Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Libro unico del lavoro: dal 2017 diventa telematico

Libro unico del lavoro: dal 2017 diventa telematico

Libro unico del lavoro
25-09-2016

Novità per i datori di lavoro: dal 2017 il Libro unico del lavoro diventa telematico. Registrazioni e aggiornamenti saranno digitali e conservati presso il Ministero del lavoro.

 

Libro unico del lavoro: novità dal 1 gennaio  

 

Il Libro unico del lavoro (LUL) dal 2017 diventa telematico. Il libro che dal 2009 ha sostituito i preesistenti libro paga, libro matricola e gli altri libri tenuti dalle imprese, fa un’ulteriore evoluzione e a partire dal 1 gennaio 2017 sarà tenuto esclusivamente in modalità telematica e presso il Ministero del lavoro.

La novità è stata introdotta dal decreto semplificazioni del Jobs Act. Sono tenuti alla compilazione del Libro unico del lavoro tutte le imprese e i datori di lavoro che hanno dipendenti, collaboratori o associati. La registrazione riguarda solo queste figure, pertanto sono esclusi eventuali tirocinanti, stagisti o lavoratori in somministrazione.

Nella registrazione, oltre ai dati anagrafici del dipendente o del collaboratore, vanno indicate le informazioni precedentemente indicate nel libro matricola e nel libro paga. Tra le altre:

• la qualifica e il livello di inquadramento;

• la retribuzione di base;

• l’anzianità di servizio;

• il calendario delle presenze;

• le trattenute operate e le detrazioni godute;

 

• l’importo per gli assegni familiari dovuti al dipendente.  

 

Libro unico del lavoro: le sanzioni previste in caso di irregolarità

 

La novità coinvolge tutti i datori di lavoro che dovranno aggiornare e modificare le informazioni registrate nel Libro unico del lavoro esclusivamente in modalità digitale. Sono esclusi dalla tenuta del LUL:

• i datori di lavoro domestico;

• le imprese familiari per il lavoro del coniuge, dei figli, dei parenti e affini;

• le società cooperative di produzione e lavoro (a meno che non si abbiano situazioni di lavoro subordinato);

• le società e le ditte individuali, anche artigiane, che non hanno dipendenti;

• le pubbliche amministrazioni.

In presenza di irregolarità nelle informazioni inserite i datori di lavoro possono essere sanzionati. In particolare, sono previste sanzioni in caso di omessa o infedele dichiarazione. L’importo della sanzione varia a seconda del numero di dipendenti per i quali si sono riscontrate anomalie e per la durata dell’errore:

• è prevista una sanzione compresa tra 150€ e 1.500€ se il datore di lavoro non inserisce tutte le informazioni richieste entro il mese successivo a quello di riferimento;

• l’importo della sanzione sale a un minimo di 500€ fino a un massimo di 3.000€ se l’ispettorato nazionale del lavoro rileva irregolarità nelle informazioni inserite nel LUL per più di 5 dipendenti e per un periodo superiore a 6 mesi;

• la sanzione è compresa tra 1.000€ e 6.000€ nel caso in cui le irregolarità riguardino più di 10 dipendenti e proseguano per più di 12 mesi.

 

Bisogna però aspettare ancora per conoscere le modalità operative che regoleranno le registrazioni e la tenuta del libro unico del lavoro. Il ministero avrebbe dovuto emanare il decreto attuativo entro lo scorso 24 marzo ma non ha ancora provveduto. È certa comunque l’entrata in vigore dell’obbligo di tenuta del LUL in forma telematica a partire dal 1 gennaio 2017.

 

Laura Galanti 

 

Fontehttp://www.6sicuro.it/lavoro/libro-unico-del-lavoro-telematico?cid=nl_img22_content&utm_source=6sicuro&utm_medium=Newsletter&utm_campaign=content&utm_content=img22



 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
"La Funzione Pubblica della digitalizzazione: scenari e prospettive", 2 maggio, Biblioteca della Camera dei Deputati  Metti in pausa	 -3:20Attiva audio Impostazioni visive aggiuntiveVisualizza a schermo intero
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Da sinistra: Massimo La Camera, CEO Tecnoter e Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR
La platea dei partecipanti
Da sinistra: Mauro Rosario Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Da sinistra: Mauro Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello
Arturo Siniscalchi,  vice presidente AIDR dirigente di Formez, Mauro Nicastri, Presidente AIDR dirigente dell'Agenzia per l'Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri,  Cataldo Calabretta, Avvocato

Notizie e Comunicati correlati

Alpitel
La società piemontese scommette sulla trasformazione digitale e cerca tecnici di rete, sistemisti ed esperti di marketing e sales. Il vicepresidente Gianni Moretto: “Servono nuove professionalità e competenze basate su un approccio ....
ven 16 feb, 2018
molestie
Nel nuovo Report Istat sulle molestie e i ricatti sessuali sul lavoro emerge il problema crescente delle aggressioni sessuali ‘digitali e tecnologiche’ a danni delle donne negli ultimi anni, ma per la prima volta anche degli uomini.  Si ....
ven 16 feb, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
VmWay
A.P.S.P.
Adiconsum
API
Consorzio Vini Mantovani
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589