Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Cybersecurity: rubati i dati di 5,5 mln di dipendenti delle maggiori aziende mondiali

Cybersecurity: rubati i dati di 5,5 mln di dipendenti delle maggiori aziende mondiali

www.aidr.it
22-09-2016

Trovati online i dati – inclusi email aziendali e password – dei dipendenti del 97% delle 1000 maggiori public companies mondiali, tra le quali Apple, JPMorgan Chase, Bank of China, Daimler e Google. 

 

Nessuna azienda, per quanto folto ed esperto sia il suo team per la cybersicurezza, può dirsi al sicuro dal rischio di violazione dei dati.  Prova ne è il fatto che i dati personali di 5,5 milioni di dipendenti delle 1.000 più importanti aziende pubbliche mondiali sono stati scovati online da una società britannica specializzata in cybersecurity.

Secondo il Financial Times, la Digital Shadows avrebbe trovato online le informazioni – incluse email aziendali e password – dei dipendenti del 97% delle 1000 maggiori public companies mondiali, tra le quali Apple, JPMorgan Chase, Bank of China, Daimler e Google. In media sono state compromesse le credenziali di circa 700 persone per ciascuna azienda.

 

La Digital Shadows ha analizzato i dati compromessi nell’ambito dei recenti furti di dati dai principali siti web, da  LinkedIn a Dropbox, da Ashley Madison a Twitter, estrapolando, in particolare, i dati di quegli utenti che si erano iscritti a questi servizi web utilizzando la mail aziendale. Molti di questi utenti hanno utilizzato anche le stesse password aziendali, un errore molto comune e che consente a chi ne entra in possesso di utilizzarla per accedere ai diversi account di un utente (vale la pena ricordare uno dei più ignorati consigli degli esperti: ogni account dovrebbe avere la sua parola chiave). 

 

Nessuna azienda, per quanto folto ed esperto sia il suo team per la cybersicurezza, può dirsi al sicuro dal rischio di violazione dei dati.  Prova ne è il fatto che i dati personali di 5,5 milioni di dipendenti delle 1.000 più importanti aziende pubbliche mondiali sono stati scovati online da una società britannica specializzata in cybersecurity.

Secondo il Financial Times, la Digital Shadows avrebbe trovato online le informazioni – incluse email aziendali e password – dei dipendenti del 97% delle 1000 maggiori public companies mondiali, tra le quali Apple, JPMorgan Chase, Bank of China, Daimler e Google. In media sono state compromesse le credenziali di circa 700 persone per ciascuna azienda.

 

La Digital Shadows ha analizzato i dati compromessi nell’ambito dei recenti furti di dati dai principali siti web, da  LinkedIn a Dropbox, da Ashley Madison a Twitter, estrapolando, in particolare, i dati di quegli utenti che si erano iscritti a questi servizi web utilizzando la mail aziendale. Molti di questi utenti hanno utilizzato anche le stesse password aziendali, un errore molto comune e che consente a chi ne entra in possesso di utilizzarla per accedere ai diversi account di un utente (vale la pena ricordare uno dei più ignorati consigli degli esperti: ogni account dovrebbe avere la sua parola chiave).

 

Alessandra Talarico 

Fontehttps://www.key4biz.it/cybersecurity-rubati-i-dati-di-55-mln-di-dipendenti-delle-maggiori-aziende-mondiali/

 

 

 

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

CYBER SICUREZZA
La nuova prevenzione passa da sistemi di machine learning e dalle reti neurali. I "buchi neri" dell'Internet of Things e la tecnica del "falso d'autore". Reti e sicurezza: è il tema del futuro. A dirlo, tre agenti al top dei servizi di intelligence ....
sab 14 ott, 2017
Cybercrime
A Lucca il ritiro dei giovani hacker bianchi che competono nel campionato europeo di cybersecurity. Sono giovanissimi, qualcuno ha da poco compiuto 18 anni, eppure rappresenteranno l’Italia nella prossima gara europea di cybersecurity: la European ....
mar 10 ott, 2017

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589