Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Si apre l'era Piacentini: e ora che fine farà il Digital Champion?

Si apre l'era Piacentini: e ora che fine farà il Digital Champion?

PiACENTINI 2
01-10-2016

 

Con le dimissioni di Riccardo Luna la carica resta vacante. Sarà il manager di Amazon ad occupare la poltrona di ambasciatore digitale? La risposta nei "cavilli" del Cad

Che fine ha fatto il Digital champion? Nei giorni in cui il commissario per il Digitale Diego Piacentini si è insediato, Riccardo Luna, ex Digital champion - le dimissioni nei giorni precedenti la firma con l'agenzia di stampa - diventa direttore dell’Agi. Con l'addio di Luna che fine farà la figura del digital champion? Sarà ricompresa nelle competenze di Piacentini oppure Renzi nominerà un nuovo DC?

Per ora a Palazzo Chigi le bocche sono cucite. Ma in passato il commissario straordinario al digitale – nel caso specifico Francesco Caio ai tempi del governo Letta – era stato nominato anche digital champion. Quindi non è da escludere che Renzi, convinto che la guida delle strategie del digitale debbano essere decise a Palazzo Chigi, decida di assegnare al manager di Amazon anche il ruolo che finora è stato di Luna.

Tra l’altro a sostenere le probabili intenzioni del premier ci sono anche le norme del nuovo Codice dell’amministrazione digitale. Nel comma 6 si legge che il commissario “rappresenta il presidente del Consiglio nelle sedi istituzionali internazionali nelle quali si discute di innovazione tecnologica, Agenda digitale europea e governance di Internet e partecipa, in ambito internazionale, agli incontri preparatori dei vertici istituzionali al fine di supportare il Presidente del Consiglio dei ministri nelle azioni strategiche in materia di innovazione tecnologica”. In pratica, oltre ad avere poteri di coordinamento centrale progetti e poteri speciali di indirizzo nei confronti delle PA (compreso quello di commissariamento), Piacentini svolgerà anche le funzioni finora espletate da Luna.

E Riccardo Luna? Il neo direttore dell’Agi lascia il suo “testamento” sull’Huffington Post e ammette di aver fatto un passo indietro – anzi di lato – per evitare confusione di ruoli.

"Con questa mossa (la nomina di Piacentini ndr) il digitale per anni considerato un settore a parte e marginale della agenda politica è entrato nella stanza dei bottoni, quella dove si fanno le strategie e si prendono le decisioni più importanti. È esattamente quello per cui in tanti ci siamo battuti in questi anni. (…) Mi è sembrato il momento giusto per fare un passo indietro, anzi di lato (…) Era giusto riconsegnare la fascia da capitano. Era giusto per ragioni istituzionali: per evitare confusione di ruoli e di voci e dare tutta la forza possibile al nuovo commissario". 

 

Federica Meta

Fonte: http://bit.ly/2dlaneY

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Pasquale Natella, Luca Meini
Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali
Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Pasquale Natella,
I partecipanti al Convegno MAMME IN PARLAMENTO

Notizie e Comunicati correlati

Mauro Nicastri
E-government: la rivoluzione (digitale) non è un pranzo di gala. Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è anche presidente e fondatore dell’Associazione Italian Digital ....
mer 25 apr, 2018
smart working
Anche in Italia avanza progressivamente lo smart working. Il “lavoro intelligente” - da non confondere col telelavoro - , è la possibilità di operare flessibilmente, slegati da un luogo fisico ma gestendo in piena autonomia il ....
mar 24 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589