Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Amazon mette in palio 2,5 milioni a chi realizza un chatbot che sappia conversare

Amazon mette in palio 2,5 milioni a chi realizza un chatbot che sappia conversare

3
03-10-2016

Il software, basato sulla sua assistente digitale Alexa, dovrà essere in grado di reggere 20 minuti di conversazione intelligente.

C'è un premio di 2,5 milioni di dollari per chi realizza un chatbot basato su Alexa, l'assistente digitale di Amazon, capace di sostenere per almeno 20 minuti una conversazione intelligente sulle ultime notizie e la cultura pop. A tanto ammonta infatti la ricompensa offerta quest'anno da Amazon per l'Alexa Prize, appuntamento annuale dedicato al crowdsourcing dell'intelligenza artificiale. Le squadre che decideranno di partecipare potranno utilizzare l'Alexa Skills Kit, ottenendo accesso a numerosi contenuti, come ad esempio il Washington Post, che potranno utilizzare per fornire una base di conoscenze al proprio bot. Questi ultimi poi saranno resi disponibili ai possessori di dispositivi basati su Alexa come Echo o Echo Dot.

Gli utenti potranno dire semplicemente "Alexa, chiacchieriamo" e quindi scegliere un argomento come lo sport, il gossip o le ultime scoperte scientifiche. Sulla base del feedback fornito dagli utenti sull'esperienza si sceglieranno poi i finalisti del concorso. Chi è interessato può già presentare domanda, mentre i vincitori saranno annunciati alla AWS re:invent il prossimo mese di novembre. "Conversare per 20 minuti è difficile per la maggior parte degli esseri umani e una sfida straordinariamente ambiziosa per i bot che stanno imparando a conversare come noi", ha siegato Dan Jurafsky, professore di linguistica e docente di informatica presso la Stanford University. "L'Alexa Prize incoraggerà studenti e ricercatori a proporre grandi idee in grado di sfruttare le capacità delle intelligenze artificali, in modo da creare soluzioni in grado di conversare piacevolmente come esseri umani." Le AI dunque stanno diventando sempre più centrali nei piani delle grandi aziende, come testimonia anche il recente annuncio della creazione da parte di Microsoft di un'intera divisione formata da oltre 5000 esperti che lavoreranno proprio su questo tema. Non è un caso infatti se proprio Amazon e Microsoft, assieme a Facebook, DeepMind/Google e IBM sono parte di un gruppo non-profit per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale chiamato Partnership on AI, annunciato mercoledì scorso.

Alessandro Crea

Fonte: http://bit.ly/2dpvg8x


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Alcuni soci AIDR
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, On. Dieni Federica M5S, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società
Da sinistra: Roberto Morello, Dirigente Medico Ospedaliero, Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Cposervizio Tg2 Rai
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Mauro Rosario Nicastri, Maria Antonietta Spadorcia
Da sinistra: Mauro Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A
Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Carlo De Masi, Giuseppe Scanni

Notizie e Comunicati correlati

Rai
Il passaggio al digitale diverrà prima o poi per tutti un passo obbligato. La Rai ha scelto di giocare un po’ in anticipo, decidendo di investire sul digitale e di implementare una rete nazionale entro brevi periodi Prima è toccato ....
mer 18 apr, 2018
documenti
Solo pochi commercialisti hanno optato finora per la conservazione digitale. Le cose sono destinate a cambiare con l’introduzione dell’obbligo 2019 della fatturazione elettronica B2B. Vediamo come. Ma occorre ancora approfondire l’impatto ....
mar 17 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589