Elettrificazione e digitale, incremento di 23 miliardi per la produzione industriale in Italia al 2030

Elettrificazione fattore abilitante per la riduzione delle emissioni di CO2 e il raggiungimento dei target europei di decarbonizzazione entro il 2030. Secondo studio TEHA-Enel: la produzione industriale registrerà un aumento calcolato attorno ai 200 miliardi di euro nell’Ue, per 1,4 milioni di nuovi posti di lavoro. 

Il passaggio dall’odierna economia basata sui combustibili fossili ad una più pulita, decarbonizzata e a impatto ambientale zero, passa necessariamente per l’innovazione tecnologica e le nuove fonti energetiche rinnovabili.

Lo Studio condotto da The European House – Ambrosetti (TEHA), in collaborazione con Enel e Fondazione Centro Studi Enel, “Just E-volution 2030”, si pone l’obiettivo di evidenziare quelli che sono i vantaggi di questa transizione energetica per l’Europa (con focus su Italia, Spagna e Romania), in termini di riduzione dei costi socio economici legati alle emissioni inquinanti, di aumento netto di produttività industriale e di nuovi posti di lavoro.

Il modello che ne è uscito ha consentito agli studiosi di sviluppare uno scenario econometrico in grado di stimare gli impatti socio-economici della transizione energetica green, caratterizzata dal progressivo passaggio dalla generazione elettrica da fonti fossili, come il carbone e il gas, a quella da fonti rinnovabili, come idroelettrico, solare, eolico e geotermico.

Una transizione favorita dallo sviluppo tecnologico, come detto, dalla digitalizzazione e dall’elettrificazione dei consumi, come ad esempio per la mobilità (emobility), il riscaldamento degli ambienti, la cottura dei cibi e altri utilizzi domestici.

A fronte di una generazione sempre più rinnovabile, la progressiva penetrazione dell’elettricità nel sistema energetico ci permetterà non solo di decarbonizzare i settori storicamente più inquinanti dell’economia, ma anche di creare valore in modi nuovi, offrendo nuovi servizi ai consumatori, sempre più attori centrali del sistema elettrico”, ha dichiarato Francesco Starace, Amministratore delegato di Enel.

Valerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House – Ambrosetti, ha invece commentato: “La valutazione quantitativa degli impatti socio-economici derivanti dalla transizione energetica è una condizione necessaria per la definizione delle agende dei policy-maker al fine di garantire una transizione che non sia “just a transition” ma una “just transition for all”.

Il documento considera il vettore elettrico (elettrificazione) come fattore abilitante alla riduzione delle emissioni di CO2 e al raggiungimento dei target europei di decarbonizzazione entro il 2030: riduzione del 40% delle emissioni di gas a effetto serra rispetto ai livelli del 1990; quota del 32% di fonti rinnovabili di energia nei consumi finali e miglioramento del 32,5% nell’efficienza energetica.

L’elettrificazione, secondo la ricerca TEHA-Enel, è centrale in questo processo per diversi motivi, tra cui: l’elettricità, se generata da un mix bilanciato con una quota rilevante di rinnovabili, permette di ridurre le emissioni di CO2; rafforza la resilienza e la sicurezza di approvvigionamento del sistema energetico; offre livelli superiori di efficienza energetica; si integra facilmente con la digitalizzazione agevolando una migliore gestione dei consumi; stimola l’innovazione e la sostenibilità degli stili di vita e dei processi industriali, assicurando prodotti migliori; favorisce la crescita di soluzioni in ottica di economia circolare e, infine, riduce l’inquinamento acustico.

La transizione energetica, sempre secondo lo studio, favorirà la nascita di nuovi servizi digitali, caratterizzati da un elevato potenziale di sviluppo nei prossimi anni. In particolare, la previsione al 2030 del valore di produzione considera soluzioni quali tecnologie di accumulo dell’energia – batterie, smart network managementdemand responsesharing platformhome to gridvehicle-grid integration, domotica e sistema di sensori per la mobilità, per un valore, in Europa, stimato in circa 65 miliardi di euro, di cui 6 miliardi in Italia, 4 miliardi di euro in Spagna e 1 miliardo di euro in Romania.

Nel dettaglio, le proiezioni elaborate dallo studio valutano gli effetti della transizione energetica sulla produzione industriale con un incremento fino a 199 miliardi di euro per l’Union europea (Ue) legato alla crescita del valore economico del settore elettrico, che a sua volta determinerà un aumento netto della produzione industriale stimabile tra 113 e 145 miliardi di euro, sempre nell’Ue, di cui 14-23 miliardi in Italia, 7-8 in Spagna e 2-3 in Romania.

Positivi anche gli effetti sul mercato del lavoro, con 1,4 milioni di nuovi occupati, in particolare: fino a +173mila in Italia; fino a +97mila in Spagna e fino a +52mila in Romania.

Si riducono anche i costi legati all’inquinamento dell’aria, con conseguente risparmio fino a circa 3 miliardi di euro al 2030 per i Paesi dell’Unione.

Alla riduzione dei costi della tecnologia e alle nuove modalità di produzione, distribuzione e consumo, si aggiungono infine i nuovi comportamenti virtuosi dei cittadini, sempre più attenti alle tematiche ambientali: per il 67% dei partecipanti a un’indagine condotta dalla Commissione europea, contrastare il cambiamento climatico e proteggere l’ambiente dovrebbero essere al primo posto dell’agenda dei policy maker.

Fonte: Key4biz.it del 09/09/2019

Archivio

BlockChain for Business

EVENTO – 22 OTTOBRE 2019
La rivoluzione tecnologica che cambierà il futuro delle aziende. Un concetto perfetto per un futuro in cui tutti noi utilizzeremo le tecnologie blockchain…

Conferenza stampa di presentazione del “Bando Nazionale per la promozione di Startup Innovative”

GIOVEDÌ 11 LUGLIO dalle ore 16:00 alle ore 17:00 – Sala Stampa della Camera dei Deputati – Via della Missione, 4 – ROMA

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/09/2019
Guardando l’evoluzione della storia industriale italiana, caratterizzata da sempre da una crescita a forte connotazione maschile, si nota subito che l’imprenditoria femminile nel nostro paese è un fenomeno relativamente recente. Per molto tempo le donne hanno giocato un ruolo marginale nel tessuto imprenditoriale del nostro paese a causa di una società dove la divisione dei compiti all’interno della famiglia tra uomo e donna era netta e l'accesso al mondo del lavoro per le donne era decisamente ostacolato da fattori culturali
Notizie
15/09/2019
Genitori ed insegnanti devono essere pienamente consapevoli che dietro alle straordinarie potenzialità della tecnologia si celano profonde implicazioni sociali, culturali ed etiche. Occorre programmare tutti insieme azioni e percorsi formativi che aiutino gli studenti a capire la complessità del cambiamento, piuttosto che marginalizzare alcuni aspetti come semplici rischi. Buon anno scolastico a tutti!
Notizie
13/09/2019
Capita spesso di leggere o di sentir parlare di progetti o politiche il cui scopo è quello di replicare il successo della Silicon Valley. Casi come la Thames Valley in Inghilterra, la “Startup City” di Berlino in Germania, la Silicon Oasis in Dubai, sono solo alcuni esempi.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!