Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Copyright, la riforma Ue riapre lo scontro tra Google ed editori

Copyright, la riforma Ue riapre lo scontro tra Google ed editori

www.aidr.it
21-09-2016

La riforma Ue sul diritto d’autore lascia scontenti gli aggregatori di notizie. Google all’attacco: ‘Limiteremo il traffico verso i siti degli editori’. 

 

La nuova riforma sul diritto d’autore presentata nei giorni scorsi dalla Ue rischia di aprire un fronte di scontro molto forte.

La proposta della Commissione Ue di introdurre un nuovo diritto connesso, che tuteli gli editori per i contenuti online, ha subito raccolto il favore dell’industria della stampa ma non degli aggregatori di notizie online. Google in primis.

Il gruppo americano si è subito detto deluso e ha ricordato che “decine di migliaia di voci, inclusa la nostra, chiedevano un approccio diverso”. 

Per Google, questa proposta sembra simile agli esperimenti legislativi già falliti in Germania e Spagna e rappresenta un passo indietro per il copyright in Europa. 

Stoccata finale. La web company avverte che la proposta “potrebbe limitare la capacità di Google di inviare, gratuitamente, traffico monetizzabile agli editori attraverso Google News e Search”.

 

Una minaccia?

 

Le cose si complicano. Se da un lato gli editori da tempo chiedono, come è giusto che sia, che gli vengano riconosciute le royalties per l’uso dei propri contenuti digitali, dall’altro, come dimostra il caso di Axel Springer in Germania, temono di perdere traffico internet con misure restrittive da parte di Google & Co.

In Spagna Google è arrivata ai ferri corti col Governo dopo l’approvazione di una legge molto rigida sul diritto d’autore, arrivando a chiudere il servizio di Google News.

 

Secondo alcuni osservatori, la Commissione Ue ha ceduto alle feroci pressioni di alcuni potenti editori ed è meglio che il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, corregga il tiro prima che avvenga l’irreparabile.

“Il Mercato Unico Digitale, fiore all’occhiello di Juncker, non potrà diventare una realtà se la Commissione impone regole che rendono più difficile competere per le nascenti imprese digitali“, si legge sul Financial Times.

La soluzione, dice qualcuno, deve essere equa e non fare il gioco di alcuni potenti player a scapito degli altri attori.

Insomma il sistema va sì cambiato, perché è giusto che gli editori vengano ripagati per il loro lavoro specie quando i motori di ricerca o gli aggregatori di notizie ci guadagnano con la pubblicità, ma fissando paletti equi senza il rischio di cadere dalla padella alla brace.

 

Raffaella Natale

 

Fonte: https://www.key4biz.it/copyright-la-riforma-ue-riapre-lo-scontro-tra-google-ed-editori/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr, a destra Valentina Nucera, medico e socio Aidr
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Da sinistra: Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella
Da sinistra: Mauro Rosario Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Platea
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
Giancarla Rondinelli, giornalista Mediaset, Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr

Notizie e Comunicati correlati

donne digitali
Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, lo afferma un rapporto di The Brookings Institution che ritiene che le donne abbiano migliori competenze tecnologiche e digitali rispetto agli uomini, ma sono ancora sottorappresentate nel settore. Un ....
mar 21 nov, 2017
digitale
Confindustria Digitale e il Team di Piacentini lanciano il progetto "Sistema Paese 4.0". L'obiettivo è informare imprese e PA sui vantaggi del digitale: prima tappa a Perugia. Riflettori sul Piano Triennale. Piacentini: "Semplificare le norme". ....
lun 20 nov, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589