Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » eGovernment, in Italia troppi ostacoli e bassa penetrazione. Servizi mobile friendly al 36% (il 54% nell'UE)

eGovernment, in Italia troppi ostacoli e bassa penetrazione. Servizi mobile friendly al 36% (il 54% nell'UE)

gov
28-11-2017

I risultati del nuovo studio eGovernment Benchmark 2017 della Commissione europea: Italia male su quasi tutte le voci, ma ampi margini di crescita in competenze digitali e uso di internet. Il completamento del Digital Single Market contribuirà per 415 miliardi di euro l’anno all’economia Ue.


I servizi online offerti nel settore pubblico continuano a crescere in Europa. L’eGovernment (o eGov) si afferma e si diffonde nei Paesi dell’Unione europea (Ue), soprattutto per i servizi offerti su piattaforme mobili, in relazione alla carta di identità elettronica, nella centralità dell’utente, nei servizi cross border e molto altro.

Anche in Italia, ovviamente, qualcosa si muove, ma il dato complessivo non è soddisfacente e anzi, in alcuni settori, siamo troppo indietro rispetto alla media Ue. È quanto emerso dalla 14° Report Benchmark Measurement of European eGovernment Services della Commissione europea, finalizzato a monitorare l’attuale livello di trasformazione digitale all’interno delle Pubbliche Amministrazioni (PA) degli Stati membri, analizzando fino a che punto queste sono “sulla buona strada” per raggiungere i loro obiettivi in ambito digital.

Prendendo ad esempio alcuni passaggi del documento, è chiaro che sono stati fatti dei buoni passi in avanti per quanto riguarda la creazione di siti web disponibili su piattaforma mobile, con più della metà dei servizi (54%) mobile friendly (rispetto al 27% del 2015).
La centralità dell’utente nei servizi pubblici europei, che ha raggiunto circa l’85%, indica l’elevato livello di disponibilità dei servizi online e delle possibilità di interazione e di feedback tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni.
Per quanto riguarda, invece, la trasparenza e gli investimenti nei principali abilitatori digitali, la carta di identità elettronica è rintracciabile solo in un servizio pubblico europeo su due (52% nell’Ue) – è il 61% in Italia) – mentre la compilazione anticipata dei moduli online con i dati degli utenti già a disposizione della Pubblica Amministrazione è ferma a quota 47%.

Scendendo al dato italiano, per quanto riguarda i servizi digitali della PA “mobile friendly”, l’Italia è al 36%, la centralità dell’utente all’82%, la compilazione di documenti anticipata in rete al 28%.

Complessivamente, In termini di “performance”, l’Italia è caratterizzata dal più basso livello di “penetrazione” in Europa: solo il 19% dei cittadini utilizzano i servizi online per sottoporre documentazioni alle autorità amministrative pubbliche. Invece il livello di “digitalizzazione” è medio-basso ma comunque vicino alla media europea (61% Italia vs 65% Ue).
Per questo, il nostro paese fa parte di uno “scenario e-Gov non consolidato”, relativo agli stati che non stanno sfruttando adeguatamente le opportunità offerte dall’ICT.

Negli “Indicatori relativi”, il nostro Paese sembra essere caratterizzato da un ambiente che rallenta l’efficacia delle azioni di eGov: l’apertura di dati e informazioni (60% Italia vs 59% Ue) e la digitalizzazione del settore privato (30% Italia vs 35% Ue) sono quasi in linea con la media europea, mentre tutti gli altri indicatori (competenze digitali – 38% Italia vs 51% Ue; uso dell’ICT – 34% Italia vs 48% Ue; qualità – 56% Italia vs 71% Ue; e connettività – 44% Italia vs 60% Ue ) sono più basse dei valori europei.
In particolare, per gli utenti italiani ci sono ampi margini di crescita nelle competenze digitali e nell’uso regolare di internet.

  • Performance eGovernment in Italia:
  • Servizi mobile friendly: 36% (media EU 54%)
  • Centralità dell’utente: 82% (media EU 85%)
  • Trasparenza: 54% (media EU 59%)
  • Servizi cross-border per i cittadini: 38% (media EU 61%)
  • Servizi cross-border per le aziende: 78% (media EU 66%)
  • Abilitatori chiave: 61% (media EU 62%)


Un capitolo a parte è riservato al Digital Single Market, che lentamente sta prendendo piede un po’ ovunque nell’Ue e secondo il Report “tre servizi su cinque (60%) sono disponibili online in vari paesi”.
Il completamento del Digital Single Market, precisano i ricercatori, potrebbe contribuire per 415 miliardi di euro l’anno all’economia europea, creare nuovi posti di lavoro e migliorare significativamente i servizi pubblici. 

Flavio Fabbri

Fonte: http://bit.ly/2ibictA

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Vincenzo Panella,
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Da sinistra verso destra: Enza Bruno Bossio, parlamentare e componente Intergruppo Innovazione, Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci (AIDR); Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confi
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
In rete la solidarietà corre senz’altro più veloce. Ne sa qualcosa l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) che ha donato alcuni tablet ai piccoli pazienti dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria ....
mer 03 gen, 2018
AIDR
Al Galà di Natale organizzato da Aidr è stata premiata la fondazione pontificia Scholas Occurrentes, della rete mondiale di istituti educativi creata da Papa Francesco. Il Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri ha sottolineato: “Dobbiamo ....
mar 26 dic, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589