Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Foia, prima e dopo: come cambia il percorso di accesso civico

Foia, prima e dopo: come cambia il percorso di accesso civico

Foa
03-10-2016

Con il Foia l’istanza di accesso civico già previsto dal previgente D.lgs. 33/2013 (Decreto trasparenza) cambia in questo modo. Con le regole precedenti (dal 21 aprile 2013) i soggetti tenuti a fornire riscontro erano solo due: il Responsabile della Trasparenza e il Soggetto titolare del potere sostitutivo, quest’ultimo interveniva in caso di inerzia della P.A. 

 

Dal 23 giugno 2016 formalmente, dal 23 dicembre 2016 nell’effettività, i percorsi fondamentali divengono due: quello simile al presistente ordinario (per il riscontro legato ai dati, documenti e informazioni a pubblicazione obbligatoria) e uno nuovo rafforzato (per tutti gli altri aggiuntivi).

 

Per il primo percorso è sempre il Responsabile della Trasparenza il soggetto obbligato a fornire riscontro alla richiesta del cittadino ma il rifiuto può essere giustificato da ulteriori limiti (oggi ancora da chiarire) rispetto al passato.

 

Inoltre, dovrebbe ancora essere possibile avvalersi del potere sostitutivo (disposizione del D.lgs. 33/2013 abrogata ma che sopravvive perché sopravvive la L.241/90). Per il secondo percorso il Responsabile della Trasparenza subentra solo in caso di riesame (rimedio stragiudiziario) nell’ipotesi di Enti che non siano locali, altrimenti a rispondere sarà il Difensore civico (territoriale o a livello immediatamente superiore). Infatti, la P.A. risponderà in prima istanza, alternativamente, tramite l’URP, un ufficio appositamente incaricato o quello che detiene i dati.

 

L’esito del procedimento potrebbe essere interrotto da una comprovata indifferibilità anche nel caso in cui l’opposizione motivata dei controinteressati non fosse ammissibile ma soprattutto da impegnativi, ricorrenti e frammentati subprocedimenti tra momenti in cui verificare i presupposti per effettuare e ricevere le comunicazioni ai e dai controinteressati e quelli che si potrebbero verificare, successivamente, con il riesame della P.A. Per rispondere alla richiesta, la P.A. può dover tener conto anche del parere preventivo e vincolante del Garante della Privacy.  

 

Francesco Addante, consulente trasparenza e Anticorruzione

 

Fonte: http://bit.ly/2d9MnK4


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Da sinistra: Roberto Morello, Dirigente Medico Ospedaliero, Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
Alcuni soci AIDR
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Pasquale Natella,
Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali

Notizie e Comunicati correlati

m
L'utilizzo delle nuove tecnologie, dei digital media e la diffusione della cultura attraverso il web è alla base dell’accordo di collaborazione sottoscritto dall’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e dalla testata ....
mer 04 lug, 2018
NICASTRI-MANFUSO
Stretta di mano tra Mauro Nicastri e Sara Manfuso, rispettivamente presidenti delle associazioni "Italian Digital Revolution" (www.aidr.it) e "iocosì", dopo la firma di un'importante protocollo d'intesa. L'accordo prevede una sinergia tra il ....
gio 28 giu, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589