Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » "Smurfing" e money transfer: l'ultima frontiera delle truffe

"Smurfing" e money transfer: l'ultima frontiera delle truffe

Money transfer
27-09-2016

La Guardia di Finanza ha preso di mira le transazioni frazionate, tese ad eludere il tetto posto ai trasferimenti di denaro. 

 

Pugno duro della Guardia di Finanza contro lo "smurfing", la tecnica con cui, a mezzo di transazioni frazionate, si cerca di aggirare il tetto di mille euro posto per il money transfer, ossia le attività che si occupano di trasferire denaro contante, soprattutto all'estero. 

 

Le indagini delle Fiamme Gialle hanno infatti verificato che in più occasioni questo canale, utilizzato soprattutto dai lavoratori stranieri emigrati in altri paesi per trasferire denaro alle famiglie, è teatro di traffici illegali. 

 

Per questo le forze dell'ordine hanno intensificato i controlli nel corso dell'estate, sorvegliando e analizzando in particolare i trasferimenti di denaro al di sotto dei mille euro. Lo smurfing, infatti, mira ad evitare il monitoraggio delle operazioni bancarie, realizzando, a mezzo dei circuiti di money transfer, versamenti e operazioni di cambio regolari e ripetute coinvolgenti somme di denaro legate tra loro e al di sotto della soglia fissata.

 

Il meccanismo si realizza utilizzando un prestanome, una "testa di legno" a cui intestare fittiziamente le transazioni al fine di eludere le regole che gravano sui servizi di rimesse all'estero, tra le quali figura per l'appunto il divieto di trasferire somme complessivamente pari o superiori a mille euro, anche se effettuati con più pagamenti inferiori alla soglia artificiosamente frazionati.

 

L'attività messa in atto ha rilevato che, su 500 accertamenti presso le filiali, in 140 casi le transazioni erano eseguite da soggetti non incensurati, ma i controlli non si fermeranno ai mesi estivi: come preannuncia una circolare della Guardia di Finanza, vi sarà anzi un'intensificazione delle attività di intelligence affinché divengano sistematiche, soprattutto "alla luce dei perduranti profili di rischio da più fonti segnalati circa il possibile utilizzo di tale circuito per finalità di riciclaggio di proventi illeciti e finanziamento del terrorismo".

 

Al fine di ridurre l'uso fraudolento del sistema di trasferimento di denaro, i Comandi regionali sono chiamati a "consolidare un elevato livello di attenzione nei confronti dei soggetti fruitori dei servizi forniti dai money transfer operanti sul territorio nazionale".

 

In particolare, i reparti dovranno adeguarsi alle istruzioni operative, verificando i precedenti penali delle persone "identificate" durante le verifiche sui circuiti di money transfer, e facendo poi confluire nel sistema informatizzato Pigrecoweb ogni informazione riguardante l'attività di controllo.

 

Lucia Izzo

Fonte: "Smurfing" e money transfer: l'ultima frontiera delle truffe 

(www.StudioCataldi.it) 

 

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

CHALON
Nato sull’onda della new economy francese, il motore di ricerca Qwant si prepara al grande lancio in Italia: una tappa importante che dimostra come la risposta a Google e Yahoo arrivi dal Vecchio Continente, anche attraverso ingenti ....
gio 22 giu, 2017
Privacy
La scorsa settimana la Relazione al Parlamento di Antonello Soro, Garante per la protezione dei dati personali, ha riacceso il faro sul tema allarmante della protezione dei dati personali, un tema sul quale scontiamo una lacunosa disattenzione da parte ....
mer 14 giu, 2017

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
SIELTE
Service Tech
Pro Q
WhereApp
Echopress
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Gi Group
Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589