Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Whatsapp: si può bloccare un messaggio inviato per sbaglio?

Whatsapp: si può bloccare un messaggio inviato per sbaglio?

03-10-2016
Whatsapp

A chi non è capitato di inviare per sbaglio su WhatsApp? Che si tratti di un errore o di un ripensamento, meglio sapere come rimediare. Una piccola icona mostrata accanto il messaggio ci aiuta a identificarne lo stato.

Esiste un sistema per bloccare i messaggi inviati per errore, anche se bisogna ammettere che funziona solo in circostanze particolari. Ecco come fare: 

  • se accanto al messaggio inviato per errore compare il simbolo dell’orologio vuol dire che c’è stato un qualche errore di connessione che ha impedito l’avvio del messaggio. Quindi se cancellate velocemente il messaggio, ecco che l’invio viene automaticamente bloccato
  • se accanto al messaggio c’è un solo segno di spunta grigio vuol dire che il messaggio è stato inviato, ma che WhatsApp deve ancora consegnarlo alla persona a cui lo avete spedito. Di solito succede quando la persona in questione non ha la connessione o il wi-fi attivi o quando è in un posto dove non prende/non è raggiungibile o quando ha il cellulare spento. Possibile bloccare l’invio del messaggio  solamente bloccando il destinatario dalla propria rubrica contatti per almeno 30 giorni. I server di WhatsApp conservano i messaggi “non inviati” per 30 giorni dopo di che vengono cancellati automaticamente.

I simboli con doppia spunta grigio e doppia spunta blu, invece, indicano che il messaggio è stato ricevuto: nel secondo caso (spunta blu) anche letto. In questo caso non si può più fare nulla.

 E cosa succede se per errore ho inviato una foto (o un video) alla persona sbagliata? Beh, anche in questo caso si può fare marcia indietro, ma bisogna agire in fretta. WhatsApp impiega qualche secondo per caricare i contenuti multimediali (foto e video) e sono proprio questi i momenti preziosi in cui agire e annullare l’invio. Ecco come fare: Spegnere immediatamente i dati cellulare e il wifi. Il modo più veloce è l’attivazione della modalità in aereo, che si può raggiungere facilmente dalla barra delle notifiche (sia su iPhone che su Android o altri modelli di telefono).

 Invece come si può diventare invisibili su Whatsapp? Per questo è sufficiente andare in Impostazioni/Account/Privacy e toccare la voce ‘Ultimo accesso’. Impostando questa opzione su ‘Nessuno’ gli altri utenti non potranno sapere quando l’applicazione è stata utilizzata per l’ultima volta. Se però questa funzione viene attivata, non si potrà conoscere l’ultimo accesso degli altri contatti.Un altro modo per diventare invisibili, sempre dalla schermata ‘Privacy’, è toccare la voce ‘Stato’. Anche in questo caso si può impostare l’opzione su ‘Nessuno’ per impedire agli altri di conoscere il proprio stato, oppure scegliere di mostrarlo solo alle persone che sono tra i propri contatti.

Redazione lentepubblica.it

Fontehttp://bit.ly/2dmxlDQ

 

 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Da sinistra: Maria Antonietta Spadorcia, Rosangela Cesareo, Cristiana Luciani, Elena Barbieri
Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto
Da sinistra verso destra: Raffaella Regoli, Caporedattore Mediaset; Rosangela Cesareo, Blogger e socio AIDR; Francesca Montemagno, Presidente di Pari o Dispare;
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)

Notizie e Comunicati correlati

culturaidentitÓ
Un accordo di collaborazione è stato siglato a Milano tra le associazioni Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e CulturaIdentità (www.culturaidentita.it). Si tratta di un progetto che nasce dall’esigenza di difendere anche online ....
lun 12 nov, 2018
digit donne
È tutto pronto per la prossima sfida di AIDR - Osservatorio donne digitali - con l’evento esclusivamente al femminile. Il quesito sarà: “La rivoluzione digitale è donna?”. Ne discuteranno tante donne, con ruoli e ....
mar 06 nov, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589