Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » «Squadra coesa, avanti i bandi di Roma facile»

«Squadra coesa, avanti i bandi di Roma facile»

www.aidr.it
17-09-2016

Due mesi complicati, ma «mai avuta alcuna intenzione di lasciare», anzi: «Con le difficoltà innegabili (abbiamo bisogno che la squadra si completi), l’emergenza ha generato una coesione che non avevo visto prima». L’assessora alla Roma semplice Flavia Marzano spegne il fuoco delle polemiche sulla giunta di Virginia Raggi e guarda avanti, al lavoro da fare. Con tre progetti pronti al decollo: bilancio “open”, largo al software libero negli uffici comunali, punti per la digitalizzazione assistita in biblioteche, aziende, banche. Tecnica pura, Marzano è stata voluta dalla sindaca per le sue competenze: laureata a Pisa in Scienze dell’Informazione, esperta di tecnologie per la Pa e di comunità virtuali, è stata fondatrice e presidente degli Stati Generali dell’Innovazione. 

Entrando in Campidoglio ho chiesto di lei. Risposta: «La Semplicità? È di là…». 

Le hanno detto la cosa giusta. Semplicità è meglio di semplificazione. L’idea è quella di usare tecnologie e digitale per rendere fruibile a tutti, abitanti e turisti, una città molto complicata, anche per la sua bellezza infinita. Un lavoro non banale perché un italiano su tre non è mai andato in internet: significa quasi un milione di romani. Per questo la nostra prima delibera approvata in giunta riguarda la realizzazione di una rete di punti “Roma facile” per aiutare i cittadini a fruire dei servizi on line. Stiamo per emanare due bandi, per il pubblico e per i privati: ci piacerebbe che chiunque abbia uno spazio, dalle biblioteche alle aziende, potesse rendersi disponibile. 

La stessa macchina amministrativa è spesso opaca. Da dove ha cominciato? 

Intanto dai dati. Il ragioniere capo del Campidoglio ha appena firmato la determinazione dirigenziale per Open bilancio: grazie alla collaborazione di Openpolis, i bilanci di Roma Capitale degli ultimi dieci anni e quelli a venire saranno resi leggibili e confrontabili grazie a una serie di grafici on line. Anche le persone prive di competenze specifiche potranno capire come sono cambiate nel tempo le voci di spesa. E la politica, misurando, potrà prendere decisioni sensate. Cambierà anche il sito del Comune, al quale oggi sono accreditate soltanto 300mila persone. La gara per il nuovo portale unico è stata aggiudicata in epoca Marino, ci stiamo lavorando. 

Un suo pallino è il software libero nella Pa. Arriverà? 

La delibera, sentita anche la commissione competente, è pronta. Chiederemo a tutta la Pa romana che prima di comprare del software verifichi se si possa o meno utilizzare il software libero. Vogliamo cominciare per piccoli passi, senza integralismi, e abbiamo già la disponibilità di Libre Italia per fare formazione. I risparmi si vedranno nel lungo periodo, i vantaggi per la Pa sono altri: tecnici, maggiore autonomia. 

Roma farà rete con le altre città? 

Il 3 ottobre promuoveremo in Campidoglio un incontro tra tutti gli assessori italiani all’Innovazione, di ogni colore, per confrontare esperienze su open government, smart city, agenda digitale. Sogniamo un ecosistema degli innovatori. 

Manuela Perrone 

Fontehttp://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-09-17/squadra-coesa-avanti-bandi-roma-facile-081334.shtml?uuid=ADpQ34LB


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra verso destra: Raffaella Regoli, Caporedattore Mediaset; Rosangela Cesareo, Blogger e socio AIDR; Francesca Montemagno, Presidente di Pari o Dispare;
Platea
I relatori e i partecipanti al convegno
Arturo Siniscalchi, Vice Presidente AIDR
Da sinistra: Mauro Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (5 ist,0 cat)
Da sinistra: Carlo Flamment; Francesco Verbaro; Carlo Mochi Sismondi ; Gianluca Maria Esposito; Alessandro Bacci.

Notizie e Comunicati correlati

a
Domani in conferenza Stato Regioni sarà ratificato l’accordo, stretto oggi, tra l’Agenzia per l’Italia e le Regioni per attuare il piano triennale per la spesa pubblica tecnologica. Per la prima volta è chiarito come si ....
gio 15 feb, 2018
Mauro Nicastri
L’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) sostiene l’appello di Carlo Mochi Sismondi, presidente di Forum PA, il quale afferma di dover “rimettere al centro dell’agenda politica i temi dell’innovazione digitale”, ....
mar 13 feb, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
VmWay
A.P.S.P.
Adiconsum
API
Consorzio Vini Mantovani
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589