Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Quanto cresce il Web? Gli esperti: "Non riusciamo più a capirlo"

Quanto cresce il Web? Gli esperti: "Non riusciamo più a capirlo"

www.aidr.it
20-09-2016

Il progressivo esaurimento degli indirizzi Ipv4 e la migrazione verso l'Ipv6 ha messo in seria difficoltà le misurazioni. L'allarme di Akamai e del Mit: "Senza nuove metriche, non sapremo quanto è grande Internet".

 

L'esaurimento degli indirizzi IPv4 rende sempre più difficile misurare le dimensioni di Internet, anche con l'accelerazione dell'adozione di indirizzi IPv6. Lo sostiene uno studio Akamai condotto col MIT.

Oggi il web è diventato un sistema complesso che include indirizzi su IPv6 e altri ancora attivi esclusivamente su IPv4. Infatti, anche se l'attività IPv6 è raddoppiata nel 2015 (si contavano 400 milioni di indirizzi alla fine dell'anno scorso), la grande maggioranza degli utenti del web è ancora su indirizzi IPv4 (1,2 miliardi di indirizzi unici a fine 2015).

 

Akamai e MIT affermano che lo spazio per gli indirizzi IPv4 si è avvicinato alla saturazione nel 2014 e ora la crescita del numero di nuovi indirizzi nel vecchio protocollo è ferma. "Dopo molti anni di crescita costante, abbiamo rilevato una stagnazione nel numero di indirizzi IPv4 attivi a inizio 2014", scrivono gli autori dello studio. "Di conseguenza, il conteggio degli indirizzi IPv4 attivi resta uguale". Tuttavia, Internet è in crescita, dunque contare gli indirizzi IPv4 non basta più per definire e misurare questa espansione e questo accade perché, spiegano gli esperti, "anche se il numero di indirizzi attivi IPv4 resta uguale, il set di indirizzi attivi IPv4 cambia in continuazione: c'è un churn alto e costante. Nell'attività giornaliera, noi abbiamo notato che circa il 7% degli indirizzi IPv4 che contattano la rete che distribuisce i contenuti (CDN) cambia".

Insomma, il numero totale di indirizzi sul vecchio protocollo è uguale, ma "la popolazione di indirizzi IPv4 non è affatto costante": quasi un quarto della popolazione attiva di indirizzi IPv4 è cambiata nell'ultimo anno.

 

Perciò diventa essenziale aggiornare gli strumenti di misurazione delle dimensioni del web basati sugli indirizzi. Gli indirizzi sono importanti non solo per consentire a Isp e regolatori di fare pianificazione, dicono da Akamai e MIT, ma per attività come la geolocalizzazione o il network troubleshooting.

Altro nodo evidenziato dallo studio è quello degli indirizzi statici IPv4: uno spreco di risorse, dicono gli esperti. “Abbiamo scoperto che in oltre il 75% dei gruppi di indirizzi assegnati staticamente meno di un quarto degli indirizzi contenuti sono attivi. Al contrario, la maggior parte dei gruppi di indirizzi dinamici ha attività su tutti i suoi indirizzi Ip”. Si tratta di ampio spazio non utilizzato e recuperabile.

 

"Questa è una nuova era per Internet", concludono gli autori, "in cui la crescita non si può più misurare contando gli indirizzi IPv4 attivi. Per affrontare la carenza di spazi IPv4 si devono adottare meccanismi diversi: il nostro studio mostra quali sono le aree in cui si può migliorare".

 

Patrizia Licata

Fontehttp://www.corrierecomunicazioni.it/it-world/43438_internet-spaccato-tra-ipv4-e-ipv6-ora-e-difficile-misurare-la-crescita-del-web.htm

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Da sinistra: Flavia Marzano, assessora Roma Semplice; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia; Carlo Mochisismondi, presidente Forum PA; Giampiero Dalia, senatore e presidente Commissione Parlamentare per le Questioni regionali
Da sinistra verso destra: Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Arturo Siniscalchi, Vicepresidente AIDR, Dirigente Formez PA
Giancarla Rondinelli, giornalista Mediaset, Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr, a destra Valentina Nucera, medico e socio Aidr
Da sinistra verso destra: Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR, Promotrice MAMME IN PARLAMENTO

Notizie e Comunicati correlati

donne digitali
Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, lo afferma un rapporto di The Brookings Institution che ritiene che le donne abbiano migliori competenze tecnologiche e digitali rispetto agli uomini, ma sono ancora sottorappresentate nel settore. Un ....
mar 21 nov, 2017
AIDR
Ferri: “Con le nuove tecnologie la giustizia ha già risparmiato 63 milioni di euro” . “Con la digitalizzazione è possibile avviare quel percorso che aiuta il cittadino a ritrovare la fiducia nella Pubblica amministrazione. ....
mar 21 nov, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589