Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Digital transformation, spinta sui ricavi: +30% per le aziende innovative

Digital transformation, spinta sui ricavi: +30% per le aziende innovative

crafa
29-09-2016

Indagine CA Technologies "Keeping Score: why Digital transformation matters": registrato un incremento del 30% di revenue generate da nuovi prodotti e servizi. Le imprese si percepiscono più innovative anche rispetto ai concorrenti europei. 

 

Migliori risultati di business, time-to-market accelerato, user experience più appagante per i clienti. Sono questi gli effetti tangibili della trasformazione digitale all’interno delle organizzazioni economiche. Lo dice lo studio Keeping score: why digital transformation matters realizzato da Coleman Parkes Research per CA Technologies coinvolgendo 1.770 manager – a cavallo di IT e divisioni aziendali strategiche – in 21 Paesi, tra cui anche l’Italia. Nella Penisola, in particolare, i rispondenti al sondaggio dichiarano di aver osservato in media una crescita del 30% dei ricavi provenienti da nuove fonti di business, un incremento del 33% della velocità di go-to-market e, nel 68% dei casi, un miglioramento della customer experience.

 

In termini di efficienza operativa viene registrato un aumento del 35% sui processi, in parallelo a un incremento della produttività del 36%. I costi dell’IT scendono del 32%, mentre migliora del 34% la qualità delle applicazioni sviluppate. Il 68% del campione italiano riporta inoltre dei benefici nella capacità di acquisire e fidelizzare il personale. In generale, si tratta di performance lievemente sottodimensionate rispetto a quelle segnalate, nel complesso, dai 695 responsabili dell’area Emea (con l’aggiunta del Sudafrica), ma comunque testimonianza di un impatto reale del digitale anche in un Paese che il più delle volte rappresenta il fanalino di coda nelle classifiche europee che analizzano competitività e innovazione.

 

Anzi, paradossalmente, le imprese tricolore coinvolte nell’indagine si percepiscono molto innovative, più che in qualsiasi altro mercato della Regione (con un tasso dell’84% contro una media del 62%) e nutrono grande fiducia negli investimenti che le aiuteranno ad avanzare in questa direzione: circa il 73% dei rispondenti italiani si considera “abbastanza o nettamente avanti” rispetto alla concorrenza grazie a questi sforzi. Un dato che pone la Penisola alle spalle di Francia (85%) e Germania (84%), ma davanti a Paesi sulla carta decisamente più sviluppati del nostro, come Regno Unito, Paesi Bassi e Svezia. 

 

Potere del cambiamento, ma anche indice di un fenomeno che secondo Otto Berkes, CTO di CA Technologies e autore del libro "Digitally remastered: building software into your business DNA", è destinato a omogeneizzare questa spinta a prescindere dal Paese. “Le forze del mercato tendono a portare equilibrio, le capacità e le competenze sul fronte del digitale cresceranno, e anche i Paesi che hanno avuto inizi esitanti nel giro di cinque-dieci anni recupereranno terreno minimizzando il gap con realtà più avanzate. Merito del software, che non è mai stato tanto accessibile quanto lo è oggi”, ha spiegato Berkes parlando con CorCom a margine della conferenza di presentazione della ricerca che si è tenuta ieri a Londra.

 

Il motore di questa trasformazione? “L’importanza crescente della Customer Experience, che sta portando la tecnologia, in particolar modo il software, al centro del modello di business di ogni azienda”. E per Marco Comastri, numero uno di CA Technologies EMEA, è l’IT ciò che può offrire risposte concrete alle esigenze strategiche delle organizzazioni che intendono offrire ai propri clienti servizi e strumenti attivi 24 ore su 24, sette giorni su sette. “Purché l’infrastruttura sia adattabile, resiliente, flessibile”, ha precisato il manager.

 

Gli elementi su cui le imprese italiane pongono maggiore attenzione sono per l’appunto l’adozione di tecnologie digitali per migliorare l'interazione con i clienti (92%), gli investimenti in personale con competenze adeguate (89%) e l’identificazione di una vision per una nuova azienda digitale (89%). “Che non significa solo dotare la struttura di tecnologie digitali”, ha detto Joe Peppard, Professor of the European School of Management & Technology, con cui CorCom ha avuto modo di parlare. “Bisogna prima di ogni altra cosa trovare un’unicità di scopo per l’intera organizzazione e focalizzare tutte le risorse verso l’obiettivo comune. La tecnologia, da questo punto di vista, è solo l’abilitatore di un cambiamento che deve essere innanzitutto culturale e organizzativo. Considerando anche che presto il lato supply sarà interamente o quasi gestito via Cloud, occorre instillare nuova consapevolezza su ciascun livello dell’organigramma perché sia chiara – sul piano del procurement e non solo – la differenza che passa tra applicazioni consumer e applicazioni enterprise. Vedo ancora troppi manager che non tengono in adeguata considerazione questioni fondamentali come quelle della sicurezza e dell’integrazione, lasciando carta bianca ai vendor quando invece chi si considera leader dovrebbe esserlo anche sotto il profilo digitale”.

 

 

La ricetta suggerita dai risultati della ricerca commissionata da CA Technologies è chiara: a livello EMEA, dove la digital transformation ha prodotto gli effetti più significativi nei comparti dei trasporti, della logistica, delle TLC, del retail e dei servizi finanziari, le parole d’ordine sono Agile, DevOps (Development + Operations), API management e sicurezza. Se l’espansione di pratiche Agile ad aree che vanno oltre allo sviluppo software, coinvolgendo quindi l'intera struttura aziendale, contribuisce ad aumentare del 37% l'impatto della digital transformation sulle performance, l'integrazione un approccio DevOps può conferire al business una spinta del 26%, che può essere ulteriormente accresciuto del 37% dall'applicazione di un approccio a una gestione strutturata e sicura delle API. L'adozione infine di una strategia per la sicurezza basata sull'identità, attraverso strumenti di analytics contestuali e comportamentali e di approcci adattivi e predittivi per l'individuazione delle violazioni, genera un impatto positivo del 18%.

 

Domenico Aliperto

 

 

Fonte: http://bit.ly/2d9O3IB

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Da sinistra: Rosangela Cesareo, socia Aidr, Jolanda Restano Ricercatrice Farmaceutica, Alberto Chalon Direttore Generale Qwant.com, Federica Piccinini, influencer e blogger, On Enza Bruno Bossio, Davide D'Amico, dirigente Miur e socio Aidr
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Da sinistra: Maria Antonietta Spadorcia, Rosangela Cesareo, Cristiana Luciani, Elena Barbieri
La platea dei partecipanti
Federica Meta, giornalista Corriere delle Comunicazioni
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Platea

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
Più di 3,5 milioni di genitori si sono imbattuti in indicazioni mediche sbagliate, ma 15 milioni di italiani cercano prevalentemente su internet soluzioni ai propri malanni e senza le necessarie competenze. Intanto parte il Gruppo europeo per la ....
ven 19 gen, 2018
m
Segnando una decisa discontinuità rispetto al passato, il Comune di Milano ha deciso di mettere a disposizione del territorio metropolitano una parte consistente dei finanziamenti di cui è beneficiario grazie al progetto PON Metro. Ecco ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589