Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Vorticidigitali. La digital transformation nel food: intervista a Valentina Lanza (Gruppo Fini)

Vorticidigitali. La digital transformation nel food: intervista a Valentina Lanza (Gruppo Fini)

www.aidr.it
21-09-2016

La digital transormation delle PMI, un processo ormai irreversibile che pone opportunità e sfide a seconda del modo con cui ci si pone di fronte.


La scorsa settimana si è tenuta a Roma la Social media week, la tradizionale manifestazione organizzata da Business International che aggrega nella Capitale eventi e occasioni di incontro sui temi del digitale orientati al business, ma anche alla tecnologia nella sua dimensione di ormai pervasiva presenza nelle nostre vite.

 

In un panel, da me moderato, sulla digitalizzazione delle PMI ho avuto il piacere di incontrare Valentina Lanza, Head of Marketing and Communication del Gruppo Fini con la quale si è riflettuto sui pro e sui contro di tale ormai irreversibile processo, facendo emergere come ciascuna di queste sfide possa rappresentare un’opportunità o un ostacolo a seconda del modo con cui ci si pone di fronte. 

 

K4B. Buongiorno Valentina, si parla in modo crescente ed urgente di digital transformation anche nella PMI: quali sono le opportunità?

 

Lanza. In primo luogo la Rete è un eccezionale canale di ascolto e di conoscenza del target: sapere cosa pensa del nostro brand la gente permette di prendere decisioni più oculate soprattutto se si è capaci di gestire al meglio il customer care con un rapporto diretto, in grado di dare rassicurazioni di qualità, argomentare e spiegare il prodotto e le eventuali problematicità riscontrate.

 

K4B. Esistono vantaggi anche sul piano commerciale?

 

Lanza. Anche nel mondo del food si sta palesando la possibilità di vendere online: Amazon e gli altri marketplace costituiscono nuove opportunità accessibili anche con investimenti ridotti.

 

K4B. Quali sono invece, a tuo avviso, le criticità di questo cambiamento?

 

Lanza. Mantenere una coerenza di linguaggi pur con user experience ad hoc: per il consumatore non esiste differenza tra online e offline perché è sempre la stessa marca a parlare. Per questo occorre investire nella costruzione di siti web e pagine social: a fronte di ogni media guadagnato ci sono infatti sempre investimenti per creare media proprietari (siti web, blog aziendali ecc.) pagine social ben gestite e a pagamento (campagne Adwords e Facebook). Occorre infatti sfatare un mito: a zero budget sui media proprietari, non si generano media guadagnati.

 

K4B. Occorre cambiare perché é il consumatore ad essere cambiato?

 

Lanza. Cambia il processo di acquisto che non è più lineare come una volta: la conoscenza del prodotto avviene online e in qualunque momento. Ed ecco perché, in modo speculare, anche l’azienda deve cambiare semplificandosi in tutte le funzioni grazie al cloud computing e ai sistemi integrati, ma anche in virtù di una migliore comunicazione interna con community online, gruppi chiusi su Facebook e condivisione delle notizie che riguardano, il mercato e la vita dei suoi dipendenti. Questo permette che si creino nuove professioni in azienda e nuovi ruoli.

 

K4B. Questa transformation non è semplice per una PMI…

 

Lanza. No, soprattutto non è semplice far comprendere questo cambiamento e il valore degli investimenti in marketing digitale che serve anche a vendere.In più vi è necessità di redigere social policy aziendali per evitare la fuoriuscita di informazioni riservate o di danneggiare l’immagine. Sul fronte del capitale umano, vi è difficoltà a trovare nuovi professionisti formati o a convincere i dipendenti più restii a cambiare il loro modo di lavorare alla luce delle nuove opportunità offerte dal digitale.

 

K4B. Grazie mille, Valentina.

 

Lanza. Grazie a voi. 

 

Andrea Boscaro

 

Fonte: https://www.key4biz.it/vorticidigitali-la-digital-transformation-nel-food-intervista-a-valentina-lanza-gruppo-fini/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci
Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Arturo Siniscalchi, Vice Presidente AIDR
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
Da sinistra verso destra: Enza Bruno Bossio, parlamentare e componente Intergruppo Innovazione, Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci (AIDR); Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confi

Notizie e Comunicati correlati

Alpitel
La società piemontese scommette sulla trasformazione digitale e cerca tecnici di rete, sistemisti ed esperti di marketing e sales. Il vicepresidente Gianni Moretto: “Servono nuove professionalità e competenze basate su un approccio ....
ven 16 feb, 2018
molestie
Nel nuovo Report Istat sulle molestie e i ricatti sessuali sul lavoro emerge il problema crescente delle aggressioni sessuali ‘digitali e tecnologiche’ a danni delle donne negli ultimi anni, ma per la prima volta anche degli uomini.  Si ....
ven 16 feb, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
VmWay
A.P.S.P.
Adiconsum
API
Consorzio Vini Mantovani
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589