Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » SPID, un milione e mezzo di italiani ha l'identità digitale

SPID, un milione e mezzo di italiani ha l'identità digitale

15-07-2017
spid

SPID, sistema pubblico per l'identità digitale. Ne sono dotati già 1.483.080 italiani. Aumentano anche i gestori che lo rilasciano: ad Aruba, Infocert, Poste Italiane, Sielte e Tim si affiancano Namirial S.p.a e Register.it S.p.a.

A gennaio erano 1.000.103, oggi sono 1.483.080. Parliamo di SPID, il sistema pubblico per l'identità digitale attivato dal governo per rendere più semplice e immediato il rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione. Un solo PIN, cioè sempre la stessa user e password, per accedere ai 4.155 servizi online erogati da 3.656 amministrazioni. SPID in aumento, servizi in aumento. Quantità e velocità non sono quelli auspicati, ma l'andamento è costante. Tra qualche giorno, poi, aumenteranno anche i gestori dell'identità digitale.

Ad Aruba, Infocert, Poste Italiane, Sielte e Tim si affiancano Namirial S.p.a e Register.it S.p.a. L'Agenzia per l'Italia digitale (AGid) fa sapere che "entro il mese di luglio, entrambi inizieranno a erogare a cittadini e imprese le credenziali uniche per l'accesso ai servizi online della pubblica amministrazione".

In attesa dell'entrata in servizio dei nuovi gestori, è bene chiarire che SPID resterà gratuito i primi due anni e dopo potrebbe essere a pagamento. Quanto? Non si sa, ma è presumibile che si tratterà più o meno delle stesse somme richieste oggi per attivare la PEC, più o meno 5 euro l'anno. Si tratta solo di ipotesi, ovviamente. Se si pensa che la Posta Elettronica Certificata sostituisce in tutto e per tutto la raccomandata con ricevuta di ritorno - ha lo stesso valore legale - e che tutte le aziende pubbliche e private sono dotate di PEC, ognuno può farsi i conti in tasca.

Leggi anche: Ho attivato lo SPID gratuitamente via webcam, che efficienza!
La domanda da porsi è: può servirmi lo SPID? A cosa? La nostra risposta è sì.

Basta scorrere l'elenco dei servizi erogati dalle PA. Già oggi con SPID si può controllare la propria situazione INPS, INAIL, fare visure, pagare tasse e tributi, fare prenotazioni, iscrivere i figli a scuola, stamparsi i certificati anagrafici, consultare il Fascicolo Sanitario Elettronico, scegliere o cambiare il medico di famiglia, modificare domicilio o residenza, eccetera. Ad esempio SPID si è reso indispensabile per studenti e docenti che volevano accedere ai bonus di 500 euro da spendere in attività culturali o di aggiornamento professionale.

Volenti o nolenti, tutti gli enti pubblici e gran parte di quelli privati che erogano servizi pubblici, dovranno implementare il servizio sulle loro piattaforme online. È solo questione di tempo.

E voi siete già dotati di SPID o avete intenzione di sottoscrivere il servizio ?

Pino Bruno

Fonte: http://bit.ly/2tHMpV4

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

AGENDA DIGITALE ITALIANA DIEGO PIACENTINI
Diego Piacentini ha annunciato che da oggi partono i suoi ultimi 45 giorni 'in prorogatio' nella carica di commissario governativo per il digitale e l'innovazione, fino alla nomina del suo successore dopo la quale rientrerà negli Stati Uniti. "Ringrazio ....
lun 17 set, 2018
Teresa Alvaro
L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR augura i migliori auguri di buon lavoro a Teresa Alvaro, nuovo Direttore Generale di AgID, ed è pronta, da subito, a collaborare per garantire un rilancio delle azioni in tema di digitalizzazione ....
ven 31 ago, 2018

Eventi correlati

Aa
Data: 17-10-2016
Luogo: Palazzo Parigi, a Milano
Le nuove tecnologie e l'efficienza di gestione nelle vendite. Evento organizzato dal gruppo Risorsa per raccontare l'evoluzione aziendale nell'ambito della Sales force automation.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589