Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » ''Mai più soli a mensa'': l'app creata da Natalie, 16 anni, vittima di bullismo

''Mai più soli a mensa'': l'app creata da Natalie, 16 anni, vittima di bullismo

www.aidr.it
16-09-2016

Si chiama "Sit With Us" ed è stata ideata da una studentessa americana di 16 anni. Chi è già seduto segnala il posto libero e chi vaga con il vassoio in mano può controllare lo smartphone per sedersi in compagnia. 

 

Nessuno dovrà più pranzare da solo". Natalie Hampton, studentessa americana di 16 anni, ha trasformato la promessa fatta a se stessa in una app. Utilizzare "Sit With Us" (trad. ''siediti con noi'') è semplice: chi è seduto segnala il posto libero al proprio tavolo e chi vaga per la sala con il vassoio in mano controlla lo smartphone e si siede. C'è un unico vincolo: sia l'ospite che l'invitato devono impegnarsi ad essere accoglienti e gentili durante tutto il pranzo. "Grazie alla app - spiega Natalie - non si corre il rischio di essere respinti davanti a tutti e di creare situazioni d'imbarazzo".

 

La storia. Natalie, in passato, è stata vittima di bullismo. In una scuola per sole ragazze di Los Angeles, un gruppo di compagne l'aveva emarginata, dicendole che era grassa e brutta, che non avrebbe mai avuto un'amica. L'hanno perfino minacciata di morte, spingendola contro un armadietto e graffiandola. Per due anni ha subito e sofferto in silenzio, temendo la reazione del gruppo. Un muro d'omertà che è crollato quando è stata ricoverata in ospedale perché aveva smesso di mangiare e non riusciva ad addormentarsi. "E' stato il periodo più difficile della nostra vita", racconta la madre.

 

RispostaRep: Cosa fare contro il cyberbullismo? Risponde Michela Marzano

 

Per frequentare l'high school Natalie ha scelto un altro istituto. Adesso ha molti amici, partecipa alle attività extrascolastiche e sogna di studiare psicologia e neuroscienze al college. Non ha dimenticato il buio di quei due anni ma adesso, invece di fuggire, lo affronta a testa alta. Nel suo impegno contro il bullismo, la app è il primo passo verso l'inclusione di tutti gli adolescenti della scuola. "Non mi sembra di chiedere tanto - spiega Natalie - non è impegnativo. Basta cambiare il modo in cui ci si approccia alla persona che si ha di fronte". 

 

 

La ricerca. L'impegno di Natalie contro il bullismo rende orgogliosa la famiglia, i docenti e i compagni di scuola. Ed è il segnale più forte che si possa mandare a un adolescente. Non ci sono ore di lezione che tengano o corsi di educazione civica che catturino più dell'esperienza e della lotta di un coetaneo. Una ricerca portata avanti da alcuni professori delle università di Rutgers, di Princeton e di Yale dimostra che, quando gli studenti partecipano attivamente, senza l'interferenza degli insegnanti, si ottengono risultati migliori. Grazie a campagne-test contro il bullismo, organizzate dagli studenti, si è registrata una riduzione del 30 per cento del fenomeno. 

 

CLAUDIO CUCCIATTI 

 

Fonte: http://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2016/09/15/news/ragazza_bullismo_app_mensa-147815288/


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Platea
Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM
La platea dei partecipanti
AIDR e Fattore Mamma
La platea dei partecipanti
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista
Da sinistra: Maria Antonietta Spadorcia, Rosangela Cesareo, Cristiana Luciani, Elena Barbieri

Notizie e Comunicati correlati

a
Domicilio digitale, non significa solo “da oggi le multe del comune arrivano nella tua casella di posta elettronica”. Far passare questa comunicazione sarebbe un errore gravissimo.  In attesa della realizzazione dell’Anagrafe nazionale ....
dom 15 lug, 2018
 Acquisizioni tecnologiche: l’Europa vende, la Cin
Cambia la pubblicità degli operatori per le offerte Internet. L’Autorità per le Comunicazioni (Agcom) ha infatti approvato una delibera che obbliga gli operatori a fare chiarezza nei confronti dei consumatori. E così chi offre ....
sab 14 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589