Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Scuola digitale, 4,3 milioni sulla didattica innovativa

Scuola digitale, 4,3 milioni sulla didattica innovativa

Scuola Digitale
27-09-2016

 

Il Miur stanzia risorse ad hoc per progetti relativi a diritti Internet, social media e robotica educativa. La ministra Giannini: "Puntiamo a un modello educativo aperto, capace di costruire il domani". 

 

Diritti in Internet, educazione ai media e ai social media, economia, arte e cultura digitale, big data, robotica educativa. Sono alcuni tra i temi su cui verranno realizzati 25 percorsi didattici innovativi grazie all’avviso pubblico da 4,3 milioni di euro diffuso oggi dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Una volta sviluppati, i percorsi verranno messi a disposizione di tutte le scuole italiane. Il bando rientra fra le azioni di attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale.

 

"L’avviso che pubblichiamo oggi ha un contenuto altamente innovativo. Da un lato, spinge il mondo della scuola a riflettere su come educare i nostri ragazzi ad affrontare le nuove sfide della cittadinanza digitale, su come aiutarli a sviluppare nuove competenze - spiega il ministro Giannini - E rende la scuola protagonista e capofila nella scrittura di questi percorsi. Dall'altro, invita anche realtà esterne - università, imprese, enti di ricerca, associazioni – a fare rete con gli istituti scolastici e a condividere la partecipazione a questo processo mettendo a disposizione la propria esperienza e i propri strumenti. Si tratta di un'altra occasione per avvicinarci al modello di scuola aperta e far crescere comunità educative creative, capaci di costruire il domani".

 

L’avviso, diffuso oggi, prevede la produzione di 25 curricoli capaci di favorire lo sviluppo di competenze digitali e di accompagnare le attività di apprendimento degli studenti in maniera stimolante e attrattiva. Dovrà trattarsi di percorsi innovativi per modalità di fruizione, organizzazione dei contenuti, modalità di accompagnamento e valorizzazione dei risultati, capacità di stimolare il protagonismo degli studenti.

 

Le scuole dovranno lavorare sulle seguenti aree tematiche:

·       diritti in Internet;

·       educazione ai media (e ai social);

·       educazione all’informazione;

·       Stem (sviluppo delle competenze digitali, ad esempio, per la robotica

     educativa, making e stampa 3D, Internet delle cose);

·       big e open data;

·       coding;

·       arte e cultura digitale;

·       educazione alla lettura e alla scrittura in ambienti digitali;

·       economia digitale;

·       imprenditorialità digitale.

 

Per partecipare, le scuole dovranno costituirsi in rete e formare partenariati innovativi con il mondo esterno. I contenuti e i materiali dei curricoli proposti dovranno essere rilasciati in formato aperto (Open Educational Resources) in modo da renderne possibile il pieno utilizzo e il potenziale riuso, senza costi aggiuntivi di fruizione e riutilizzazione. L’obiettivo è anche costituire una base di materiali per la didattica prodotti dalle scuole e riutilizzati da tutto il sistema scolastico. 

 

Il contributo massimo attribuibile dal Ministero per la realizzazione di ciascun curricolo digitale è pari ad euro 170.000. C’è tempo fino alle ore 13.00 del giorno 10 novembre 2016 per partecipare, il bando prevede due fasi. 

 

F. Me

 

Fontehttp://bit.ly/2cIqJyN

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

v
di Fabio Ranucci La sfida più dura? Eccola: far arrivare nel modo giusto il digitale sui banchi. A docenti e discenti. Un po’ come dire: il futuro è qui, a portata di mano e soprattutto di click. Ma attenzione, perché è ....
lun 21 mag, 2018
z
Il modello, definito insieme alla Regione, prevede che Lepida progetti e realizzi le infrastrutture necessarie e che fornisca gratuitamente l’erogazione del servizio di connettività.  In Emilia Romagna, grazie al progetto SchoolNet (“Una ....
mar 01 mag, 2018

Eventi correlati

n
Data: 28-09-2016
Luogo: ROMA, 28 SETTEMBRE 2016 Ore 09:00-13:00 Centro congressi Fontana di Trevi
Il convegno "Strategie per la crescita digitale del Sistema Paese", promosso da Noovle, nasce per fotografare il percorso che PA, Istituzioni e Aziende devono compiere per realizzare un processo di innovazione che coniughi, alla luce degli ultim

In questa pagina

Le nostre aziende

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589