Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » AssetProtection. La security di Israele: un modello contro il cybercrime

AssetProtection. La security di Israele: un modello contro il cybercrime

itallian Digital Revolution
14-09-2016

Israele è il paese leader mondiale in soluzioni di cybersecurity per la comunità militare e di intelligence.   

Per chi si occupa di security è noto che Israele rappresenta a questo proposito un modello esemplare. Da una necessità, ingenerata dalla situazione geopolitica, ha saputo configurare una virtù, che la colloca oggi in posizione di leader mondiale per soluzioni di cybersecurity per la comunità militare e di intelligence. Ed è per questo che è certamente utile condividere quali sono le leve che ha sfruttato nell’ultimo decennio per raggiungere risultati tanto apprezzabili: ci riferiamo ad esempio al tasso di crimini informatici, inferiore all’1%, e al volume d’affari dell’industria cyber che copre il 5% di un mercato globale da 75 miliardi di dollari.

 

La strategia attuata dal governo consiste nel consolidamento progressivo di un unico polo: aziende locali, multinazionali, organi politici, militari ed il mondo accademico coesistono sostenendo lo sviluppo di un ecosistema informatico fiorente, favorendo la diffusione delle competenze ed il corretto nutrimento per un’innovazione costante. Si chiama CyberSpark, un progetto nato nel 2014 dalla forte spinta del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

 

I meccanismi incentivanti attivati, che riguardano sovvenzioni corrisposte alle aziende in relazione ai salari pagati ai lavoratori e ai contributi aggiuntivi riconosciuti per mantenere la proprietà intellettuale in Israele, hanno attratto in poco tempo grandi attori privati, quali tra gli altri Deutsche TelekomPayPalOracleLockheed MartinEMC e IBM.

Inoltre, anche le startup emergenti sono oggetto di interesse; si veda ad esempio l’acquisizione della WatchDox da parte di Blackberry.


In secondo luogo, così come sottolinea Roni Zehavi, CEO di CyberSpark, le multinazionali sono anche incoraggiate all’insediamento grazie alla disponibilità di personale altamente qualificato, avendo l’opportunità di attingere direttamente dall’università Ben Gurion, uno dei centri accademici israeliani di maggior prestigio. Questo fermento culturale fortemente specialistico sembra incoraggiare la conoscenza reciproca, lo scambio di idee e, perché no, la cooperazione in differenti progetti altamente efficaci oltre che redditizi.

 

Un terzo elemento di successo è rappresentato dalla contaminazione con la Unit 8200, unità operativa dell’Israel Defense Forces (IDF), le Forze di Difesa israeliane. Nello specifico, sotto il comando del Direttorato dell’Intelligence Militare, è incaricata dello spionaggio di segnali e comunicazioni, decrittazione di informazioni e codici cifrati, e cyber warfare. Inoltre, l’esperienza dei veterani dell’IDF non viene certamente dispersa, bensì reimpiegata attraverso il loro ricollocamento nel settore privato come esperti.

 

Secondo una ricerca dell’Hague Centre for Strategic Studies (Hcss), condotta sulla base di molteplici criteri, Israele risulta tra i primi dieci paesi maggiormente preparati a difendersi da cyber attacchi, raggiungendo un punteggio, seppur inferiore rispetto a USA e Gran Bretagna, superiore rispetto alla Russia e all’emergente Cina.

 

Da quello che abbiamo potuto discutere, una security efficace ha origine dall’interazione di molteplici fattori e tutti quanti hanno bisogno di propulsione per crescere e restituire i propri frutti. E questa propulsione trova le sue origini in meccanismi attuativi concreti di natura legislativa e fiscale. Chissà che quanto detto non possa essere fonte d’ispirazione anche nazionale.

 

Alberto Buzzoli, Socio ANSSAIF 
Associazione Nazionale Specialisti Sicurezza in Aziende di Intermediazione Finanziaria 


Fontehttps://www.key4biz.it/assetprotection-la-security-di-israele-un-modello-contro-il-cybercrime/


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
La platea dei partecipanti
Da sinistra verso destra: Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Alcuni soci AIDR
Alcuni soci AIDR
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc
Da sinistra: Roberto Morello, Dirigente Medico Ospedaliero, Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR

Notizie e Comunicati correlati

a
Domicilio digitale, non significa solo “da oggi le multe del comune arrivano nella tua casella di posta elettronica”. Far passare questa comunicazione sarebbe un errore gravissimo.  In attesa della realizzazione dell’Anagrafe nazionale ....
dom 15 lug, 2018
 Acquisizioni tecnologiche: l’Europa vende, la Cin
Cambia la pubblicità degli operatori per le offerte Internet. L’Autorità per le Comunicazioni (Agcom) ha infatti approvato una delibera che obbliga gli operatori a fare chiarezza nei confronti dei consumatori. E così chi offre ....
sab 14 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589