Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Whatsapp: chat valide come prova se si acquisisce anche il telefono

Whatsapp: chat valide come prova se si acquisisce anche il telefono

Whatapp
30-10-2017

Per la Cassazione solo così è possibile verificare l'affidabilità, nel processo penale, della mera trascrizione del contenuto della chat.

In che modo è possibile acquisire in maniera corretta una conversazione WhatsApp come prova in un processo penale? Negli ultimi tempi, nella valutazione delle strategie difensive la domanda è sempre più diffusa, visto che ormai quasi tutti fanno uso di tale applicazione.

Con la sentenza numero 49016/2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha dato una risposta: per l'utilizzabilità della chat è indispensabile l'acquisizione del supporto telematico o figurativo.

Affidabilità della prova
Per i giudici, è vero che la registrazione di tali conversazioni da parte degli interlocutori rappresenta la memorizzazione di un fatto storico, del quale è possibile disporre a fini probatori: si tratta infatti di una prova documentale legittimata dall'articolo 234 del codice di procedura penale, il quale contempla la possibilità di acquisire in giudizio anche documenti che rappresentano fatti, persone o cose attraverso la fotografia, la cinematografia, la fonografia o qualsiasi altro mezzo.

Tuttavia, è anche vero che la trascrizione ha una funzione di mera riproduzione del contenuto della principale prova documentale, con la conseguenza che la sua utilizzabilità richiede necessariamente l'acquisizione del supporto che la contiene. Solo in tal modo (e quindi esaminando direttamente il supporto) è infatti possibile controllare l'affidabilità della prova, ovverosia la paternità delle registrazioni e l'attendibilità di quanto esse documentano.

La vicenda
Nel caso di specie, il giudice del merito, in assenza del supporto, aveva deciso di non acquisire in giudizio la trascrizione della chat WhatsApp intercorsa tra l'imputato del reato di stalking e la parte offesa, che la difesa dell'imputato voleva versare agli atti del processo per provare l'inattendibilità della persona offesa.

Per la Cassazione, tale decisione è ineccepibile: la conversazione non può fare il suo ingresso nel giudizio.

Corte di cassazione testo sentenza numero 49016/2017 

Valeria Zeppilli

Fonte: http://bit.ly/2iNsdgJ

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Whatapp Facebook
Facebook e WhatsApp nelle preferenze degli italiani secondo i dati diffusi dall’Osservatorio trimestrale sulle Comunicazione di Agcom, relativo ai primi nove mesi del 2017. Ci trascorrono 26 ore e 5 minuti al mese, gli utenti totali sono 26 milioni. ....
lun 22 gen, 2018
Whatapp
Secondo un team di ricercatori tedesco l’app di messaggistica istantanea WhatsApp avrebbe una vulnerabilità che potrebbe essere sfruttata per penetrare nelle chat di gruppo senza invito, bypassando tutti gli algoritmi di crittografia che ....
lun 15 gen, 2018

Eventi correlati

Codemotion Rome 2017
Dal 22-03-2017
al 25-03-2017
Luogo: Dipartimento di Ingegneria dell'Università Roma TRE, via Vito Volterra, 60, Roma.
Il Codemotion Rome si svolgerà da 22 Marzo al 25 Marzo 2017, per una quattro giorni dedicata a tutti i programmatori, più o meno esperti.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589