Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Facebook, YouTube, Netflix e Amazon: 25 miliardi di fatturato in più per l'industria video

Facebook, YouTube, Netflix e Amazon: 25 miliardi di fatturato in più per l'industria video

www.aidr.it
22-09-2016

Sono 500 i player a livello globale ma solo pochi la fanno da padrone, destabilizzando i modelli della tv tradizionale. 

 

Il mercato mondiale degli Over-The-Top ha visto salire il fatturato dell’industria dei video di circa 25 miliardi di dollari.

Segno evidente che il consumo di contenuti si sta velocemente spostando verso il web, sulla scia della necessità dell’utente di avere una programmazione che sia costruita sulla base dei propri gusti, esigenze e tempi.

Secondo l’ultimo Studio di Boston Consulting Group (BCG), il settore video è in crescita di oltre il 20% con quote maggiori rispetto alla tv tradizionale che ha visto i suoi ricavi aumentare ma solo del 2%. 

 

Per John Rose, senior partner di BCG e coautore del Report ‘The Impact of OTT on Video Production Around the World’, “il più grande impatto del mercato OTT sulle industrie televisive e cinematografiche è la rimozione di barriere – strategiche, economiche e nazionali – alla distribuzione di contenuti video”.

“La domanda di video di qualità da parte dei consumatori, il numero e la varietà di nuovi servizi che gli OTT offrono per incontrare questi bisogni, stanno aumentando il valore di mercato dei contenuti e destabilizzando il ruolo e il valore dei network lineari e degli aggregatori tradizionali“, ha osservato Rose.

 

Nonostante la rimozione delle barriere e l’accresciuta competizione, BCG sostiene che la crescita degli OTT ha prodotto un mercato che è, per molti versi, “finanziariamente più concentrato di quanto non fosse nell’ecosistema della Tv tradizionale”.

 

Secondo il Report, circa la metà dei 25 miliardi di dollari delle revenue annuali del mercato OTT vanno ai cinque colossi che coprono entrambi i modelli: con abbonamento o sostenuti dalla pubblicità.

Si tratta di Facebook, YouTube, Netflix, Amazon e Hulu.

 

In totale, BCG stima che il mercato OTT globale supporta circa 500 player anche se la maggior parte di questi sono concentrati su un singolo mercato domestico.

Maxdome in Germania e il servizio Iflix nel sudest asiatico sono considerati casi di successo locale.

La competizione è però molto dura.

 

“Solo in pochi mercati in cui è presente Netflix c’è un player locale che è riuscito a guadagnare più del 25% delle sottoscrizioni”, si legge nel Report.

Dal punto di vista dei contenuti, il report sostiene che gli OTT hanno guidato un “aumento del volume di produzione di alta qualità“, con il numero di produzioni originali solo negli USA che passa dai 200 del 2009 a oltre i 400 nel 2015.

 

Raffaella Natale


Fontehttps://www.key4biz.it/facebook-youtube-netflix-amazon-25-miliardi-fatturato-piu-lindustria-video/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Sen. Maria Rizzotti, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Massimiliano Vitali
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr
Da sinistra verso destra: Raffaella Regoli, Caporedattore Mediaset; Rosangela Cesareo, Blogger e socio AIDR; Francesca Montemagno, Presidente di Pari o Dispare;
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Mauro Rosario Nicastri, Maria Antonietta Spadorcia
Da sinistra: Andrea Bisciglia, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti,
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Vincenzo Panella,

Notizie e Comunicati correlati

donne digitali
Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, lo afferma un rapporto di The Brookings Institution che ritiene che le donne abbiano migliori competenze tecnologiche e digitali rispetto agli uomini, ma sono ancora sottorappresentate nel settore. Un ....
mar 21 nov, 2017
AIDR
Ferri: “Con le nuove tecnologie la giustizia ha già risparmiato 63 milioni di euro” . “Con la digitalizzazione è possibile avviare quel percorso che aiuta il cittadino a ritrovare la fiducia nella Pubblica amministrazione. ....
mar 21 nov, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589