Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Job4good, la piattaforma per trovare lavoro nel terzo settore

Job4good, la piattaforma per trovare lavoro nel terzo settore

Job4good
02-10-2016

Il sito è stato ideato e realizzato da Luca Di Francesco e Diego Maria Ierna, membri di Passione Non Profit, portale che offre informazioni e servizi per le realtà del terzo settore.

Job4good.it non è una startup ma unapiattaforma - online dal 9 marzo di quest’anno - concepita per far incontrare domanda e offerta di lavoro nel non profit. La piattaforma funziona in modo molto semplice.Chi cerca lavoro in realtà del terzo settore si registra gratuitamente e ha una sezione in cui creare uno o più profili, che gli permetteranno da subito di candidarsi, magari differenziando il proprio curriculum in base alle competenze ed esperienze personali.

A loro volta enti e organizzazioni non profit che si iscrivono sulla piattaforma possono pubblicare autonomamente i propri annunci, geolocalizzandoli sulla mappa interattiva che apre la homepage del sito. È anche operativo un servizio di “job alert” che avvisa periodicamente le persone registrate su tutte le nuove posizioni o solo su quelle ritenute di proprio interesse.
Job4good è stato ideato e realizzato da Luca Di Francesco e Diego Maria Ierna, membri di Passione Non Profit, portale che offre informazioni e servizi per le realtà del terzo settore.  

Luca e Diego si sono incontrati all’Expo: uno era il responsabile social dei volontari e l’altro curava il marketing di Cascina Triulza. L'idea della piattaforma è venuta così, come hanno detto al Corriere della Sera: "Un giorno - dice Luca - ci raccontavamo quel che sappiamo da tempo. Tipo che solo in Italia ci sono 300mila tra gruppi, associazioni, aziende e società non-profit. Che questo settore cerca gente sempre più specializzata. E che per incrociare questa domanda-offerta era ora di trovare un sistema migliore del vecchio “amico dell’amico”. Così un po’ alla volta abbiamo creato una piattaforma leggera, affidabile, semplice.”.

L’intuizione è davvero valida. In questi anni di crisi, il terzo settore in Europa ha tenuto e anzi ha prodotto più occupazione. I bisogni sociali aumentano, le risposte hanno bisogno di essere date in maniera professionale. Le organizzazioni non profit richiedono profili specializzati e sono sempre di più le persone che scelgono di sviluppare un percorso lavorativo nel terzo settore, alla ricerca anche di un lavoro ricco di significato. Di conseguenza è necessario ci siano luoghi che permettano di mettere facilmente in contatto tra loro chi cerca e chi offre lavoro in questi ambiti. Per questo job4good is very good.

 

Antonio Palmieri

 

Fontehttp://bit.ly/2dhwbsr

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
I partecipanti al Convegno MAMME IN PARLAMENTO
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Mauro Covino e Flavia Marzano
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)

Notizie e Comunicati correlati

farmacie
La fotografia scattata dall’Università di Milano: l’innovazione è occasionale, non frutto di una strategia. Ma si diffonde l’uso di Facebook e WhatsApp per comunicare con i clienti. Cossolo (Federfarma): “Pronti a ....
gio 26 apr, 2018
Mauro Nicastri
E-government: la rivoluzione (digitale) non è un pranzo di gala. Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è anche presidente e fondatore dell’Associazione Italian Digital ....
mer 25 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589