Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Wi-fi gratuito in tutta Europa, la Ue dà l'ok definitivo

Wi-fi gratuito in tutta Europa, la Ue dà l'ok definitivo

wi-fi
09-10-2017

Il Consiglio ha dato il via libera al progetto WiFi4EU: PA e altri enti pubblici potranno chiedere finanziamenti per l'installazione di hotspot laddove non vi siano già connessioni Internet simili. Coinvolte 6mila comunità locali.

L'Ue sponsorizzerà punti di accesso Wi-Fi gratuiti in municipi, biblioteche, parchi e altri luoghi pubblici. Il Consiglio ha infatti dato il via libera al WiFi4EU. Il portale WiFi4EU multilingue e facilmente riconoscibile fornirà accesso a una connessione sicura e ad alta velocità in almeno 6mila comunità locali in tutta l'UE entro il 2020. Nel maggio di quest'anno è stato raggiunto un accordo informale sull'iniziativa con il Parlamento europeo.


"L'iniziativa WiFi4EU migliorerà l'accesso di molti cittadini a un Internet di elevata qualità e darà alle amministrazioni locali, alle biblioteche e ad altri organismi pubblici la possibilità di promuovere i loro servizi digitali - spiega Urve Palo, ministro estone dell'imprenditoria e della tecnologia dell'informazione - Potrebbe addirittura attivare un ciclo virtuoso di investimenti".

Nel quadro dell'iniziativa, i comuni, gli ospedali e altri enti pubblici potranno chiedere finanziamenti per l'installazione di nuovi punti di accesso Wi-Fi laddove non vi siano già connessioni Internet simili, pubbliche o private, che sarebbero duplicate dal nuovo hotspot. L'organismo pubblico dovrà inoltre impegnarsi a mantenere la nuova connessione per almeno tre anni. La procedura per richiedere finanziamenti sarà semplice - vi sarà una piattaforma online dedicata gestita dalla Commissione - e il sostegno dell'UE coprirà fino al 100% dei costi ammissibili.

I finanziamenti dell'Ue per questa iniziativa potrebbero ammontare complessivamente a 120 milioni di EUR fino al 2019. Essi saranno assegnati in modo geograficamente equilibrato in tutti i paesi dell'UE e, come regola generale, secondo il principio del "primo arrivato, primo servito". I criteri di selezione dettagliati saranno definiti dalla Commissione, che si occuperà inoltre di gestire l'iniziativa.

Si prevede che il primo invito a presentare progetti sia pubblicato verso la fine dell'anno, o all'inizio del 2018.

F. Me

Fonte:
 http://bit.ly/2ybWWsM

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

CYBER SICUREZZA
Il ministro dell'Interno: "L'Italia può contare su un'infrastruttura a prova di distorsioni. Strategia forte che si avvale anche di giovanissimi cervelli e delle eccellenze in ambito accademico". “Sulla cybersecurity abbiamo messo in piedi ....
gio 19 ott, 2017
CYBER SICUREZZA
La nuova prevenzione passa da sistemi di machine learning e dalle reti neurali. I "buchi neri" dell'Internet of Things e la tecnica del "falso d'autore". Reti e sicurezza: è il tema del futuro. A dirlo, tre agenti al top dei servizi di intelligence ....
sab 14 ott, 2017

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589