Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » L'Europa ci boccia (ancora): l'Italia "galleggia" fra gli innovatori

L'Europa ci boccia (ancora): l'Italia "galleggia" fra gli innovatori

20-06-2017
x

Dati negativi in termini di connessioni, mercato finanziario, supporto all'imprenditoria e investimenti aziendali. Note positive dall'attrattività della ricerca nazionale e dal patrimonio intellettuale. Ecco i risultati del Regional Innovation Scoreboard elaborato dalla Commissione europea


Il rendimento innovativo dei Paesi Ue ha continuato a crescere nell'anno passato, ma non in maniera omogenea. La Svezia continua a essere leader dell'innovazione, seguita da Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi, Regno Unito (leader dell'innovazione per la prima volta) e Germania. Tutti Paesi considerati "leader" dell'innovazione e "forti" innovatori dopo i quali i cosiddetti innovatori “moderati”: un gruppo consistente, dove, dopo Repubblica Ceca, Portogallo, Lituania, Spagna e Malta, troviamo finalmente l'Italia.

Il posizionamento del nostro paese nella nuova edizione del Regional Innovation Scoreboard, il quadro regionale di valutazione dell'innovazione elaborato dalla Commissione europea e presentato oggi, è uno di quelli da bassa classifica, che mette a nudo ancora una volta i limiti italiana in tema di ricerca e innovazione, ma anche di preparazione.

L’ottava edizione del Quadro regionale di valutazione dell'innovazione (Qri) presenta una valutazione comparativa del rendimento dei sistemi innovativi di 220 regioni di 22 Stati membri dell'UE e di Norvegia, Serbia e Svizzera. Mentre Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo e Malta sono inoltre inclusi a livello di paese.

L'Italia, con un punteggio di 75,1 (contro una media Ue di 102) si trova infatti a galleggiare tra gli innovatori moderati, come fa dal 2009 almeno, e questo per i risultati negativi in termini di connessioni, di mercato finanziario, di supporto all'imprenditorialità e di investimenti aziendali. Va meglio invece da un punto di vista dell'attrattività del sistema della ricerca nazionale, degli innovatori e del patrimonio intellettuale.

Allargando lo scenario ai confini europei, il report della Commissione rileva che per la maggior parte delle regioni il rendimento innovativo è migliorato nel tempo. Per 128 regioni su 216, ossia circa il 60 % delle regioni, il rendimento innovativo è aumentato. Per i leader regionali dell'innovazione questa percentuale supera il 75 %, per gli innovatori regionali forti e moderati si avvicina al 55 %, ma per gli innovatori regionali modesti raggiunge a malapena il 30 %. Le riduzioni di rendimento si osservano prevalentemente in regioni europee geograficamente periferiche.

Il rendimento è aumentato in tutte le regioni di Austria, Belgio, Francia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Slovacchia e Svizzera e in più della metà delle regioni di Grecia, Italia, Polonia e Svezia. Il valore è invece diminuito in tutte le regioni della Romania e in più della metà delle regioni di Danimarca, Finlandia, Germania, Portogallo, Repubblica ceca, Spagna, Ungheria. Nel corso del tempo si è osservato un andamento divergente nei rendimenti regionali, con un ampliamento delle differenze di rendimento tra regioni. La Commissione europea osserva poi una forte correlazione tra innovazione e competitività regionale,

"Molto si può ancora fare per ottimizzare il rendimento dell'innovazione e della ricerca. In quest'ottica ci stiamo preparando a sostenere gli innovatori di punta, grazie al nuovo consiglio europeo per l'innovazione nell'ambito del programma quadro di ricerca e innovazione - Orizzonte 2020 - commenta Carlos Moedas, commissario Ue per la Ricerca, la scienza e l'innovazione -. In tempi di globalizzazione e rapidi mutamenti tecnologici, l'innovazione è essenziale per la prosperità dell'economia europea e dei nostri cittadini”.

Andrea Frollà

Fonte: http://bit.ly/2tJNkAD

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

On. Fabrizio Di Stefano
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Mauro Nicastri, Presidente AIDR
Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai
Sergio Alberto Codella avvocato giuslavorista, Segretario Generale AIDR, Francesco Orsomarso avvocato civilista, Mauro Nicastri Presidente AIDR, Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR, Promotrice MAMME IN PARLAMENTO
Giuseppe De Lucia, relazioni istituzionali Ericsson e Rosangela Cesareo, blogger.
AIDR e Fattore Mamma

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
Lunedì 22 ottobre, alle ore 15 presso l’unità operativa di neuropsichiatria infantile dell’ospedale Gemelli di Roma diretta dal Prof. Eugenio Mercuri, Italian Digital Revolution (www.aidr.it) consegnerà alcuni tablet ai ....
sab 20 ott, 2018
1
Le nuove diete mediatiche degli italiani: tv e radio sul web, nuovi record per smartphone e social network. Nel 2018 la televisione registra una leggera flessione di telespettatori, determinata dal calo delle sue forme di diffusione più tradizionali. ....
mar 16 ott, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589