Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Quanto cresce il Web? Gli esperti: "Non riusciamo più a capirlo"

Quanto cresce il Web? Gli esperti: "Non riusciamo più a capirlo"

20-09-2016
www.aidr.it

Il progressivo esaurimento degli indirizzi Ipv4 e la migrazione verso l'Ipv6 ha messo in seria difficoltà le misurazioni. L'allarme di Akamai e del Mit: "Senza nuove metriche, non sapremo quanto è grande Internet".

 

L'esaurimento degli indirizzi IPv4 rende sempre più difficile misurare le dimensioni di Internet, anche con l'accelerazione dell'adozione di indirizzi IPv6. Lo sostiene uno studio Akamai condotto col MIT.

Oggi il web è diventato un sistema complesso che include indirizzi su IPv6 e altri ancora attivi esclusivamente su IPv4. Infatti, anche se l'attività IPv6 è raddoppiata nel 2015 (si contavano 400 milioni di indirizzi alla fine dell'anno scorso), la grande maggioranza degli utenti del web è ancora su indirizzi IPv4 (1,2 miliardi di indirizzi unici a fine 2015).

 

Akamai e MIT affermano che lo spazio per gli indirizzi IPv4 si è avvicinato alla saturazione nel 2014 e ora la crescita del numero di nuovi indirizzi nel vecchio protocollo è ferma. "Dopo molti anni di crescita costante, abbiamo rilevato una stagnazione nel numero di indirizzi IPv4 attivi a inizio 2014", scrivono gli autori dello studio. "Di conseguenza, il conteggio degli indirizzi IPv4 attivi resta uguale". Tuttavia, Internet è in crescita, dunque contare gli indirizzi IPv4 non basta più per definire e misurare questa espansione e questo accade perché, spiegano gli esperti, "anche se il numero di indirizzi attivi IPv4 resta uguale, il set di indirizzi attivi IPv4 cambia in continuazione: c'è un churn alto e costante. Nell'attività giornaliera, noi abbiamo notato che circa il 7% degli indirizzi IPv4 che contattano la rete che distribuisce i contenuti (CDN) cambia".

Insomma, il numero totale di indirizzi sul vecchio protocollo è uguale, ma "la popolazione di indirizzi IPv4 non è affatto costante": quasi un quarto della popolazione attiva di indirizzi IPv4 è cambiata nell'ultimo anno.

 

Perciò diventa essenziale aggiornare gli strumenti di misurazione delle dimensioni del web basati sugli indirizzi. Gli indirizzi sono importanti non solo per consentire a Isp e regolatori di fare pianificazione, dicono da Akamai e MIT, ma per attività come la geolocalizzazione o il network troubleshooting.

Altro nodo evidenziato dallo studio è quello degli indirizzi statici IPv4: uno spreco di risorse, dicono gli esperti. “Abbiamo scoperto che in oltre il 75% dei gruppi di indirizzi assegnati staticamente meno di un quarto degli indirizzi contenuti sono attivi. Al contrario, la maggior parte dei gruppi di indirizzi dinamici ha attività su tutti i suoi indirizzi Ip”. Si tratta di ampio spazio non utilizzato e recuperabile.

 

"Questa è una nuova era per Internet", concludono gli autori, "in cui la crescita non si può più misurare contando gli indirizzi IPv4 attivi. Per affrontare la carenza di spazi IPv4 si devono adottare meccanismi diversi: il nostro studio mostra quali sono le aree in cui si può migliorare".

 

Patrizia Licata

Fontehttp://www.corrierecomunicazioni.it/it-world/43438_internet-spaccato-tra-ipv4-e-ipv6-ora-e-difficile-misurare-la-crescita-del-web.htm

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Gian Luca Petrillo, Mauro Nicastri, Roberto Vescio, Maria Antonietta Spadorcia, Francesco Saverio E. Profiti, Sergio Alberto Codella, Andrea Bisciglia, Gennaro Petrone
Alcuni soci AIDR
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM; Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A
Da sinistra: Mauro Rosario Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Maria Antonietta Spadorcia, Maria Capalbo, Andrea Bisciglia, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno

Notizie e Comunicati correlati

SINISCALCHI
La digitalizzazione non è un processo fine a se stesso. Chiaro il messaggio del ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, la quale ha sottolineato che sotto questo aspetto “troppe volte sono state annunciate svolte immediate, ....
mar 07 ago, 2018
Festa 2 compleanno AIDR
Internet sta cambiando notevolmente la comunicazione fra cittadini e Pubblica Amministrazione. Ascolto, dialogo e monitoraggio attraverso il web stanno diventando sempre di più i pilastri della nuova comunicazione pubblica per migliorare i servizi ....
sab 28 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589