Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Virtualizzazione dei dati la vera sfida per la nuova privacy

Virtualizzazione dei dati la vera sfida per la nuova privacy

www.aidr.it
24-09-2016

Mauro Trione, vice president sales southern Emea di Delphix: "Il rischio di multe salate porterà le aziende non soltanto ad adeguarsi al regolamento Ue, ma anche a modernizzare il modo in cui le società gestiscono le informazioni"

 

“Virtualizzare una banca dati può significare per un’azienda ottenere risparmi significativi in termini di costi, a partire da quelli dello storage, e avere un nuovo ventaglio di opportunità sulla gestione dei dati. Ma il fatto che tutte le aziende dovranno obbligatoriamente adeguarsi entro il 5 maggio 2018 alle nuove norme europee sulla protezione dei dati, con il rischoi di multe molto salate per chi non lo farà, fino al 4% del fatturato complessivo, darà una spinta di innovazione importante a molte società, al di là della semplice compliance al Gdpr”. Così Mauro Trione, vice president sales per l’area Emea di Delphix, società con base a Menlo Park, in California, specializzata in software per la virtualizzazione dei dati, descrive uno dei possibili effetti del nuovo regolamento europeo sul trattamento dei dati.  

 

Trione, in questi giorni circolano molti studi concordi sul fatto che le aziende non si stiano ancora adeguando alle nuove norme del Gdpr. Quali sono le ragioni che frenano questo processo?

Gli ostacoli principali sono due: il primo è che in molti casi per adeguarsi al regolamento sarà necessario cambiare i processi di gestione dei dati, il modo cioé in cui finora sono stati gestiti. Oggi siamo fermi a una legge che risale a metà degli anni novanta, quando i computer connessi erano ancora pochi e non esistevano i social network né l’online banking. Poi c’è l’ostacolo tecnologico: la pseudonimizzazione dei dati, il mascheramento dei dati sensibili, è un processo che senza soluzioni innovative può richiedere tempi e costi importanti, ed è comprensibile che molte aziende siano alla finestra per individuare le tecnologie più avanzate prima di sceglierne una. L’obiettivo, per tutti, sarà quello di modificare i processi, per estrarre dai dati in proprio possesso il massimo delle informazioni al costo più conveniente, mantenendo la sicurezza che le copie dei database che circolano per le esigenze di testing o per altre necessità degli sviluppatori non facciano vedere in nessun caso le informazioni sensibili dei clienti.  

 

Quali sono i settori di mercato più sensibili su questo argomento?

Detto che in generale la questione riguarda tutte le aziende che nella propria attività si trovino a trattare i dati dei propri clienti per offrire servizi, di sicuro le Telco sono in prima linea. Tanto che la maggior parte delle società di telecomunicazioni italiane, anche in partnership con Delphix, sono state tra le prime a far partire progetti in questo campo. Nel frattempo le tecnologie per il mascheramento dei dati si sono evolute, ora sono integrate con altre soluzioni che garantiscono anche la gestione del dato, anche nel caso di database molto grandi e di aziende che necessitano di fare molte copie per sviluppo, test, reportistica.

 

Quali sono i vantaggi della virtualizzazione dei database?

Poter contare su una tecnologia che consente di virtualizzare i dati in cloud è un salto in avanti: consente di tenere una sola copia del database, sempre sincronizzata con il dato di produzione e rappresentativa al 100 per cento dell’ambiente di produzione, e di mascherare nel contempo i dati sensibili dei clienti secondo le regole in vigore. Così chi è autorizzato può accedere alla “copia virtuale”, in linea con le policy imposte dalla legge, e in modo che non impattino sul lavoro degli sviluppatori o di chi deve fare i test, eliminando anche il problema dei tempi di attesa per la realizzazione delle copie. Si tratta di una trasformazione che parte dalla compliance al regolamento sulla privacy, ma che dà al contempo l’opportunità ai clienti di trasformare i propri processi anche al di là del data masking.

 

Antonello Salerno

 

Fonte: http://www.corrierecomunicazioni.it/digital/43539_virtualizzazione-dei-dati-la-vera-sfida-per-la-nuova-privacy.htm

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

CYBER SICUREZZA
La nuova prevenzione passa da sistemi di machine learning e dalle reti neurali. I "buchi neri" dell'Internet of Things e la tecnica del "falso d'autore". Reti e sicurezza: è il tema del futuro. A dirlo, tre agenti al top dei servizi di intelligence ....
sab 14 ott, 2017
Cybercrime
A Lucca il ritiro dei giovani hacker bianchi che competono nel campionato europeo di cybersecurity. Sono giovanissimi, qualcuno ha da poco compiuto 18 anni, eppure rappresenteranno l’Italia nella prossima gara europea di cybersecurity: la European ....
mar 10 ott, 2017

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589