Facebook, nuova falla di sicurezza per gli utenti. 600mila password alla mercé dei dipendenti di Menlo Park

di Piero Boccellato

I problemi per Facebook non finiscono più: un nuovo scandalo relativo alla sicurezza e alla privacy sta colpendo il social network più famoso al mondo.Quasi 600 milioni di account sono a rischio a causa di una falla di sistema: tantissime password sono state salvate in un normale documento di testo privo di alcuna forma di sicurezza o criptografia, completamente accessibile a tutti i dipendenti della società di Mark Zuckerberg. L’errore è stato ammesso e rivelato sul blog ufficiale di Facebook da Pedro Canahuati, VP Engineering, Security and Privacy del social network.

La falla di sicurezza
Tutto è partito da una denuncia firmata dai ricercatori di KrebsOnSecurity, secondo i quali le password di milioni di utenti di Facebook sarebbero state archiviate in testo normale e finite alla mercé dei circa 20mila dipendenti dell’azienda nel cloud aziendale.Semplici file a portata di click, senza alcuna protezione con le probabilità che le password utilizzate per accedere a Facebook siano uguali a quelle utilizzate per gli altri servizi.Secondo Facebook, non ci sono prove che le password in chiaro siano state esposte al di fuori della società, o che siano state utilizzate dai dipendenti per accedere agli account. Perciò agli utenti non sarà richiesto di reimpostare le proprie password. Da Menlo Park fanno sapere, inoltre, “che il problema ha colpito centinaia di milioni di utenti di Facebook Lite, decine di milioni di altri utenti di Facebook, e decine di migliaia di utenti di Instagram”.

Per la vostra sicurezza cambiate password
Se usate Facebook, il consiglio è non solo di cambiare password ma farlo anche per gli account di altri servizi, soprattutto se avete il vizio di usare le stesse password per più servizi. L’ideale sarebbe usare password esclusive per gli account più importanti, soprattutto per la posta elettronica, i conti online e i social network e quando è possibile, attivate sempre la verifica a due fattori.

L’ennesimo scivolone
Oramai gli scandali sulla privacy di Facebook non fanno più nessun rumore. Non è bastato Cambridge Analityca, l’attacco hacker di ottobre 2018 che ha visto coinvolti 90 milioni di utenti, o la cessione dei dati a terze parti che vede Facebook indagato dalla Corte Federale di New York (l’ultima in ordine di arrivo)Proprio adesso che Mark Zuckerberg è diventato il paladino della privacy con il suo nuovo progetto di fondere Facebook, Instagram e WhatsApp (alla faccia della privacy) il CEO prende un altro scivolone, l’ennesimo.

Non riusciamo a capire perché un’azienda che ha 2 miliardi di utenti registrati e con un fatturato di 41 miliardi di dollari (dati 2017) non riesca a proteggere minimamente i propri utenti. Incompetenza forse? O consapevolezza del valore immenso che hanno i dati degli utenti per poter aumentare il fatturato?

Fonte: Key4biz.it del 22/03/ 2019

Archivio

“Il GDPR per il marketing e il business online”

Presentazione libro De Stefani il 18 giugno a Montecitorio Il processo di adeguamento al GDPR (acronimo di General Data Protection Regulation) riguarda anche il mondo online. Questo significa che è...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
19/06/2019
Presentazione libro esperta De Stefani su Gdpr, intervento sottosegretario Fantinati Incontro a Montecitorio, a un anno da entrata in vigore nuovo Regolamento Roma, 19 giugno – Da una parte la conoscenza delle nuove norme europee, che in fatto di privacy hanno modificato in maniera sostanziale le regole da seguire sul web. Dall’altra la necessaria attenzione […]
Notizie
17/06/2019
Incontro a Montecitorio con medici ed esperti del settore Viceministro Castelli: reinvestire risparmi per migliorare salute cittadini Roma, 17 giugno – È necessario dare impulso alle nuove sfide digitali, anche in campo sanitario, per offrire una cura ancora più adeguata ai cittadini e per ottenere risultati davvero convincenti in fatto di prevenzione. Senza dimenticare il […]
Notizie
16/06/2019
Il processo di adeguamento al Gdpr (acronimo di General Data Protection Regulation) riguarda anche il mondo online. Questo significa che è necessario conoscere le caratteristiche tecniche dello strumento che si utilizza ed è indispensabile avere dimestichezza con le norme giuridiche che tutelano i dati personali. Incrociando questi due diversi aspetti si arriva a comprendere esattamente […]

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!