Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » AssetProtection. La security di Israele: un modello contro il cybercrime

AssetProtection. La security di Israele: un modello contro il cybercrime

itallian Digital Revolution
14-09-2016

Israele è il paese leader mondiale in soluzioni di cybersecurity per la comunità militare e di intelligence.   

Per chi si occupa di security è noto che Israele rappresenta a questo proposito un modello esemplare. Da una necessità, ingenerata dalla situazione geopolitica, ha saputo configurare una virtù, che la colloca oggi in posizione di leader mondiale per soluzioni di cybersecurity per la comunità militare e di intelligence. Ed è per questo che è certamente utile condividere quali sono le leve che ha sfruttato nell’ultimo decennio per raggiungere risultati tanto apprezzabili: ci riferiamo ad esempio al tasso di crimini informatici, inferiore all’1%, e al volume d’affari dell’industria cyber che copre il 5% di un mercato globale da 75 miliardi di dollari.

 

La strategia attuata dal governo consiste nel consolidamento progressivo di un unico polo: aziende locali, multinazionali, organi politici, militari ed il mondo accademico coesistono sostenendo lo sviluppo di un ecosistema informatico fiorente, favorendo la diffusione delle competenze ed il corretto nutrimento per un’innovazione costante. Si chiama CyberSpark, un progetto nato nel 2014 dalla forte spinta del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

 

I meccanismi incentivanti attivati, che riguardano sovvenzioni corrisposte alle aziende in relazione ai salari pagati ai lavoratori e ai contributi aggiuntivi riconosciuti per mantenere la proprietà intellettuale in Israele, hanno attratto in poco tempo grandi attori privati, quali tra gli altri Deutsche TelekomPayPalOracleLockheed MartinEMC e IBM.

Inoltre, anche le startup emergenti sono oggetto di interesse; si veda ad esempio l’acquisizione della WatchDox da parte di Blackberry.


In secondo luogo, così come sottolinea Roni Zehavi, CEO di CyberSpark, le multinazionali sono anche incoraggiate all’insediamento grazie alla disponibilità di personale altamente qualificato, avendo l’opportunità di attingere direttamente dall’università Ben Gurion, uno dei centri accademici israeliani di maggior prestigio. Questo fermento culturale fortemente specialistico sembra incoraggiare la conoscenza reciproca, lo scambio di idee e, perché no, la cooperazione in differenti progetti altamente efficaci oltre che redditizi.

 

Un terzo elemento di successo è rappresentato dalla contaminazione con la Unit 8200, unità operativa dell’Israel Defense Forces (IDF), le Forze di Difesa israeliane. Nello specifico, sotto il comando del Direttorato dell’Intelligence Militare, è incaricata dello spionaggio di segnali e comunicazioni, decrittazione di informazioni e codici cifrati, e cyber warfare. Inoltre, l’esperienza dei veterani dell’IDF non viene certamente dispersa, bensì reimpiegata attraverso il loro ricollocamento nel settore privato come esperti.

 

Secondo una ricerca dell’Hague Centre for Strategic Studies (Hcss), condotta sulla base di molteplici criteri, Israele risulta tra i primi dieci paesi maggiormente preparati a difendersi da cyber attacchi, raggiungendo un punteggio, seppur inferiore rispetto a USA e Gran Bretagna, superiore rispetto alla Russia e all’emergente Cina.

 

Da quello che abbiamo potuto discutere, una security efficace ha origine dall’interazione di molteplici fattori e tutti quanti hanno bisogno di propulsione per crescere e restituire i propri frutti. E questa propulsione trova le sue origini in meccanismi attuativi concreti di natura legislativa e fiscale. Chissà che quanto detto non possa essere fonte d’ispirazione anche nazionale.

 

Alberto Buzzoli, Socio ANSSAIF 
Associazione Nazionale Specialisti Sicurezza in Aziende di Intermediazione Finanziaria 


Fontehttps://www.key4biz.it/assetprotection-la-security-di-israele-un-modello-contro-il-cybercrime/


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Cinzia Dato, Amedeo Scornaienchi, Mauro Nicastri, Pasquale Natella,
Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Giancarla Rondinelli, giornalista Mediaset, Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
a
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (1 ist,0 cat)
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista

Notizie e Comunicati correlati

Rai
Il passaggio al digitale diverrà prima o poi per tutti un passo obbligato. La Rai ha scelto di giocare un po’ in anticipo, decidendo di investire sul digitale e di implementare una rete nazionale entro brevi periodi Prima è toccato ....
mer 18 apr, 2018
documenti
Solo pochi commercialisti hanno optato finora per la conservazione digitale. Le cose sono destinate a cambiare con l’introduzione dell’obbligo 2019 della fatturazione elettronica B2B. Vediamo come. Ma occorre ancora approfondire l’impatto ....
mar 17 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589