Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Cybersecurity. Ecco come crescono gli attacchi DDoS ai dispositivi dell'Internet delle cose

Cybersecurity. Ecco come crescono gli attacchi DDoS ai dispositivi dell'Internet delle cose

www.aidr.it
23-09-2016

Nella maggior parte dei casi, i criminali prendono di mira dispositivi come web server, router, modem, hard-disk di rete (NAS), sistemi TV a circuito chiuso (CCTV) e per il controllo industriale. 

 

 

cyber criminali stanno sempre più prendendo di mira i dispositivi dell’Internet of Things (IoT) per via della loro sicurezza spesso insufficiente, rendendo elettrodomestici che molti di noi hanno in casa dei veri e propri zombie all’interno delle cosiddette botnet. Il tutto senza che i loro proprietari ne siano consapevoli. E’ quanto spiega un recentissimo Rapporto Symantec pubblicato proprio sull’argomento.

 

L’aspetto più preoccupante di questo fenomeno è l’estrema facilità con cui i criminali riescono ad attaccare questi dispositivi: per riuscire nel loro intento basta loro un accesso a Internet, anche poco costoso, con il quale avere accesso a dispositivi che spesso prevedono solo misure basilari di sicurezza.

 

Analizzando la geolocalizzazione degli IP utilizzati per lanciare attacchi malware, i ricercatori Symantec hanno scoperto come oltre la metà degli attacchi ai dispositivi IoT abbia origine in Cina e Stati Uniti. Nella maggior parte dei casi, i criminali prendono di mira dispositivi come web server, router, modem, hard-disk di rete (NAS), sistemi TV a circuito chiuso (CCTV) e per il controllo industriale.

 

Molti di questi dispositivi, infatti, oggi sono connessi a Internet ma i loro processori e sistemi operativi sono problemi per le funzionalità avanzate di sicurezza. Molti di questi dispositivi, inoltre, spesso non sono più controllati assiduamente dopo la prima installazione e configurazione, in molti casi eseguite da un tecnico specializzato e non dall’utente finale.

 

Dalla ricerca, inoltre, emerge che le password di default più comuni sono state spesso utilizzate dai criminali per collegarsi ai dispositivi degli utenti, a riprova del fatto che spesso le credenziali standard degli apparecchi non sono modificate dopo la prima installazione.

 

Non secondario l’aspetto geografico di origine degli attacchi. Oltre che da Cina e Stati Uniti, molti attacchi sono arrivati da Germania, Olanda, Russia, Ucraina e Vietnam, a indicare quando il fenomeno sia ormai diffuso su scala mondiale.

 

Infine, i cyber criminali hanno mostrato scarso interesse verso le vittime e i loro dati, con un’attenzione quasi esclusiva verso i dispositivi, quasi ignorando i “pesci piccoli” per mirare a profitti maggiori colpendo organizzazioni più grandi grazie all’utilizzo di network di dispositivi infetti. 

 

Redazione | @Key4biz 

 

Fontehttps://www.key4biz.it/cybersecurity-ecco-come-crescono-gli-attacchi-ddos-ai-dispositivi-dellinternet-delle-cose/

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

CHALON
Nato sull’onda della new economy francese, il motore di ricerca Qwant si prepara al grande lancio in Italia: una tappa importante che dimostra come la risposta a Google e Yahoo arrivi dal Vecchio Continente, anche attraverso ingenti ....
gio 22 giu, 2017
Privacy
La scorsa settimana la Relazione al Parlamento di Antonello Soro, Garante per la protezione dei dati personali, ha riacceso il faro sul tema allarmante della protezione dei dati personali, un tema sul quale scontiamo una lacunosa disattenzione da parte ....
mer 14 giu, 2017

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
SIELTE
Service Tech
Pro Q
WhereApp
Echopress
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Gi Group
Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589