Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Banda ultralarga, il Sud decolla ma troppe tasse frenano lo sviluppo

Banda ultralarga, il Sud decolla ma troppe tasse frenano lo sviluppo

Banda larga Sud
05-10-2016

Buone le performance di Campania, Puglia e Sicilia dove, però, il carico fiscale rischia di bloccare la ripresa. Il Nord brilla per la presenza di startup: Lombardia e Veneto al top. Ecco la fotografia scattata dall'ultimo rapporto I-Com sull'economia delle regioni. 

Il Sud Italia è in crescita sul fronte infrastrutture e Tlc ma carico fiscale frena sviluppo. Sono queste le conclusioni dello studio dell’Istituto per la Competitività, I-Com, “L’economia delle Regioni italiane e i rapporti tra amministrazioni territoriali e imprese”, presentato oggi a Roma in occasione dell’ultima tappa della seconda edizione di Orti (Osservatorio sulle relazioni territorio-impresa), che nei mesi scorsi ha toccato Firenze, Bari e Bologna con eventi ad hoc.

Per descrivere il grado di competitività delle Regioni italiane, I-Com ha elaborato un indice sintetico che prende in considerazione alcune variabili relative alla dotazione infrastrutturale. Da questo criterio di misurazione, si rileva la buona performance di Campania, Puglia e Sicilia specialmente nel settore della banda ultra-larga. La Campania è al secondo posto del ranking nazionale, dopo la Lombardia, grazie anche a un’ottima capillarità della rete di distribuzione elettrica.

“Dal nostro indice risulta un dato quantitativo che naturalmente va letto insieme a quello sulla qualità spiega Stefano da Empoli, presidente di I-Com, che ha curato il rapporto insieme a Gianluca Sgueo, direttore Area Istituzioni I-Com. - È innegabile però il miglioramento delle reti di alcune Regioni del Mezzogiorno, che rappresenta un’opportunità di sviluppo da non sprecare. E non deve dare più alibi alle amministrazioni regionali e locali che continuano a offrire a cittadini e imprese un rapporto troppo spesso penalizzante tra qualità e costo dei servizi”.

Ne è una prova tangibile il carico fiscale per le industrie che nel Sud è in media maggiore rispetto a quello del Nord. L’aliquota Irap più alta si registra in Campania (4,97%), Sicilia, Puglia e Calabria (4,82%). Mentre nelle Regioni del Nord si applica l’aliquota ordinaria (3,90%).

Dal rapporto emerge, infine, la leadership del Nord per quanto riguarda la distribuzione di startup innovative, con oltre il 55% del totale (ma sono le Marche a guidare la classifica per numero di start-up pro-capite, davanti, rispettivamente, a Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Abruzzo), e la presenza di aziende a partecipazione estera. La Lombardia ospita, infatti, 4.431 multinazionali, il 5,5% del totale delle industrie della Regione. Secondo I-Com, le imprese della sola Lombardia potrebbero potenzialmente occupare il 4,4% dei disoccupati italiani, seguite da quelle del Veneto (2,4%).

Nello studio vengono poi approfonditi 16 casi concreti in cui il rapporto fra PA locale e imprese si è dimostrato particolarmente virtuoso, rivelando come sia possibile costruire il successo del Paese superando diffidenze e immobilismo. I-Com ha chiamato questi casi #ItaliaSì. Per superare l’impasse che blocca il Paese l’Istituto per la Competitività ha proposto un “Manifesto delle buone relazioni tra territori e imprese”, un decalogo capace di individuare i punti cardinali di una nuova relazione virtuosa fra industrie e territori, guidata dalla comune volontà di perseguire nel modo migliore i propri interessi di lungo termine e dunque di contribuire all’interesse generale dell’Italia.

Su questo rapporto, prevede I-Com, potrebbe incidere la riforma costituzionale, che nella revisione del Titolo V, che regola le relazioni tra Stato e autonomie territoriali, ha uno dei suoi piatti forti e anche dei meno controversi, tanto è evidente il malfunzionamento della revisione del 2001.Manifesto alla mano, il rapporto Orti mostra gli impatti possibili della riforma, in alcuni casi sostanziali, sulle interazioni tra aziende e istituzioni territoriali.

L’Osservatorio Orti, incubatore itinerante di relazioni virtuose tra imprese e enti locali, ha avuto il sostegno di Abbvie, Banca Farmafactoring, Basf, Enel, Eni, Global Solar Fund, GVM Care&Research, Hewlett Packard Enterprise, Eli Lilly, Terna, Trans Adriatic Pipeline, ed è stato sviluppato in partnership con Public Affairs Advisors. 

F. Me.  

Fonte:  http://bit.ly/2dKHl7m

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

L'intervento del Sottosegretario di Stato alla Giustizia Cosimo Maria Ferri
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
I relatori e i partecipanti al convegno
La platea dei partecipanti
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Da sinistra: Carlo Flamment; Francesco Verbaro; Carlo Mochi Sismondi ; Gianluca Maria Esposito; Alessandro Bacci.
Sergio Codella avvocato, Segretario Generale AIDR;  il vice presidente AIDR Arturo Siniscalchi, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Cataldo Calabretta, avvocato,Valentina Nucera Membro Direttivo AIDR, Mattia Fantinati Movimento 5 stelle Antonio Palmieri FI
Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto in organizzazione giudiziaria di Agenda Digitale Giustizia

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri
E-government: la rivoluzione (digitale) non è un pranzo di gala. Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è anche presidente e fondatore dell’Associazione Italian Digital ....
mer 25 apr, 2018
smart working
Anche in Italia avanza progressivamente lo smart working. Il “lavoro intelligente” - da non confondere col telelavoro - , è la possibilità di operare flessibilmente, slegati da un luogo fisico ma gestendo in piena autonomia il ....
mar 24 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589