Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » 802.11ad: come funziona il Wi-Fi meno conosciuto del momento

802.11ad: come funziona il Wi-Fi meno conosciuto del momento

03-10-2016
Wirless

Cominciano ad arrivare sul mercato i primi prodotti 802.11ad ma pochi conoscono ancora le potenzialità di un protocollo diverso dai “fratelli” Wi-Fi

Ci sono le alleanze per l’interoperabilità fra prodotti e in effetti iniziano ad arrivare sul mercato i primi access point e notebook che lo supportano. Parliamo del protocollo 802.11ad, inizialmente noto anche come WiGig o Wireless Gigabit, dato che si tratta della tecnologia che promette di portare il Wi-Fi a bande di diversi gigabit al secondo. I produttori di apparati ci credono, la sua applicazione nelle imprese appare invece molto meno ovvia o comunque molto meno immediata di quanto alcuni pensassero tempo fa.

802.11ad ha infatti una storia relativamente lunga. I primi annunci ufficiali di WiGig risalgono all’ormai lontano 2009 con le anticipazioni di un protocollo che poteva portare comunicazioni wireless fino a 7 Gbps, quindi molta più banda del classico Wi-Fi dell’epoca. Questo grazie al fatto che 802.11ad prevede comunicazioni nella banda dei 60 GHz, mentre le altre implementazioni 802.11 più comuni arrivano al massimo a 5 GHz.

Alte frequenze significano elevata banda trasmissiva ma anche corto raggio, motivo per cui 802.11ad viene considerato come una tecnologia complementare agli altri “fratelli” Wi-Fi, ed è su questa complementarietà che si confrontano oggi le scuole di pensiero legate a WiGig. C’è chi – soprattutto i produttori che ci hanno investito – ritiene che sia una complementarietà transitoria e chi pensa che WiGig sia un altro tassello nella strategia di espansione della famiglia Wi-Fi. Come, ma tecnologicamente all’opposto, lo è HaLow.

Perché le imprese dovrebbero investire – certamente non quest’anno ma magari l’anno prossimo o tra due, sperano i produttori – in nuovi prodotti wireless mentre stanno ancora assorbendo l’evoluzione di 802.11ac Wave 2? Perché la banda serve sempre di più, è l’opinione dei sostenitori a tutto tondo della tecnologia, e anche il “nuovo ac” ha i suoi limiti.

Ma per altri osservatori 802.11ad ha un futuro diverso dalla connettività ubiqua del Wi-Fi più comune. È vero che serve sempre più banda wireless ma questa serve prima nelle parti infrastrutturali delle reti e meno nella tratta finale che va dall’access point al client, tratta che si può ottimizzare in vari modi. I sette gigabit di 802.11ad serviranno quindi, ma prima come ponte tra access point o comunque nel backend della rete.

Francesco Pignatelli

Fonte: http://bit.ly/2dBNkL3

 

 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Mauro Covino e Flavia Marzano
Consegna dei tablet all'unità operativa di neuropsichiatria infantile dell'ospedale Gemelli di Roma  (8 ist,0 cat)
Enrico Costa, Ministro per gli Affari regionali con delega in materia di politiche per la famiglia
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
Inaugurazione Centro di Ricerca "DiTES"
La rivoluzione digitale è donna?
Premiazione "Rating di legalità" AIDR

Notizie e Comunicati correlati

Ossino
Digitalizzazione, Ossino (Aidr): diffusione e ritardi dell’Italia La digitalizzazione è’ un nuovo cambiamento tecnologico caratterizzante la società come lo sono stati: 1. la scoperta della macchina a vapore per la produzione ....
mer 16 gen, 2019
Ossino
Digitalizzazione, Ossino (Aidr): diffusione e ritardi dell’Italia La digitalizzazione è’ un nuovo cambiamento tecnologico caratterizzante la società come lo sono stati: 1. la scoperta della macchina a vapore per la produzione ....
mer 16 gen, 2019

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589