Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Avvocati: nuove opportunità di lavoro dal pacchetto europeo sulla privacy

Avvocati: nuove opportunità di lavoro dal pacchetto europeo sulla privacy

A
16-09-2016

Il mondo della privacy rappresenta di certo un campo destinato ad aprire numerose prospettive professionali a coloro che sono specializzati in materia.

 

Già da tempo, infatti, i dati personali costituiscono uno degli aspetti che tutte le società sono chiamate a gestire in maniera attenta e oculata e che, con l'espandersi del mondo digitale, non può più essere sottovalutato.

 

A tale circostanza si aggiunge la recente approvazione del pacchetto europeo di protezione dati, che dal 25 maggio 2018 diverrà direttamente applicabile in tutti i paesi dell'Unione Europea con conseguente adeguamento delle diverse normative privacy.

 

Tra le numerose novità che modificheranno il mondo della tutela e della protezione dei dati personali, una in particolare è di grande interesse per gli avvocati: l'introduzione del cd. data protection officer.

Tutti gli enti pubblici e gli enti privati che trattano dati delicati o provvedono al monitoraggio sistematico e di larga scala di individui devono infatti affidarsi a un soggetto che informi il titolare del trattamento degli obblighi derivanti dal regolamento, lo consigli circa la loro corretta esecuzione e vigili sul loro effettivo adempimento.

 

Il data protection officer, inoltre, sarà chiamato ad effettuare delle valutazioni di impatto sulla protezione dei dati raccolti e farà da intermediario tra gli interessati da un lato e il Garante per la protezione dei dati personali dall'altro.

È evidente che l'approfondita conoscenza della legislazione in materia di privacy rappresenta un requisito fondamentale per poter ricoprire tale delicato incarico e che, pur potendo a tal fine avvalersi di dipendenti interni, è presumibile che leaziende molto più frequentemente si affideranno a dei professionisti esterni.

 

Candidati principali per l'assunzione del ruolo di data protection officer, chiaramente, non possono che essere gli avvocati esperti in materia di privacy, dato che non sembrano esserci particolari ostacoli di natura deontologica o di altra natura in tal senso.

Può darsi che alle competenze sul campo si affiancheranno, tra i requisiti richiesti per il conferimento dell'incarico, anche alcune certificazioni, ma ancora non è detto nulla.

 

Ciò che è certo è che tra poco più di un anno si aprirà qualche scenario aggiuntivo per gli avvocati, ovviamente se preparati in materia.

A tal proposito si segnala che, a differenza di quanto avviene in altri paesi, negli studi legali italiani non si sente ancora parlare molto di privacy, materia da sempre trascurata ma che, ora più che mai, andrebbe assolutamente rivalutata.


Valeria Zeppilli 

 

FonteAvvocati: nuove opportunità di lavoro dal pacchetto europeo sulla privacy 
(www.StudioCataldi.it) 

 
 
 

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai, Isabella Mori, Membro della Direzione Nazionale di Cittadinanzattiva per le politiche nazionali su trasparenza e corruzione
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
La platea dei partecipanti
Alcuni soci AIDR
Enrico Costa, Ministro per gli Affari regionali con delega in materia di politiche per la famiglia

Notizie e Comunicati correlati

a
Domicilio digitale, non significa solo “da oggi le multe del comune arrivano nella tua casella di posta elettronica”. Far passare questa comunicazione sarebbe un errore gravissimo.  In attesa della realizzazione dell’Anagrafe nazionale ....
dom 15 lug, 2018
 Acquisizioni tecnologiche: l’Europa vende, la Cin
Cambia la pubblicità degli operatori per le offerte Internet. L’Autorità per le Comunicazioni (Agcom) ha infatti approvato una delibera che obbliga gli operatori a fare chiarezza nei confronti dei consumatori. E così chi offre ....
sab 14 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589