Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Le equazioni? Per risolverle basta una foto (e un'app)

Le equazioni? Per risolverle basta una foto (e un'app)

PhotoMath
03-10-2016

PhotoMath promette di risolvere i problemi di matematica con uno scatto. Il sistema è imperfetto, ma promettente (e utile anche a chi vuole imparare).

PhotoMath è nata due anni fa ed è una delle app dedicate al mondo della matematica più popolari al mondo: può vantare oltre 30 milioni di download, svariati premi, ottime recensioni e la riconoscenza di tanti studenti di matematica. Soprattutto perché non si limita a fare i calcoli al posto nostro, ma mostra e spiega ogni singolo passaggio, dall'equazione alla soluzione. Per chiedere il suo aiuto basta inquadrare l'operazione matematica con la fotocamera: la app la riconoscerà e provvederà a risolverla. Fino a qualche giorno fa, PhotoMath era in grado di leggere correttamente solamente i libri di testo. Ma la novità è che ora sa cimentarsi anche con la grafia umana - o, quanto meno, ci prova.

Facilitare l’apprendimento

La nuova funzionalità è integrata nella versione 3.0 della app ed è già disponibile per iOS, mentre arriverà su Android entro la fine del mese di settembre. Come tanti altri software che puntano a leggere la calligrafia umana, non è perfetto: non sempre interpreta nel modo giusto i numeri e spesso occorre intervenire manualmente per correggere gli errori. Ma le sue prestazioni dovrebbero migliorare con il tempo (e con gli aggiornamenti futuri). Intanto, c'è già chi si preoccupa dell'impatto che una app simile potrebbe avere sull'apprendimento della matematica da parte degli studenti. Il ceo di PhotoMath, Damir Sabol, è abituato a questo genere di critiche: da quando la app è stata lanciata è stata più volte additata come nemica da professori e genitori. Intervistato dal giornale croato Jutarnji, si è difeso così: «Noi vogliamo aiutare i ragazzi a capire la matematica, eliminare frustrazione e paura e facilitare il processo di apprendimento. E tante persone che hanno visto come funziona la app la vedono come una cosa positiva e con un'enorme potenziale. Riceviamo tanti feedback utili: spesso ci viene detto che grazie alla app i ragazzi sono riusciti a capire cose che prima non afferravano». 

Guida al calcolo interattiva

Di certo molti prof di matematica non saranno convinti, ma l'intento educativo di Sabol e del suo team è sincero, come dimostra il lancio - proprio in questi giorni - di un progetto parallelo chiamato PhotoMath+. La app, in prova gratuita fino a novembre, ambisce a diventare una sorta di guida al calcolo interattiva. Potenziando la funzionalità di spiegazione dei passaggi risolutivi delle equazioni già integrata in PhotoMath, la nuova applicazione offre una spiegazione teorica dei concetti usati, approfondimenti e nozioni aggiuntive. Il tutto servendosi di animazioni e grafiche accattivanti. «Molti si chiedono come saranno i libri di testo elettronici di prossima generazione - commenta Sabol - e con PhotoMath+ crediamo di avere dato una prima risposta a questa domanda».

Chiara Severgnini

Fonte: http://bit.ly/2dBNguw

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR
Alcuni soci AIDR
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (18 ist,0 cat)
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Vincenzo Panella,
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
La platea dei partecipanti
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
Più di 3,5 milioni di genitori si sono imbattuti in indicazioni mediche sbagliate, ma 15 milioni di italiani cercano prevalentemente su internet soluzioni ai propri malanni e senza le necessarie competenze. Intanto parte il Gruppo europeo per la ....
ven 19 gen, 2018
m
Segnando una decisa discontinuità rispetto al passato, il Comune di Milano ha deciso di mettere a disposizione del territorio metropolitano una parte consistente dei finanziamenti di cui è beneficiario grazie al progetto PON Metro. Ecco ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589