraverso un percorso costante e continuativo. Niente strappi, dunque, ma un processo continuo che deve vedere un impegno congiunto da parte di imprese e pubblica amministrazione Il futuro non è esclusivamente virtuale e gli sportelli e negozi fisici non saranno destinati a scomparire. Ad avere successo nel nostro Paese saranno modelli ibridi: il consumatore e il cittadino vogliono poter interagire, sempre più frequentemente, con imprese e PA attraverso un modello che integra offline e online. Una peculiarità, tutta italiana.

Melissa Peretti, country manager Italia American Express

L'industria dei pagamenti è all'inizio di una grande trasformazione. In questo nuovo paradigma si imporranno solo gli operatori che saranno in grado di mettere al centro le esigenze del cliente e di generare valore aggiunto in ogni fase della customer experience. L'innovazione digitale ha aperto un mondo di possibilità nel modo in cui le aziende offrono servizi ai propri clienti e richiede un cambiamento sostanziale. Allo stesso tempo la digitalizzazione ha modificato radicalmente le modalità in cui i clienti fruiscono dei servizi e bisogna essere pronti ad offrire esperienze personalizzate e geolocalizzate. Questo è possibile solo attraverso l'analisi accurata della grande quantità di dati che abbiamo a disposizione e la capacità di incrociarli con le necessità dei clienti, degli esercenti e delle aziende per migliorare la loro esperienza.

Carlo Purassanta, ceo Microsoft Italia

Oggi le aziende che investono nella gestione dei dati registrano dei risultati soprendenti e con un forte impatto su produttività e profittabilità. Secondo uno studio che analizza le differenze tra le aziende che utilizzano in maniera rilevante i dati per la gestione del loro business e quello che non lo fanno in maniera intensiva emerge che le organizzazioni data driven ottengono vantaggi concreti e misurabili: +18% di margine lordo, + 4% di utili e +7% di produttività dei dipendenti. La trasformazione digitale offre dunque alle organizzazioni opportunità uniche per competere in scenari globali,  dove la gestione e valorizzazione delle informazioni e dei dati rappresentano un vero valore di differenziazione, portando immediati vantaggi diretti sui risultati aziendali e produttività delle imprese.

Renato Mazzoncini, Ad di FS Italiane

La digitalizzazione è uno dei pilastri strategici su cui si basa il nuovo Piano Industriale del Gruppo che prevede investimenti per 94 miliardi di euro nei prossimi 10 anni. Lo consideriamo un fattore abilitante, che contribuirà in maniera decisiva alla trasformazione della mission di Ferrovie: da azienda ferroviaria a operatore globale di mobilità integrata. Il cambiamento coinvolgerà gli altri partner della mobilità pubblica e privata e, soprattutto, i nostri clienti, per i quali vogliamo costruire una nuova travel philosophy e offrire comodi strumenti che li accompagnino in tutto il viaggio, realizzando una Extended Customer Experience. Parliamo di servizi che solo la digitalizzazione può realizzare e rendere facilmente fruibili, come il travel companion, l’indoor mapping di stazione, il portafoglio elettronico, le notifiche sui ritardi, la video chat e il social seating.

Agostino Santoni, ceo Cisco Italy

È possibile connettere tutto. Oggi è possibile. E anche sviluppare software è un’operazione che si può fare molto più velocemente. Per la prima volta nella nostra industria software e reti dialogano. Nel frattempo i sensori hanno aumentato la durata delle batterie. Cosa possiamo fare per il nostro Paese? In Cisco Italia abbiamo cominciato a imparare dialogo con utilities e multiutilities e abbiamo capito che esiste opportunità di completa interoperabilità delle infrastrutture fisiche del Paese.

Luca Colombo, country manager Facebook Italia

 

Con la crescita del mobile stiamo assistendo ad una rapida e continua evoluzione nello scenario della comunicazione, in cui il pubblico è sempre più orientato a una fruizione immediata delle informazioni. Facebook è la piattaforma attraverso cui un numero di persone sempre più elevato accede in maniera immediata alle notizie e contribuisce alla trasformazione del modo in cui il pubblico si informa, attraverso tools multimediali, veloci e coinvolgenti come Instant Articles e video a 360°. Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri media partner, ascoltiamo i loro feedback per creare valore per loro e per tutti i nostri utenti sulla nostra piattaforma.

Mila Fiordalisi 

Fonte: http://bit.ly/2dAysia

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali.
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR
Arturo Siniscalchi, Vice Presidente AIDR
I partecipanti al Convegno MAMME IN PARLAMENTO
Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto in organizzazione giudiziaria di Agenda Digitale Giustizia
Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri
E-government: la rivoluzione (digitale) non è un pranzo di gala. Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è anche presidente e fondatore dell’Associazione Italian Digital ....
mer 25 apr, 2018
Mauro Nicastri
AIDR (associazione italian digital revolution), rappresentata dal presidente Mauro Nicastri, partecipa alla presentazione del Premio Racconti nella rete (www.raccontinellarete.it), giovedì 12 aprile, alla Biblioteca Europea di Roma, in via Savoia ....
ven 06 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589